Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
21 April 2024
0 6 minuti 4 settimane

La guerra a Gaza sta distruggendo i record dell’umanità “nella sua stagione più buia”, mentre gli aiuti vengono ostacolati e si perdono vite umane

Una persona trascina i suoi averi per le strade di Khan Yunis, a sud della Striscia di Gaza.
©UNICEF/Eyad El Baba
Una persona trascina i suoi averi per le strade di Khan Yunis, a sud della Striscia di Gaza.

Aiuto umanitario

Durante la sua seconda visita nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre, James Elder, portavoce del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), ha affermato che la guerra a Gaza “ha distrutto la storia dell’umanità nei suoi capitoli più oscuri” e ha sottolineato l’urgente necessità che l’umanità scrivere un capitolo diverso.

Questo è ciò che ha detto ai giornalisti a Ginevra, parlando da Gaza attraverso la tecnologia video tra i rumori dei bombardamenti, che lo hanno spinto a smettere di parlare più volte per alcuni istanti. Ha aggiunto che dalla sua ultima visita nella Striscia, circa 3 mesi fa, “ogni terribile statistica che riguarda bambini, famiglie e civili è aumentata drammaticamente”.

L’anziano ha detto che la città di Rafah è “completamente irriconoscibile”  mentre le persone vivono in condizioni miserabili e dormono in strade affollate. Ha detto che c’è un bagno ogni 850 persone circa, e moltiplica questo numero per quattro quando si tratta di fare la doccia, poiché c’è un bagno ogni 3.600 persone.

“Si tratta di un disprezzo scioccante per i bisogni umani più basilari e, naturalmente, per la dignità umana”, ha affermato .

Di distruzione di massa

La vicina città di Khan Yunis non è migliore, secondo un portavoce dell’UNICEF che ha detto che la città “non esiste quasi più”.

Ha aggiunto: “Nei vent’anni che ho trascorso alle Nazioni Unite, non ho mai assistito a una tale devastazione. Caos e devastazione, macerie e macerie, in ogni direzione, ovunque guardo, in ogni strada. Devastazione totale”.

Il signor Elder ha messo in guardia dalle conseguenze di qualsiasi attacco militare su larga scala a Rafah, dicendo: “Rafah è una città di bambini. Ci sono 600.000 ragazze e ragazzi qui”. Ha affermato che la descrizione corretta per qualsiasi operazione su larga scala nella città è un “assalto”, ricordando che ospita alcuni degli ultimi ospedali, rifugi e reti idriche rimasti a Gaza.

Stomaci vuoti al Nord

Un portavoce dell’UNICEF ha detto che ieri ha potuto visitare Jabalia, nel nord, dove ha visto persone disperate che si portavano le mani alla bocca chiedendo cibo. Ha detto che gli sforzi di soccorso sono stati ostacolati, aggiungendo che c’è un punto di passaggio a soli dieci minuti da queste persone che potrebbe cambiare questa crisi umanitaria in pochi giorni, ma rimane chiuso. Ha detto che l’imminente carestia a Gaza è del tutto prevedibile, prevenibile, provocata dall’uomo e reversibile “se verranno prese le giuste decisioni”.

Ha aggiunto: “Cerchiamo di essere chiari. Gli aiuti salvavita vengono ostacolati, si perdono vite umane e la dignità viene portata via”.

Il signor Edler ha detto che la speranza e la disperazione (che sono opposti) sono molto evidenti a Gaza. Ha aggiunto: “L’indicibile viene spesso detto a Gaza, dalle ragazze adolescenti che dicono di sperare di essere uccise per far finire il loro incubo, a un bambino a cui viene detto che è l’ultimo membro della sua famiglia in vita. Questo orrore non è più unico a Gaza. In mezzo a tutto questo, continua: “Così tanti palestinesi coraggiosi, generosi e instancabili, che si sostengono a vicenda con tutto ciò che avevano”.

Assedio completo

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) aveva messo in guardia da un’imminente carestia a Gaza “da qui a maggio” nella Striscia settentrionale, a seguito dell’ultimo rapporto sulla classificazione della fase di sicurezza alimentare integrata  .

I dati del rapporto indicano che “l’intera popolazione” di Gaza – circa 2,3 milioni di persone – soffre di alti livelli di “acuta insicurezza alimentare”. Tra questi, più di 1,1 milioni di persone soffrono di una “fame catastrofica”, nota come Fase 5 dell’IPC.

Intervenendo dal Cairo alla conferenza stampa delle agenzie delle Nazioni Unite a Ginevra, Abdel-Hakim Al-Waer, vicedirettore generale della FAO e rappresentante regionale per il Vicino Oriente e il Nord Africa, ha confermato che il nord della Striscia di Gaza “ resta completamente assediato e inaccessibile. “

In risposta alle domande dei giornalisti sui commenti dei politici israeliani che confutano l’idea della carestia a Gaza, Al-Waer ha insistito: “Certamente, abbiamo prove sufficienti che dimostrano la continua diffusione della fame estrema e dell’insicurezza alimentare acuta e grave”. , e carenza di risorse alimentari di base e acqua”,  sottolineando che… Coloro che affermano il contrario devono fornire prove.

Al-Waer ha dichiarato: “Ci sono casi di morte a causa della fame, e questi sono i primi indicatori di carestia. Spero che non aspetteremo la piena dichiarazione di carestia perché la situazione attuale richiede un’azione, che è atteso da tempo.

Soundcloud

Sorgente: La guerra a Gaza infrange i record dell’umanità “nei suoi capitoli più oscuri”, mentre gli aiuti vengono ostacolati e si perdono vite umane | Notizie delle Nazioni Unite

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Facebook0
YouTube20
YouTube
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot