l’Australia spinge la “strategia indo-pacifica” degli Stati Uniti con la coercizione militare ed economica sulle nazioni delle isole del Pacifico – Global Times

l’Australia spinge la “strategia indo-pacifica” degli Stati Uniti con la coercizione militare ed economica sulle nazioni delle isole del Pacifico – Global Times

28 Aprile 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

GT indaga: l’Australia spinge la “strategia indo-pacifica” degli Stati Uniti con la coercizione militare ed economica sulle nazioni delle isole del Pacifico

Pubblicato: 26 aprile 2022 02:26

   

Un soldato australiano si trova sulla pista dell'aeroporto di Honiara, Isole Salomone, martedì 30 novembre 2021. Foto: VCG

Un soldato australiano si trova sulla pista dell’aeroporto di Honiara, Isole Salomone, martedì 30 novembre 2021. Foto: VCG

Per decenni, l’Australia, il “manager” degli Stati Uniti nel loro percepito “cortile” della regione del Sud Pacifico, ha palesemente proiettato la sua egemonia espansiva trattando le nazioni insulari come stati vassalli.

Sebbene la regione sia stata “trascurata” da Stati Uniti e Australia per molto tempo, quando la Cina tenta di coltivare una normale cooperazione e scambi economici lì, Canberra, Washington e i loro alleati sono implacabili nei loro attacchi isterici contro la Cina.

Il patto di sicurezza firmato a fine marzo tra la Cina e le Isole Salomone è stato costantemente ostacolato dall’Australia, prepotente nel Pacifico meridionale, appoggiata dagli Stati Uniti. Di seguito, inviati australiani e americani hanno visitato il paese insulare, cercando di fare pressioni su di esso per interrompere la cooperazione con la Cina.

Le Isole Salomone sono ora al centro dell’attenzione ma il suo Primo Ministro, Manasseh Sogavare, ha rifiutato di scendere a compromessi e ha definito “insulte” le denunce dell’Occidente.

“L’Australia ha sempre considerato la regione del Pacifico meridionale come il proprio cortile di casa, trattando i paesi insulari come stati vassalli con una mentalità coloniale”, ha affermato Chen Hong, presidente della Chinese Association of Australian Studies e direttore dell’Australian Studies Center presso l’East China Normal. Università.

Cercare di far rivivere la dottrina Monroe nella regione del Pacifico meridionale non otterrà alcun supporto e non porterà da nessuna parte, ha detto lunedì Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese.

Gli esperti hanno notato che innumerevoli precedenti hanno dimostrato che quando gli Stati Uniti e i loro alleati lanciano un così intenso “assedio diplomatico” e “attentato dell’opinione pubblica” contro un “paese più piccolo”, se si rifiuta di “compromettere”, potrebbe affrontare un blocco o addirittura sovversione del regime.

Una tradizione di bullismo

Guardando indietro ai decenni passati, l’Australia ha continuato a esercitare pressioni politiche e un’influenza militare sui paesi della regione del Pacifico meridionale e ad ostacolare la loro cooperazione economica con gli altri.

Il pensiero egemonico dell’Australia di trattare sfacciatamente i paesi indipendenti delle isole del Pacifico come sue colonie o stati vassalli è a volte più eclatante e più brutto di quello della sua controparte americana, hanno osservato gli osservatori.

Un rapporto pubblicato sabato sul Sydney Morning Herald ha suggerito che dietro la “fuga di una bozza” del patto di sicurezza tra la Cina e le Isole Salomone ci sono spie australiane. Secondo il rapporto, i servizi di intelligence australiani “hanno incoraggiato una fuga di notizie” “come ultima risorsa” per fare pressione sull’opinione pubblica nazionale e internazionale, cercando di costringere Sogavare a cambiare idea.

Per rafforzare la sua egemonia militare nella regione del Pacifico meridionale, l’Australia ha collaborato con gli Stati Uniti nell’espansione delle rispettive basi navali e aeree nell’area.

Nel 2021, ad esempio, avrebbe impegnato 175 milioni di dollari per aggiornare la base navale di Lombrum sull’isola di Manus, in Papua Nuova Guinea. La base è stata ampliata congiuntamente dagli Stati Uniti e dall’Australia negli ultimi anni per lo stazionamento di grandi navi da guerra.

In precedenza, l’ex ministro della Difesa australiano Christopher Pyne aveva affermato che alcune navi australiane “probabilmente avrebbero avuto sede permanente a Lombrum”, ha riferito l’agenzia di stampa ABC nel novembre 2018.

