0 4 minuti 3 mesi

www.kulturjam.it è un quotidiano online indipendente completamente autofinanziato. Il nostro lavoro di informazione viene costantemente boicottato dagli algoritmi dei social. Per seguirci senza censure, oltre alla ricerca diretta sul nostro sito, iscrivetevi al nostro canale Telegram o alla newsletter settimanale.

Non c’è nulla di sbagliato nei movimenti per i diritti civili e individuali ma bisogna riconoscere il quadro in cui avvengono le lotte per non distorcere la realtà.

La lotta per i diritti civili e individuali

Ogni tanto finiamo dentro qualche delirio mediatico-comunicativo.
Queste rivalità creano spaccature sociali orizzontali su problemi reali, ma ingigantiti e guardati con ottica distorta.

Pulsioni diverse si mescolano e scontrano. L’impotenza elettorale è proiettata sulla cronaca nera, in una sorta di televoto.

Negli ultimi decenni abbiamo visto in Occidente l’affermarsi di un contrasto tra diritti sociali e civili.

Le due battaglie, che in buona parte del Novecento non erano state contraddittorie, con il mondo unipolare e la fine della Guerra Fredda lo sono diventate.

C’è una spiegazione teorica a tutto questo, i partiti comunisti o di ispirazione marxista, magari anche con buoni risultati elettorali, si sono trovati con un bel bagaglio di voti e potere, ma un vuoto ideologico.

Questo vacuum è stato riempito da una retorica dal sapore libertario compatibile con il capitalismo.

Siamo passati dalla visione “noi” facciamo politica, alla visione “io” faccio politica, io sono capace o non capace.

L’individuo diventa progetto esistenziale e di investimento. La partecipazione politica diventa occasionale (manifestazioni o eventi specifici), i gruppi vengono equiparati alle chiese (dimostrando un solipsismo ai limiti del maniacale, perché i gruppi politici richiedono una mediazione continua, l’opposto del conformismo).

Non esistono i fenomeni “naturali”, ma esistono delle dinamiche di potere, che come tali sono inserite in una cornice ideologica (i valori che costituiscono la visione del mondo comunitaria).

Il fenomeno sociale X può costituire un’opportunità di emancipazione per milioni di persone, ma di repressione nel movimento globale, specie se inserito in un momento di reazione.

Le dinamiche del sistema-mondo ci mostrano una sclerosi dell’egemonia USA, durante gli anni ’70 (sconfitta in Vietnam e Indocina, rivoluzione islamica in Iran, sandinisti in Nicaragua, vittorie delle sinistre in Europa occidentale, fine del fascismo in Spagna e Portogallo, svolta socialista in Angola e Mozambico, shock petrolifero).

La reazione forte e decisa fu il neoliberismo. Quella degli anni ’80 fu una svolta neo-reazionaria, per restaurare un ordine interno (rapporto di classe) e internazionale (decolonizzazione) iniquo (lo svuotamento della socialdemocrazia svedese e l’assassinio di Palme furono parte di questa fase).

Questo cappello serve ad inquadrare il problema dei movimenti.

Banalizzando tantissimo, Marx parlava di struttura (economia) e di sovrastruttura (tutto il resto). Ogni mutamento della prima è destinato a condizionare la seconda; il rapporto causa-effetto era probabilmente semplicistico (specie per le società pre-capitalistiche), ma forse si presta bene sul nostro mondo.

Non c’è nulla di sbagliato nei movimenti per i diritti individuali o civili (che sono parte del percorso di emancipazione singolare e collettiva che auspico per l’umanità), ma dobbiamo tener presente che questi avvengono in una cornice ideologica (di visione del mondo) neo-reazionaria, neoliberista, individualista.

Sostieni Kulturjam

Kulturjam.it è un quotidiano indipendente senza finanziamenti, completamente gratuito.

I nostri articoli sono gratuiti e lo saranno sempre. Nessun abbonamento.
Se vuoi sostenerci e aiutarci a crescere, nessuna donazione, ma puoi acquistare i nostri gadget.

Sostieni Kulturjam, sostieni l’informazione libera e indipendente.

VAI AL LINK – Kulturjam Shop

Sorgente: Il problema nascosto nella lotta per i diritti civili e individuali – Kulturjam