Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
24 June 2024
0 11 minuti 5 mesi

La Corte Mondiale esaminerà il caso di genocidio contro Israele

Il Sudafrica cerca misure urgenti per fermare gli abusi a Gaza

La Corte internazionale di giustizia dell’Aia, Paesi Bassi, 27 agosto 2018.

Fare clic per espandere l’immagine

La Corte internazionale di giustizia dell’Aia, Paesi Bassi, 27 agosto 2018. © 2018 Mike Corder/AP Photo

(L’Aia) – Le udienze della Corte internazionale di giustizia (ICJ) dell’11 e 12 gennaio 2024 sul genocidio a Gaza includeranno la prima risposta formale da parte di Israele davanti a un tribunale indipendente e imparziale alle accuse di atrocità contro il popolo palestinese da ottobre 7, 2023, ha dichiarato oggi Human Rights Watch. Il 29 dicembre, il Sudafrica ha presentato una causa alla corte sostenendo che Israele sta violando la Convenzione del 1948 sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio .

Il 2 gennaio, funzionari israeliani hanno confermato che Israele sarebbe stato rappresentato presso la Corte Internazionale di Giustizia per opporsi alla richiesta del governo sudafricano. Il Sudafrica sostiene che Israele ha violato la Convenzione sul genocidio commettendo un genocidio contro i palestinesi a Gaza e non riuscendo a prevenirlo, anche non ritenendo alti funzionari israeliani e altri responsabili del loro incitamento diretto e pubblico al genocidio. Il caso non è un procedimento penale contro individui ma mira a una determinazione legale della responsabilità dello Stato per il genocidio.

“Il caso del Sud Africa riguarda gli obblighi di Israele ai sensi della Convenzione sul genocidio e pone la sua condotta a Gaza in primo piano davanti al più alto organo giudiziario delle Nazioni Unite”, ha affermato Balkees Jarrah , direttore associato della giustizia internazionale presso Human Rights Watch. “Il Sud Africa ha chiesto alla Corte Mondiale di emanare misure urgenti per proteggere i palestinesi di Gaza che affrontano condizioni di vita catastrofiche a causa dellacrimini di guerraeffettuato dalle autorità israeliane”.

Anche se potrebbero volerci diversi anni prima che il caso raggiunga una sentenza definitiva, il Sudafrica ha chiesto alla corte di ordinare misure provvisorie per proteggere il popolo palestinese di Gaza da ulteriori danni, garantire il rispetto da parte di Israele della Convenzione sul genocidio e salvaguardare la capacità del Sudafrica di avere il controllo caso equamente giudicato. Il Sud Africa ha chiesto alla Corte Internazionale di Giustizia di emanare queste misure “come una questione di estrema urgenza”, affermando che i palestinesi di Gaza hanno “urgente e grave bisogno della protezione della Corte”. Le argomentazioni sulla richiesta di misure provvisorie saranno oggetto delle udienze dell’11 e 12 gennaio.

Tra le misure provvisorie richieste vi è quella che Israele sospenda immediatamente le sue operazioni militari a Gaza e rispetti i suoi obblighi ai sensi della Convenzione sul genocidio. Il Sudafrica cerca anche misure per prevenire la distruzione e garantire la conservazione di qualsiasi prova relativa al caso di fondo, anche concedendo a missioni conoscitive , mandati internazionali e ad altri organismi l’accesso a Gaza.

Il Sudafrica ha inoltre chiesto alla Corte di richiedere a Israele di riferirgli sulle misure adottate per eseguire un ordine di misure provvisorie entro una settimana dalla sua emissione e poi a intervalli regolari fino a quando la Corte non emetterà la sua sentenza definitiva. Nelle sue argomentazioni orali dell’11 gennaio, il Sudafrica potrebbe chiedere espressamente alla corte di rendere pubblici i rapporti di Israele.

Nel suo ricorso alla Corte Internazionale di Giustizia, il Sud Africa afferma che Israele sta uccidendo un gran numero di palestinesi a Gaza, causando loro gravi danni fisici e mentali, imponendo misure intese a prevenire le nascite palestinesi e infliggendo condizioni di vita calcolate per provocare la distruzione dei palestinesi. come un gruppo. Il Sudafrica ha citato le espulsioni e gli sfollamenti di massa; privazione dell’accesso a cibo e acqua adeguati, assistenza medica, alloggio, vestiti, igiene e servizi igienico-sanitari; e la distruzione del tessuto della vita palestinese a Gaza.

Il Sudafrica sostiene inoltre che gli “atti di genocidio” dovrebbero essere collocati “nel contesto più ampio della condotta di Israele nei confronti dei palestinesi durante i suoi 75 anni di apartheid, i suoi 56 anni di occupazione belligerante del territorio palestinese e i suoi 16 anni di lungo blocco di Gaza”.

Il Sudafrica sostiene che numerose dichiarazioni di funzionari politici e militari israeliani costituiscono la prova di un chiaro intento di distruggere i palestinesi di Gaza come gruppo. Dice che “la chiara conclusione dagli atti dell’esercito israeliano sul campo… è che quelle dichiarazioni e direttive genocide vengono attuate contro il popolo palestinese”. La richiesta del Sudafrica fa riferimento a diverse dichiarazioni di esperti delle Nazioni Unite che hanno messo in guardia dal rischio di genocidio.

