0 5 minuti 1 mese

“Ci sono momenti nella storia in cui l’oscurità è più oscura del solito, il nero è più nero e il dolore e la disperazione diventano la condizione normale per gli esseri umani”. Questa è la situazione del mondo oggi, come ha descritto Josep Borrell, Alto Rappresentante per gli Affari Esteri dell’Unione Europea, parlando davanti al Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

 

Borrell ha partecipato ad una riunione del Consiglio sulla cooperazione tra le Nazioni Unite e l’Unione Europea. Periodicamente si tengono riunioni simili in seno al Consiglio per discutere i rapporti di cooperazione con varie organizzazioni regionali.

Borrell ha affermato che lo stato attuale del mondo è motivo di grande preoccupazione, ma ha affermato che questa situazione avrebbe potuto essere peggiore se non fosse stato per le Nazioni Unite, che – attraverso la sua Carta – rimangono una guida costante per l’umanità.

Il funzionario europeo nel suo discorso ha parlato della situazione a Gaza e ha detto che questa è solo una parte di un conflitto molto pericoloso che infuria tra palestinesi e israeliani da quasi un secolo. Ha detto che è in gioco la sopravvivenza del popolo di Gaza. Ha sottolineato la necessità che gli aiuti entrino nel settore e ha affermato che l’Unione europea sta lavorando 24 ore su 24 per facilitare questo.

Ha aggiunto: “La crisi umanitaria a Gaza è causata dall’uomo e non da un disastro naturale. Quando cerchiamo modi alternativi per fornire sostegno, sia via mare che via aria, dobbiamo ricordare che siamo costretti a farlo perché il modo naturale di le strade sono chiuse artificialmente, la fame è usata come arma di guerra.” “Quando condanniamo ciò che sta accadendo in Ucraina, dobbiamo usare le stesse parole per ciò che sta accadendo a Gaza.”

Ha aggiunto che le Nazioni Unite e le sue agenzie a Gaza sono l’ultima ancora di salvezza per molti. Ha fatto riferimento alle accuse rivolte all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi ( UNRWA ). L’Unione attende con interesse, ha affermato, “il completamento delle indagini indipendenti delle Nazioni Unite condotte dall’Ufficio dei servizi di supervisione interna e l’audit che sarà condotto da esperti dell’Unione europea, oltre ai risultati della Commissione Colonna istituita dal il Segretario Generale delle Nazioni Unite.”

Ma ha detto che l’UNRWA esiste perché ci sono rifugiati palestinesi, “e questi rifugiati non scompariranno se l’UNRWA scompare”. Ha aggiunto che l’unico modo per porre fine al lavoro dell’UNRWA è rendere questi rifugiati cittadini di uno Stato palestinese che coesiste con lo Stato di Israele.

Ha affermato che per raggiungere questo obiettivo è necessario raggiungere la soluzione dei due Stati, che a suo dire è stata oggetto di molte chiacchiere e di pochi sforzi reali negli ultimi anni. Egli ha espresso la speranza che ciò avvenga attraverso una risoluzione emessa all’unanimità dal Consiglio di Sicurezza che sostenga la soluzione dei due Stati e definisca i principi generali che possono portare a questo risultato.

Sudan

Il funzionario europeo è passato a parlare del Sudan, affermando che “si trova ad affrontare la più grande crisi di sfollati interni al mondo, poiché quasi 8 milioni di persone sono state sfollate” all’interno e all’esterno dei confini sudanesi a causa del conflitto tra le forze armate sudanesi e le forze armate sudanesi. le Forze di Supporto Rapido.

Ha parlato dei pericoli della carestia in Sudan e ha affermato che “l’incapacità del governo de facto di consentire alle agenzie delle Nazioni Unite di fornire aiuti attraverso il Ciad peggiora la situazione”.

Ha sottolineato che i contributi dell’Unione Europea e dei suoi Stati membri rappresentano un terzo della risposta internazionale totale alla situazione in Sudan. Ma ha detto che questo non basta e ha invitato tutti ad ampliare la portata dell’aiuto umanitario. Ha sottolineato la necessità che tutti i partiti – e i loro sostenitori – lavorino per mettere a tacere le armi e porre fine alle ostilità immediatamente e senza precondizioni.

Sorgente: Funzionario della politica estera dell’Unione Europea: dobbiamo condannare ciò che sta accadendo a Gaza proprio come facciamo con l’Ucraina Notizie delle Nazioni Unite

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20