Un accordo di sicurezza tra Cina e Isole Salomone potrebbe avere un impatto sulla stabilità in tutto il Pacifico | Mihai Sora | The Guardian 

28 Aprile 2022 0 Di ken sharo

per i paesi del Pacifico”. Fotografia: Wang Zhao/AFP/Getty ImagesVen 2

5 marzo 2022 23:00 GMT144UN

La bozza di accordo sulla sicurezza trapelata in fase di negoziazione tra la Cina e le Isole Salomone potrebbe avere implicazioni sulla sicurezza per l’intero Pacifico.

La bozza di documento definisce un ampio quadro che copre gli schieramenti cinesi di “polizia, polizia armata, personale militare e altre forze dell’ordine e armate” nelle Isole Salomone. L’accordo consente inoltre alla Cina, con il consenso delle Isole Salomone, di effettuare visite navali, fornire supporto logistico e fare scali e transizione nelle Isole Salomone.

Tutti i paesi del Pacifico hanno un interesse nella protezione della stabilità e della sicurezza della regione. I membri del Forum delle Isole del Pacifico, inclusa l’Australia, hanno concordato nella Dichiarazione Boe del 2018 di affrontare collettivamente le sfide alla sicurezza regionale. Un accordo bilaterale come quello proposto tra Cina e Isole Salomone mina quel sentimento e mostra un limitato apprezzamento per la sicurezza della regione nel suo insieme da chiunque sia stato l’autore iniziale della bozza trapelata.

La bozza di accordo di sicurezza cinese con le Isole Salomone non ha ingannato l’Australia, afferma Morrison

La portata ambiziosa di questo progetto di accordo è un’ulteriore prova dell’intento strategico della Cina nel Pacifico. Non è ancora certo se la Cina alla fine sarà in grado di stabilire una base militare permanente nelle Isole Salomone – semmai, questo è il primo passo di molti verso un tale obiettivo. Il documento trapelato è una prima bozza e le Isole Salomone cercherebbero senza dubbio di restringere i termini dell’accordo, tornando indietro di alcuni degli impegni proposti dalla Cina.AdvertisementI legami sempre più stretti delle Isole Salomone con la Cina da quando il passaggio del riconoscimento diplomatico da Taiwan alla Cina nel 2019 rimane una questione molto delicata a livello nazionale. I disordini civili scoppiati nel novembre 2021 a Honiara sono stati innescati, in parte, dal cambiamento, sebbene i fattori alla base dei disordini siano interni e non geopolitici. Rivalità provinciali di lunga data, profondi problemi economici, preoccupazioni per i crescenti legami del paese con la Cina – di cui il primo ministro delle Isole Salomone Manasseh Sogavare era considerato il principale sostenitore – e latenti sentimenti anti-asiatici nella comunità, si sono fusi in un cocktail di violenza e distruzione prendendo di mira il distretto di Chinatown di Honiara . Quattro vite furono perse e oltre 70 attività commerciali furono distrutte.

Quando sono scoppiati i disordini, Sogavare ha richiesto assistenza urgente dall’Australia, che è stata in grado di fornire una risposta alle emergenze entro 24 ore attraverso un accordo di sicurezza bilaterale esistente che è molto più ridimensionato di quello che la Cina sta cercando di garantire. Anche Papua Nuova Guinea, Figi e Nuova Zelanda hanno inviato personale. Questa è stata una risposta regionale a un problema regionale ed è ora denominata Solomons International Assistance Force. L’Australia ha annunciato che estenderà questa presenza fino a dicembre 2023.

Ma il prendere di mira i cittadini cinesi durante le rivolte ha anche creato una ragione per un contributo del governo cinese alla sicurezza a Honiara. Da allora la Cina ha inviato ufficiali di collegamento della polizia per addestrare le forze di polizia delle Isole Salomone nell’ordine pubblico, nonché attrezzature anti-sommossa. L’aumento della presenza della sicurezza cinese ha preoccupato i funzionari australiani e rimangono domande su come si collocherà insieme ai programmi di supporto della polizia australiani durevoli di decenni.AnnuncioPiù di recente, un quotidiano delle Isole Salomone ha riferito che un grande deposito di repliche di fucili d’assalto cinesi sarebbe stato portato nel paese su una nave da legname nel cuore della notte. Ciò ha innescato una raffica di speculazioni sui social media sul loro vero scopo e una dichiarazione della polizia delle Isole Salomone secondo cui avrebbe indagato su come è uscita la storia. I politici dell’opposizione si sono chiesti fino a che punto sarebbe andata la cooperazione cinese in materia di sicurezza con le Isole Salomone.Questo progetto di accordo fornisce un indizio. Ma i termini non sono ancora definitivi. La firma di un accordo di sicurezza con la Cina che potrebbe innescare la percezione di violazioni della sovranità delle Isole Salomone contribuirebbe all’instabilità interna in un momento in cui le questioni alla base delle rivolte dell’anno scorso non sono ancora risolte. Susciterebbe anche preoccupazione tra le altre nazioni del Pacifico, non solo l’Australia. Un documento che potrebbe accogliere eccessivamente la portata dell’apparato di sicurezza cinese nelle Isole Salomone sarebbe politicamente dannoso per il primo ministro Sogavare, che si esporrebbe alle accuse di cattura dell’élite nel

Sorgente: Un accordo di sicurezza tra Cina e Isole Salomone potrebbe avere un impatto sulla stabilità in tutto il Pacifico | Mihai Sora | Il guardiano