0 4 minuti 3 mesi

Un tribunale militare israeliano ha emesso un ordine di detenzione amministrativa di sei mesi contro la leader femminista palestinese, avvocatessa, attivista e membro del Consiglio legislativo Khalida Jarrar , tenendola prigioniera senza accuse né processo.

La Società dei Prigionieri Palestinesi (PPS) ha affermato che la leader di sinistra ha ricevuto l’ordine arbitrario di detenzione amministrativa giovedì, solo sedici giorni dopo che i soldati israeliani l’hanno rapita da casa sua.

Jarrar è stata rapita il 26 dicembre 2023, quando i soldati hanno fatto irruzione e saccheggiato la sua casa, causando danni.

Israele ha rapito Jarrar molte volte da quando è stata eletta al Consiglio legislativo palestinese nel 2006, e durante la sua prigionia, sua figlia, Suha Ghassan Jarrar , 30 anni, è morta di infarto, e sua madre detenuta è stata privata del diritto di dirle addio. .

Suha era anche un impegnato difensore dei diritti umani palestinesi che ha lavorato con l’organizzazione Al-Haq per i diritti umani e ha parlato in tutto il mondo, difendendo e sostenendo i diritti e la liberazione dei palestinesi.

Nel 2014, Khalida ha resistito – e ha sconfitto – un tentativo israeliano di  sfollarla con la forza dalla sua casa di famiglia ad Al-Biereh a Gerico.

Nell’aprile 2015 è stata rapita dalle forze di occupazione israeliane e sottoposta a detenzione amministrativa e incarcerazione senza accusa né processo. Dopo una protesta globale, è stata portata davanti ai tribunali militari israeliani e ha affrontato 12 accuse basate sulla sua attività politica, dal tenere discorsi alla partecipazione a eventi a sostegno dei prigionieri palestinesi. Ha scontato 15 mesi in una prigione israeliana – ed è stata libera solo per 13 mesi prima del suo arresto nel 2017.

Durante la sua prigionia nel 2017, la leader femminista è stata anche imprigionata dalle autorità di occupazione israeliane; durante la sua prigionia, suo padre morì e lei fu privata del diritto di dirgli addio.

Il 1° novembre 2019, l’esercito ha rapito Jarrar solo otto mesi dopo il suo rilascio dopo 20 mesi di detenzione amministrativa israeliana – reclusione senza accusa né processo – dopo il suo ultimo arresto da parte delle forze di occupazione nel 2017.

Durante la sua detenzione dal 2017 al 2019, oltre 275 organizzazioni hanno firmato un appello internazionale per il suo rilascio.

L’attacco del 2019 da parte delle forze di occupazione israeliane è avvenuto anche mentre si preparava a insegnare all’Università Bir Zeit sul diritto internazionale e il movimento palestinese, e la cancellazione forzata della sua lezione si è accompagnata alla presa di mira degli studenti per la loro attività politica e studentesca nel campus.

I soldati israeliani hanno rapito Jarrar per la prima volta nell’aprile 2015 e l’hanno tenuta sotto gli stessi arbitrari ordini di detenzione amministrativa per sei mesi.

Nel dicembre 2015 è stata condannata a 15 mesi di carcere dopo che era stato raggiunto un patteggiamento tra il procuratore militare e i suoi avvocati. È stata rilasciata nel giugno 2016 ma è stata poi rapita e incarcerata con gli stessi ordini di detenzione amministrativa per la seconda volta il mese successivo.

Dal 1994 al 2006, Khalida è stato direttore generale dell’Associazione per il sostegno e i diritti umani dei prigionieri di Addameer , un’organizzazione palestinese non governativa della società civile che lavora per sostenere i prigionieri politici palestinesi detenuti nelle carceri israeliane e palestinesi. Da allora è diventata membro del consiglio di amministrazione di Addameer, rimanendo nel consiglio fino alla fine del 2017.

Sorgente: Il tribunale israeliano condanna Jarrar a sei mesi di detenzione amministrativa | – Notizie IMEMC

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20