0 2 minuti 2 settimane

(foto) Una ragazza palestinese, ferita in un attacco israeliano contro un campo per sfollati di Gaza, riceve cure in un ospedale di Rafah il 26 maggio 2024 (Eyad Baba/AFP)

Gli attacchi hanno avuto luogo nel quartiere di Tel al-Sultan, dove migliaia di persone si erano rifugiate, e sono avvenuti due giorni dopo che la Corte internazionale di giustizia aveva ordinato a Israele di fermare l’offensiva di Rafah.

L’ufficio stampa del governo di Gaza ha dichiarato domenica sera che almeno 35 persone sono state uccise e decine sono state ferite negli attacchi aerei israeliani contro un centro per sfollati vicino alla città di Rafah, nell’estremo sud del territorio palestinese .

L’attacco ha avuto luogo nel quartiere di Tel al-Sultan, nella parte occidentale di Rafah, dove migliaia di persone si stavano rifugiando dopo che molti erano fuggiti dalle zone orientali della città, dove le forze israeliane avevano iniziato un’offensiva di terra più di due settimane fa.

Gli attacchi aerei sono avvenuti appena due giorni dopo che la Corte internazionale di giustizia aveva ordinato a Israele di “fermare immediatamente la sua offensiva militare a Rafah”.

“L’occupazione israeliana ha commesso un terribile massacro bombardando intensamente e intenzionalmente il centro sfollati di Barkasat, nell’Unrwa, a nord-ovest del governatorato di Rafah”, ha affermato l’ufficio in una nota, riferendosi all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi.

La presidenza palestinese ha accusato Israele di aver deliberatamente preso di mira il centro per sfollati.

R

Sorgente: Guerra a Gaza: almeno 35 morti nel “massacro” di Rafah mentre le bombe israeliane spostavano i palestinesi | Occhio del Medio Oriente