0 6 minuti 10 mesi

 

Un forum arabo-europeo ospitato lunedì dall’Arabia Saudita in vista della sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite  ha discusso le modalità per rilanciare il processo di pace tra palestinesi e Israele , mentre Riyadh ha avvertito che le speranze di trovare una soluzione a due Stati stanno svanendo.

Il cosiddetto “Sforzo per la Giornata della Pace” ha avuto luogo il giorno prima della 78esima sessione dell’Assemblea Generale di New York alla quale parteciperanno i leader di almeno 140 stati, con cambiamenti climatici, conflitti, instabilità economica e altri temi caldi all’ordine del giorno. .

Al forum saudita, al quale hanno partecipato circa 50 stati, è stato sponsorizzato anche dalla Lega Araba e dall’UE, a cui hanno aderito Giordania ed Egitto, due stati che hanno un trattato di pace con Israele e che storicamente hanno svolto un ruolo attivo nella questione israelo-palestinese.

Questa notizia arriva mentre le notizie secondo cui  i colloqui di normalizzazione tra Arabia Saudita e Israele  continuano, sebbene Riyadh rifiuti ufficialmente qualsiasi accordo con Israele prima che venga concesso lo stato alla Palestina.

In una dichiarazione televisiva dopo l’incontro, trasmessa dai media sauditi, il ministro degli Esteri, il principe Faisal bin Farhan, ha affermato che il forum mirava a “rilanciare la conversazione sulla soluzione dei due Stati… alla luce dell’escalation israeliana nei territori palestinesi”.

“Le persone hanno cominciato a perdere la speranza nella soluzione dei due Stati e noi vogliamo, con gli sforzi, riportarla in primo piano”, ha detto il ministro degli Esteri.

“Non c’è modo di risolvere il conflitto se non garantendo la creazione di uno Stato palestinese indipendente”, ha aggiunto.

I colloqui di pace israelo-palestinesi sono rimasti inattivi dal 2014, e l’aumento della violenza israeliana nei territori palestinesi ha ulteriormente complicato le possibilità di un ritorno in essi.

Anche le politiche di espansione degli insediamenti nella Cisgiordania occupata da parte del governo di estrema destra israeliano rappresentano un grosso ostacolo. Israele ha rifiutato di fare marcia indietro sulla costruzione degli insediamenti.

Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha affermato che il suo Paese resta impegnato a lavorare con partner regionali e internazionali per raggiungere intese che aprano la strada alla ripresa dei colloqui diretti tra palestinesi e israeliani – ma ha invitato Israele a “smettere di adottare misure unilaterali che ostacolare il processo di pace.”

Il massimo funzionario dell’UE Josep Borrell ha dichiarato lunedì che la pace tra palestinesi e israeliani “non sembra più vicina” 30 anni dopo la firma degli accordi di Oslo .

L’Alto Rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza ha avvertito che le condizioni sul terreno stanno peggiorando e ha sottolineato il crescente numero di coloni in Cisgiordania e Gerusalemme Est.

“La soluzione dei due Stati richiede grandi sforzi se vogliamo implementarla, e tutti devono sostenerla con passi pratici”, ha detto Borrell a Ibtisam Azem, corrispondente del  sito gemello di  The New Arab , Al-Araby Al-Jadeed.

“Vediamo che le condizioni sul terreno si stanno deteriorando ogni giorno per quanto riguarda il conflitto israelo-palestinese, e siamo preoccupati per il destino dei palestinesi e per gli effetti di questo conflitto sulla sicurezza di Israele”, ha detto.

L’ambasciatore della Palestina presso l’ONU, Riyad Mansour, ha affermato che garantire la protezione internazionale ai palestinesi non è impossibile. Più di 200 palestinesi sono morti dall’inizio di quest’anno a causa degli attacchi delle forze e dei coloni israeliani in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

Altre centinaia sono state ferite o arrestate.

“È tempo che noi [Palestina] otteniamo la piena adesione [all’ONU], soprattutto perché c’è un consenso sulla soluzione dei due Stati”, ha detto Mansour ad Al-Araby Al-Jadeed , indicando che i palestinesi vengono trattati ingiustamente perché Israele possedeva già lo status di membro a pieno titolo.

“Pertanto, qualsiasi questione relativa alla fine dell’occupazione e al raggiungimento dell’indipendenza e dei diritti nazionali per il popolo palestinese, deve svolgersi tra due Stati”, ha affermato, aggiungendo che gli incontri – ai quali parteciperà il presidente palestinese Mahmoud Abbas – si svolgeranno anche affrontare le questioni relative agli insediamenti, i diritti dei rifugiati e altri argomenti.

In una dichiarazione congiunta, i partecipanti al forum hanno annunciato incentivi per palestinesi e israeliani una volta raggiunto un accordo, in quello che hanno definito un “pacchetto di sostegno alla pace”.

“Cerca di produrre programmi e contributi dettagliati, condizionati al raggiungimento di un accordo sullo status finale, che sosterranno la pace e garantiranno che tutti i popoli della regione ne traggano i benefici. Lo sforzo mira a garantire che la Giornata della Pace sia un giorno di opportunità e di opportunità. promessa, incentivando così gli sforzi più seri per raggiungerla”, si legge nella dichiarazione.

Sono stati inoltre annunciati gruppi di lavoro incaricati di produrre “componenti realistici e fattibili” del pacchetto.

“A meno che non venga preservata la fattibilità della soluzione dei due Stati e non vengano avviati i negoziati per realizzarla, le prospettive di pace diminuiranno ulteriormente e il conflitto caratterizzerà il futuro della regione tanto quanto ne ha segnato il passato”, avverte la dichiarazione. .

Sorgente: Riusciranno l’Arabia Saudita e l’UE a rilanciare i colloqui tra Palestina e Israele?


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.