0 6 minuti 8 mesi

da https://korybko.substack.comTraduzione di Marco Pondrelli per Marx21.itLe relazioni tra Russia e Stati Uniti hanno raggiunto il punto più basso dai tempi della crisi dei missili di Cuba a causa della guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l’Ucraina, ma le ultime notizie suggeriscono che sono in corso colloqui segreti tra i due Paesi. Il 4 novembre la NBC ha riferito che l’Occidente stava facendo pressioni sull’Ucraina affinché riprendesse i colloqui di pace con la Russia, quasi esattamente quattro mesi dopo aver riferito, il 6 luglio, che “ex funzionari statunitensi hanno tenuto colloqui segreti sull’Ucraina con esponenti russi di spicco”.Quest’ultima notizia dell’inizio dell’estate seguiva le tre apparizioni del Presidente Putin del mese precedente, a metà giugno, in cui aveva suggerito con forza che una soluzione politica al conflitto era ancora possibile, i cui dettagli erano stati documentati e analizzati qui all’epoca. Tra allora e l’ultimo rapporto della NBC, Zelensky ha rilasciato un’intervista all’Economist in cui si è messo eccessivamente sulla difensiva. L’intervista è stata analizzata qui, con la conclusione che ciò è dovuto al fatto che l’Occidente probabilmente parla di più con la Russia.Lo stesso giorno in cui è stato pubblicato il rapporto, il New York Times ha richiamato l’attenzione sulla crescente rivalità Zelensky-Zaluzhny, i cui dettagli sono stati analizzati qui insieme alle notizie associate. Ciò è rilevante per l’argomentazione sull’esistenza di colloqui segreti tra Stati Uniti e Russia, poiché potrebbero servire a congelare il conflitto nella migliore delle ipotesi, prima che si verifichi la peggiore delle ipotesi, ovvero un ammutinamento simile a quello di Prigozhin. Le notizie successive che verranno ora riportate aggiungono ulteriore credito a questa tesi.Zelensky ha ammesso in un’intervista alla NBC che i suoi patroni occidentali stanno probabilmente parlando con la Russia, durante l’intervista ha anche detto che non è il momento per le elezioni e poi ha implorato gli Stati Uniti per un prestito che ha promesso di restituire dopo la fine del conflitto. Lo stesso giorno in cui è andata in onda la sua intervista, il Washington Post ha pubblicato un articolo su come “i sostenitori dell’Ucraina devono ripensare la loro teoria della vittoria” che includeva il seguente consiglio:“La controffensiva ucraina avrebbe dovuto sostenere il sostegno politico di Kiev dimostrando che poteva riconquistare il territorio perduto. Ora, i sostenitori dell’Ucraina potrebbero dover sostenere l’argomento inverso: L’Ucraina non sta riconquistando un territorio consistente e gli aiuti sono necessari a tempo indeterminato per evitare una sconfitta devastante“.Si tratta di un’affermazione ben lontana da quella di una presunta vittoria imminente sulla Russia che occupava le pagine di quel giornale, dimostrando così quanto sia cambiata drasticamente la narrazione ufficiale di questo conflitto dopo il fallimento della controffensiva di Kiev, troppo pubblicizzata e molto costosa. Il giorno successivo, il ministro degli Esteri ucraino ha avvertito che il suo Paese non può più fare affidamento solo sugli Stati Uniti, probabilmente in risposta all’intervista di Zelensky e in particolare all’ammissione che gli Stati Uniti probabilmente stanno parlando con la Russia.Tra domenica e martedì è seguita una serie di dichiarazioni da parte di funzionari russi. Il portavoce del Cremlino Peskov, il ministro degli Esteri Lavrov e l’ambasciatore russo in America Antonov hanno tutti affermato che il dialogo con gli Stati Uniti è possibile a determinate condizioni, in particolare nel rispetto degli interessi della Russia. Gli Stati Uniti hanno poi confermato di aver invitato la Russia a partecipare al vertice APEC di questo mese a San Francisco, cosa che ha sorpreso molti che pensavano che gli USA la avrebbero snobbata per ovvi motivi politici.Il lettore dovrebbe anche essere consapevole di ciò che il Presidente Putin ha detto la scorsa settimana durante l’incontro con i membri della Camera, laddove ha rivelato che “gli americani stanno pianificando un cambio di élite – sia economica che politica”. Egli ha anche osservato che l’Occidente ha cambiato la sua mentalità per sconfiggere la Russia sul campo di battaglia, ma ha avvertito che “questo non significa che dobbiamo comportarci in modo aggressivo”, lasciando intendere di essere ancora fermamente convinto che l’attuale conflitto possa essere risolto con mezzi politici.La crescente rivalità tra Zelensky e Zaluzhny e il rifiuto del primo di indire le elezioni, avvalorano la tesi del leader russo secondo cui gli Stati Uniti stanno preparando un cambiamento delle élite politiche ucraine dopo essersi stancati di Zelensky, che rischia un ammutinamento simile a quello di Prigozhin e si rifiuta di accettare colloqui di pace. Il capo del Consiglio di sicurezza nazionale russo Patrushev ha poi lasciato intendere, poco dopo, lo stesso giorno dell’intervista di Zele

Sorgente: Gli ultimi rapporti suggeriscono che si stanno svolgendo colloqui segreti tra Stati Uniti e Russia – Marx21


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.