La corte ascolterà la risposta formale di Israele il 12 gennaio. Il Ministero degli Affari Esteri israeliano, in una dichiarazione pubblicata il 29 dicembre 2023, ha descritto la richiesta del Sud Africa come “diffamazione del sangue” e che l’accusa “manca sia di una base fattuale che legale e costituisce sfruttamento spregevole e sprezzante della Corte”. Un resoconto dei media ha affermato che il Ministero degli Esteri israeliano ha incaricato i suoi diplomatici di fare pressione sui funzionari dei paesi ospitanti affinché rilasciassero dichiarazioni contro il caso del Sud Africa. Il ministro degli Esteri israeliano ha inoltre espressamente esortato il Regno Unito ad opporsi alla richiesta del Sud Africa. I media hanno riferito il 9 gennaio che il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha affermato di non ritenere che il caso della Corte internazionale di giustizia sia utile. 

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti  ha descritto la richiesta del Sudafrica  come “priva di merito, controproducente e completamente priva di qualsiasi base di fatto”. Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller  ha affermato separatamente  che Washington “non ha ancora visto atti che costituiscano un genocidio” e che il caso della Corte internazionale di giustizia “ non è un passo produttivo in questo momento”. 

Numerose parti della Convenzione sul genocidio hanno accolto con favore la richiesta del Sudafrica, tra cui Bangladesh ,  Bolivia Giordania  Malesia , Maldive , Pakistan , Palestina , Turchia , Namibia , Nicaragua e Venezuela . Anche l’ Organizzazione per la cooperazione islamica ha rilasciato una dichiarazione a sostegno del caso. L’ambasciatore francese all’ONU a New York ha affermato che la Francia è un forte sostenitore della Corte internazionale di giustizia e sosterrebbe le decisioni della corte. I governi dovrebbero pronunciarsi a sostegno dei procedimenti della Corte internazionale di giustizia e impegnarsi pubblicamente a sostenere il rispetto delle decisioni della corte, ha affermato Human Rights Watch.

Le autorità israeliane e i gruppi armati palestinesi hanno commesso gravi abusi durante le attuali ostilità. Hamas e altri gruppi armati palestinesi hanno deliberatamente ucciso centinaia di civili in Israele il 7 ottobre e hanno preso più di 200 ostaggi . Il governo israeliano ha poi tagliato l’elettricità, il carburante, il cibo e l’acqua alla popolazione di Gaza e ha gravemente ridotto gli aiuti umanitari salvavita, tutti gli atti dipunizione collettiva, un crimine di guerra. Le autorità israeliane stanno anche usando la fame dei civili come metodo di guerra a Gaza, il che è anch’esso un crimine di guerra, ha detto Human Rights Watch.

La prassi passata della Corte internazionale di giustizia suggerisce che una decisione sulle misure provvisorie potrebbe essere adottata entro poche settimane. Anche se tale ordine sarebbe giuridicamente vincolante per Israele, non pregiudicherebbe la fondatezza delle accuse secondo cui Israele ha violato la Convenzione sul genocidio. Un ordine di misure provvisorie viene automaticamente inviato al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite in attesa di una decisione definitiva sul caso.

L’ICJ è composta da 15 giudici eletti dall’Assemblea generale e dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per un mandato di nove anni. Quando due paesi hanno una controversia e la corte non include i loro cittadini in panchina, i governi possono nominare giudici ad hoc per esaminare quella questione specifica. In questo caso, il Sud Africa ha nominato Dikgang Moseneke , ex vice capo della giustizia del Sud Africa, e Israele ha nominato Aharon Barak, presidente in pensione della Corte Suprema israeliana, come giudici ad hoc.

Il Sudafrica, che ha ratificato la Convenzione sul genocidio nel 1998, ha presentato il caso ai sensi dell’articolo 9 della convenzione, che consente di sottoporre le controversie tra le parti all’ICJ. La Corte aveva precedentemente confermato che tutti gli Stati membri della Convenzione hanno il dovere di prevenire e punire il genocidio. Israele è parte della Convenzione sul genocidio dal 1951.

Anche il Sudafrica, insieme a Bangladesh, Bolivia, Comore e Gibuti, ha deferito  la situazione della Palestina al procuratore della Corte penale internazionale nel novembre 2023. Il Sudafrica ha chiesto al procuratore, Karim Khan, di indagare sul crimine di genocidio, tra gli altri gravi abusi commessi in Palestina con al fine di imputare i responsabili. Khan ha confermato che il suo ufficio conduce, dal marzo 2021, un’indagine su presunti crimini atroci commessi a Gaza e in Cisgiordania dal 2014, e che ha giurisdizione sui crimini nelle attuali ostilità tra Israele e gruppi armati palestinesi che coprono comportamenti illegali. da tutti i partiti. Ha visitato Israele e Palestina a dicembre.

In una questione correlata , nel dicembre 2022 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha richiesto un parere consultivo all’ICJ sulle conseguenze legali dell’occupazione prolungata da parte di Israele della Cisgiordania e di Gaza. L’Assemblea Generale chiese per la prima volta alla Corte Internazionale di Giustizia un parere consultivo relativo ai Territori Palestinesi Occupati 20 anni fa. Nel 2004, il parere consultivo dell’ICJ ha stabilito che il percorso della barriera di separazione israeliana violava il diritto internazionale e che doveva essere smantellata. La richiesta del dicembre 2022 ha una portata più ampia. Il Sudafrica, tra gli altri paesi, ha depositato una memoria scritta nel procedimento. L’ICJ convocherà udienze pubbliche sulla richiesta a partire dal 19 febbraio.

“Quanti altri campanelli d’allarme dovranno suonare e quanti altri civili dovranno soffrire o essere uccisi illegalmente prima che i governi agiscano”, ha detto Jarrah. “Il caso del genocidio del Sudafrica sblocca un processo legale presso la più alta corte del mondo per esaminare in modo credibile la condotta di Israele a Gaza nella speranza di ridurre ulteriori sofferenze”. 

Sorgente: La Corte Mondiale esaminerà il caso di genocidio contro Israele | Human Rights Watch


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot