0 4 minuti 2 mesi

Al-Alam News dalla Gerusalemme occupata ha riferito che negli ambienti militari e politici israeliani si parla di un’espansione della guerra, che significa più bombardamenti e tentativi di invasione di terra. L’esercito di occupazione ha dichiarato settimane fa che tutti i piani verso il fronte con il Libano erano pronti e l’amministrazione americana ne era stata informata.

Ha aggiunto: Ma ciò che sta accadendo ora riguardo all’espansione della guerra verso il Libano arriva a rassicurare e mettere a tacere le voci dei coloni fuggiti dagli insediamenti adiacenti al confine libanese, che sono più di 30 insediamenti.

Poi ha continuato: Il Ministro della Difesa Galant e Netanyahu parlano quindi di un’ulteriore escalation verso il fronte settentrionale, e non è improbabile che venga annunciato l’espansione dell’operazione, per calmare la rabbia dei militanti e dei icoloni fuggiti da quelle zone.

Pattuglia Hezbollah sul confine libanese

Il giornalista ha sottolineato che c’è un grosso dilemma di fronte al livello politico e di sicurezza, su come ci sarà il ritorno dei coloni alla luce della decisione di rimuovere le forze Hezbollah e la Forza Radwan dietro il fiume Litani .

Fin dall’inizio della crisi c’è stata una chiara posizione israeliana secondo cui non vogliamo un’escalation e vogliamo dare una possibilità agli sforzi diplomatici, che sembrano falliti dopo i viaggi dell’inviato americano, sia in Libano che a Tel Aviv. .

Un raid israeliano fa saltare in aria un intero quartiere in Libano
Il corrispondente di Al-Alam Channel nel sud del Libano ha riferito che un reparto israeliano ha effettuato un’operazione contro un centro nella città di Tayr Harfa, che ha portato alla sua completa distruzione, e che vi sono stati anche una serie di raid lanciati dall’occupazione in molti villaggi libanesi. in particolare Al-Dhahra, Marwahin, Ayta Al-Shaab e Maroun Al-Ras.
E aggiunge: I raid più violenti sono avvenuti nel pomeriggio , durante i quali è stato distrutto un intero quartiere, senza che si registrassero vittime.

Ha continuato: L’artiglieria d’occupazione ha effettuato attacchi su Kafarkila, Hula e Mays al-Jabal, fino ad Aita al-Shaab, Alma al-Shaab e Ramya.

Inoltre, il nostro corrispondente ha riferito che la resistenza ha risposto a questi attacchi con una serie di operazioni, la più importante delle quali è avvenuta nella caserma Rmeim, dove ha preso di mira un gruppo di soldati d’occupazione con missili Burkan.

Ha spiegato: I missili della resistenza hanno colpito anche molti altri siti da Wadi Hunin a Birkat Risha e il resto degli altri siti che erano obiettivi della resistenza e hanno ottenuto colpi diretti.

Il corrispondente del canale Al-Alam ha aggiunto: Ora ci sono bombe lanciarazzi sganciate dall’esercito di occupazione, soprattutto sui villaggi del settore orientale, e gli aerei da ricognizione sorvolano notevolmente, dopo che gli aerei militari hanno effettuato diversi raid nel sud del Libano.

Fonte: Al Alam

Traduzione: Fadi Haddad

Sorgente: Un giornalista rivela: Potremmo essere a poche ore da un Massiccio attacco al Libano – controinformazione.info

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20