Aerei statunitensi atterrano sul ponte della nave d'assalto anfibia USS Bonhomme Richard durante un'esercitazione militare congiunta tra Stati Uniti e Australia, al largo di Sydney il 29 giugno 2017. Foto: VCG

Aerei statunitensi atterrano sul ponte della nave d’assalto anfibia USS Bonhomme Richard durante un’esercitazione militare congiunta tra Stati Uniti e Australia, al largo di Sydney il 29 giugno 2017. Foto: VCG

L’aiuto economico è un altro mezzo importante per l’Australia per rafforzare il suo controllo sui paesi delle isole del Pacifico. In qualità di maggiore donatore della regione, l’Australia ha fornito 7 miliardi di dollari in aiuti bilaterali a 16 paesi della regione tra il 2006 e il 2013, secondo le statistiche del Lowy Institute di Sydney. La sua assegnazione di aiuti ai paesi delle isole del Pacifico è stata di 1,72 miliardi di dollari australiani (1,24 miliardi di dollari) nell’anno fiscale 2020-21, un aumento del 56% rispetto all’anno fiscale 2012-13, ha riferito The Australian ad aprile.

Per impedire ai paesi della regione di diversificare la cooperazione economica, in particolare con la Cina, l’Australia li ha intimiditi con il cliché “teoria della minaccia cinese” o diffamazione della “trappola del debito”. Alle Figi, l’Australia ha finanziato una base militare a Nadi nel 2018 e ha “contribuito in modo ‘significativo'” per “assicurarsi i diritti come unico donatore straniero”, ha riferito The Australian nel settembre dello stesso anno.

L’Australia ha anche importato molti lavoratori stagionali dai paesi insulari. I media hanno riferito che i lavoratori dell’isola affrontano fame, povertà o sfruttamento in Australia, secondo il Business Human Rights Resource Center. “Questo piano, che doveva essere un vantaggio per gli isolani, è diventato un loro sfruttamento”, ha detto al Global Times Yang Honglian, ricercatore senior del Centro di ricerca delle isole del Pacifico presso l’Università di Liaocheng, con sede alle Fiji.

Ciò ha ricordato a molte persone l’oscura storia dell’era del “merlo” alla fine del 1800 e all’inizio del 1900, quando più di 60.000 isolani del Pacifico, uomini, donne e bambini, furono trasportati, alcuni rapiti, in Australia per diventare lavoratori, cosa considerata oggi da alcuni attivisti politici come “una forma di schiavitù”.

L’Australia si è infiltrata a lungo apertamente nei governi e nei sistemi giudiziari dei paesi delle isole del Pacifico, nonché nelle organizzazioni non governative (ONG) locali, diffondendo costantemente l’ideologia e i valori occidentali per coltivare la popolazione locale affinché fosse filo-australiana, Yu Lei, capo ricercatore presso il Centro di ricerca per i paesi insulari del Pacifico dell’Università di Liaocheng, ha detto al Global Times.

In collusione con gli Stati Uniti, l’Australia ha cercato di rovesciare i leader della regione che non le piace con metodi simili alle rivoluzioni colorate.

I cablogrammi diplomatici statunitensi del 2006, divulgati da WikiLeaks nel 2011, hanno rivelato il coinvolgimento di Washington nella “campagna del governo australiano per estromettere l’allora primo ministro delle Isole Salomone Sogavare”.

Intorno al 2006, Sogavare ha invitato la Missione di assistenza regionale alle Isole Salomone (RAMSI) inviata dal governo australiano a lasciare il suo paese. Il RAMSI è stato inviato alle Isole Salomone nel 2003 per aiutare a far fronte ai disordini civili del paese in quel momento. Tuttavia, ha continuato a rimanere lì per anni dopo che i disordini si sono placati.

La posizione di Sogavare contro l’infiltrazione e l’intervento occidentali fece infuriare l’Australia. I cablogrammi scoperti hanno mostrato che l’allora primo ministro australiano, John Howard, una volta chiamò e disse a Sogavare: “Renderò le cose molto difficili a te e al tuo governo”. Sogavare si è dimesso l’anno successivo nel 2007.

Più di recente, dopo i disordini di Honiara nel novembre 2021, Sogavare, che è stato nuovamente eletto primo ministro nel 2018, ha dichiarato alla stampa che la crisi è stata “influenzata e incoraggiata da altri poteri”. Ha inoltre indicato che queste forze sono quelle che “non vogliono legami con la Repubblica popolare cinese”.

Il 3 giugno 2019 il primo ministro australiano Scott Morrison e il suo omologo delle Isole Salomone Manasseh Sogavare ispezionano la guardia d'onore presso l'Accademia di polizia delle Isole Salomone a Honiara. Foto: AFP

Il 3 giugno 2019 il primo ministro australiano Scott Morrison e il suo omologo delle Isole Salomone Manasseh Sogavare ispezionano la guardia d’onore presso l’Accademia di polizia delle Isole Salomone a Honiara. Foto: AFP

Lo stesso approccio egemonico dell’Occidente è stato visto in altri paesi insulari della regione.

“Questo tipo di comportamento è un’interferenza negli affari interni dei paesi insulari, che è completamente contrario all'”uguaglianza democratica” sostenuta da Australia e Stati Uniti”, ha affermato Yang.

Ad esempio, il governo e i media australiani erano soliti effettuare diversi attacchi dell’opinione pubblica contro i leader favorevoli alla Cina in Papua Nuova Guinea, ha sottolineato Chen.

“Questo tipo di comportamento è un’interferenza negli affari interni dei paesi insulari, che è completamente contrario all'”uguaglianza democratica” sostenuta da Australia e Stati Uniti”, ha affermato Yang.

“L’ecologia politica dei paesi della regione è estremamente fragile. Una volta che la situazione politica sarà instabile, sorgeranno una serie di problemi di sicurezza pubblica che avranno un impatto sull’ambiente degli investimenti locali, causando un deterioramento dello sviluppo e dell’edilizia”, ​​ha osservato Yang, sottolineando che “questo alla fine danneggia gli interessi delle persone dei paesi insulari”.

Il perno della “Strategia indo-pacifica ” L’

Australia e gli Stati Uniti hanno “trascurato” per anni le Isole Salomone, così come la regione del Pacifico meridionale, ma da quando la Cina ha stabilito legami diplomatici con le Isole Salomone nel 2019, il Paese insulare è diventato l’obiettivo “preferito” dell’Australia per agire contro la Cina nella regione del Pacifico meridionale.

“Nel 2019, gli Stati Uniti hanno iniziato a cadere in un’ansia isterica. Il governo degli Stati Uniti temeva una reazione a catena che avrebbe fatto cambiare posizione ad altri paesi che consideravano i loro burattini”, ha detto Chen.

Ha anche osservato che l’attuale cooperazione in materia di sicurezza tra Cina e Isole Salomone ha suscitato un’attenzione senza precedenti da parte di Stati Uniti e Australia, ma in passato questi due paesi hanno da tempo gradualmente concepito e messo in pratica un nuovo blocco anti-cinese nel sud L’oceano Pacifico.

Le isole nell’Oceano Pacifico meridionale detengono la chiave del traffico marittimo tra l’Asia e l’America e sono di grande valore militare e strategico, che gli Stati Uniti considerano una zona militare significativa che deve essere controllata, ha affermato Yu.

Per proteggere il loro sistema egemonico in un momento di grandi cambiamenti di potere nella regione Asia-Pacifico, gli Stati Uniti ei loro alleati militari stanno, da un lato, costruendo nuove grandi basi militari nella regione. Dall’altro, stanno facendo del loro meglio per rafforzare il loro controllo militare sui paesi insulari del Pacifico meridionale, senza mai consentire loro di stabilire una cooperazione militare e di sicurezza con nessun paese non occidentale, ha affermato Yu.

“In effetti, la strategia indo-pacifica nel Pacifico meridionale non ha nulla a che fare con lo sviluppo degli stessi paesi insulari. Questo è solo un piano di riserva fatto dagli Stati Uniti nel caso perdessero la prima catena di isole. Una volta riunificata la Cina, gli schieramenti degli Stati Uniti si troveranno ad affrontare una situazione imbarazzante”, ha detto Yang.

In realtà, senza il coinvolgimento della Cina, i paesi insulari sarebbero ancora l’obiettivo di saccheggi da parte dei coloni e sarebbero ancora il luogo dove fare test nucleari o scaricare scorie nucleari, ha osservato Yang.

Tra il 1946 e il 1958, il programma di test nucleari degli Stati Uniti ha inzuppato le Isole Marshall con una potenza di fuoco nucleare sufficiente per eguagliare la resa energetica di 7.000 bombe di Hiroshima, secondo il notiziario Scientific American. Inoltre, l’alleato degli Stati Uniti, il Giappone, ha annunciato che 1,25 milioni di tonnellate di acque reflue trattate contaminate dal naufragio della centrale nucleare di Fukushima Daiichi sono finite nell’Oceano Pacifico, che è stata condannata dalle isole regionali.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha affermato che “la costruzione di una base militare da parte della Cina nelle Isole Salomone” sarebbe una “linea rossa” per l’Australia e gli Stati Uniti, secondo quanto riportato domenica dalla ABC. “Non avremo basi navali militari cinesi nella nostra regione alle nostre porte”, ha detto Morrison.

La gestione della situazione nelle Isole Salomone potrebbe anche influenzare la situazione nelle prossime elezioni in Australia, ha osservato Yu.

Se l’amministrazione Morrison “perde” ulteriormente il paese, significherà ancora il fallimento della loro politica estera egemonica nel loro “cortile di casa”, che sarà usata come scusa per gli oppositori politici e i partiti rivali per attaccare, ha detto Yu. “Ma non importa quale partito sia al potere, la loro politica estera egemonica nella regione finirà per fallire”.

Sorgente: GT indaga: l’Australia spinge la “strategia indo-pacifica” degli Stati Uniti con la coercizione militare ed economica sulle nazioni delle isole del Pacifico – Global Times

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot