Come Israele pratica l’Apartheid | IMEU Policy Backgrounder | IMEU

Come Israele pratica l’Apartheid | IMEU Policy Backgrounder | IMEU

22 Marzo 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

(in italiano con google translate – originale in fondo all’articolo)

Tra il Mar Mediterraneo e il fiume Giordano, Israele ha costruito e rafforzato un unico regime di governo per garantire la supremazia e il dominio degli ebrei israeliani sul popolo indigeno palestinese, che è politicamente e geograficamente frammentato in diverse categorie in cui ha meno, poco o nessun diritto rispetto agli ebrei israeliani a seconda del loro status (cittadino di seconda classe, soggetto al governo militare o rifugiato). Questo è l’apartheid da manuale.

  • Nel febbraio 2022, Amnesty International si è unita a un crescente consenso globale tra le organizzazioni per i diritti umani, comprese le ONG palestinesi, israeliane e internazionali, sul fatto che Israele stia perpetrando il crimine dell’apartheid nel suo regime di dominio sul popolo palestinese. Amnesty International ha concluso che “Israele impone un sistema di oppressione e dominio contro i palestinesi in tutte le aree sotto il suo controllo: in Israele e nei [Territori Palestinesi Occupati] (OPT), e contro i rifugiati palestinesi, a beneficio degli ebrei israeliani. Ciò equivale all’apartheid proibito dal diritto internazionale. Leggi, politiche e pratiche volte a mantenere un crudele sistema di controllo sui palestinesi, li hanno frammentati geograficamente e politicamente, spesso impoveriti e in un costante stato di paura e insicurezza”.
  • Per decenni, organizzazioni palestinesi per i diritti umani, analisti e difensori hanno etichettato le politiche di Israele come apartheid . Alcuni esempi includono il rapporto di Al Haq Water For One People Only: Discriminatory Access and ‘Water-Apartheid’ negli OPT , il rapporto del Centro per i diritti umani di Al Mezan The Gaza Bantustan-Israeli Apartheid in the Gaza Strip , Adalah: The Legal Center for Arab Minority I diritti nel rapporto di Israele La legge dello Stato-nazione ebraico di Israele e il rapporto Addameer: ​​Prisoner Support and Human Rights Association Prisoners and Deteinees in the Face of Apartheid .
  • Negli ultimi anni, queste scoperte – che Israele sta commettendo il crimine di apartheid contro il popolo palestinese – sono state rafforzate da israeliane e da altre organizzazioni internazionali per i diritti umani . Alcuni dei rapporti più consequenziali includono il rapporto di B’Tselem: The Israeli Information Center for Human Rights in the Occupied Territories, A regime of Jewish supremacy from the Jordan River to the Mediterranean Sea: This is apartheid , and Human Rights Watch’s report Una soglia superata: le autorità israeliane ei crimini di apartheid e persecuzione .
  • Vincitori del Premio Nobel per la pace, iconici leader sudafricani nel movimento anti-apartheid, un ex presidente degli Stati Uniti e persino ex primi ministri israeliani hanno tutti tracciato parallelismi tra l’apartheid in Sud Africa e Israele o hanno messo in guardia contro Israele che diventa o diventa uno stato di apartheid. Monsignor Desmond Tutu , in un articolo intitolato “ L’apartheid in Terra Santa ”, ha scritto “Sono stato molto addolorato durante la mia visita in Terra Santa; mi ha ricordato così tanto quello che è successo a noi neri in Sud Africa”. Nelson Mandela ha capito che “la nostra libertà è incompleta senza la libertà dei palestinesi”. Jimmy Carter ha scritto in Palestina: Peace Not Apartheidche Israele è impegnato in “un sistema di apartheid, con due popoli che occupano la stessa terra ma completamente separati l’uno dall’altro, con gli israeliani totalmente dominanti e che reprimono la violenza privando i palestinesi dei loro diritti umani fondamentali”. L’ex primo ministro israeliano Ehud Barak ha avvertito che Israele è su un “pendio scivoloso” verso l’apartheid, mentre l’ex primo ministro israeliano Ehud Olmert ha avvertito che in assenza di uno stato palestinese, Israele avrebbe “affrontato una lotta in stile sudafricano per la parità dei diritti di voto, e non appena ciò accade, lo stato d’Israele è finito”.
  • Apartheid è un termine giuridico che deriva il suo significato dal diritto internazionale , in particolare dalla Convenzione internazionale sulla repressione e la punizione del crimine di apartheid , un trattato entrato in vigore nel 1976. Questa convenzione rende l’apartheid un crimine contro l’umanità e lo definisce come “stabilire e mantenere il dominio di un gruppo razziale di persone su qualsiasi altro gruppo razziale di persone e opprimerlo sistematicamente”. Molte politiche e azioni israeliane nei confronti del popolo palestinese si qualificano come esempi di apartheid citati nella convenzione, tra cui:
    • Negazione del diritto alla vita e alla libertà e omicidio;
    • Gravi danni fisici o mentali per violazione della libertà o della dignità;
    • Sottoposizione a tortura oa trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti;
    • Arresto arbitrario e detenzione illegale;
    • Imposizione di condizioni di vita calcolate per causare distruzione fisica;
    • Negazione del diritto al lavoro e del diritto all’istruzione;
    • Negazione del diritto di partire e di rientrare nel proprio Paese;
    • Negazione del diritto alla cittadinanza;
    • Negazione del diritto alla libera circolazione e soggiorno;
    • Negazione del diritto alla libertà di opinione e di espressione e alla libertà di riunione pacifica e di associazione;
    • Creazione di riserve e ghetti separati per i membri di un gruppo razziale;
    • Espropriazione di proprietà fondiarie appartenenti a un gruppo razziale.

La convenzione crea anche obblighi di terze parti per ritenere penalmente responsabili le persone responsabili della creazione e del mantenimento delle politiche e delle regole dell’apartheid.

  • Israele domina e opprime sistematicamente il popolo palestinese attraverso un regime di apartheid separato e ineguale tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo . Sia che i palestinesi vivano come cittadini di seconda classe di Israele, come rifugiati a cui è negato il diritto al ritorno alle loro case, o come persone protette che vivono sotto un’occupazione militare brutale e prolungata in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, e la Striscia di Gaza, Israele emana leggi e ordini militari per privilegiare gli ebrei israeliani e discriminare i palestinesi indigeni. I rapporti sopra citati forniscono dettagli legali e fattuali molto maggiori sulla natura dell’apartheid delle leggi e delle politiche israeliane; eccone tre presentati brevemente come emblematici del dominio dell’apartheid israeliano:
    • Dopo la sua fondazione nel 1948, Israele ha espropriato ampi tratti di terra palestinese, l’ha trasformata in terra demaniale e, attraverso la legge del Fondo nazionale ebraico (JNF) , ha permesso al JNF di amministrare l’affitto a lungo termine di gran parte di questa terra. Il JNF è un’organizzazione privata che discrimina apertamente nel suo statuto, affermando che le terre sotto la sua amministrazione possono essere affittate solo a beneficio del popolo ebraico, alienando così permanentemente la terra dall’uso palestinese.
    • Prima, durante e dopo l’istituzione di Israele, le milizie sioniste e successivamente l’esercito israeliano hanno espulso i palestinesi dalle loro case e hanno raso al suolo centinaia di villaggi palestinesi; altri palestinesi sono fuggiti dalle loro case in condizioni di guerra. Indipendentemente da come questi palestinesi siano diventati rifugiati, il diritto internazionale e le risoluzioni delle Nazioni Unite garantiscono loro il diritto al ritorno. Invece di consentire il rimpatrio dei rifugiati palestinesi, Israele ha negato loro con veemenza questo diritto consentendo allo stesso tempo agli ebrei di immigrare in Israele e ottenere la cittadinanza automatica attraverso la cosiddetta Legge del Ritorno .
    • L’occupazione militare israeliana della Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est, è progettata per promuovere la colonizzazione illegale della terra palestinese. In base agli ordini militari, Israele non solo espropria la terra dei palestinesi, demolisce le case dei palestinesi ed espropria regolarmente i palestinesi; lo fa anche per creare insediamenti e infrastrutture per soli israeliani a cui i palestinesi non possono accedere. Nel processo, i palestinesi vengono ghettizzati in riserve separate e disuguali , in continua contrazione, simili ai bantustan sudafricani.
  • Proprio come l’ apartheid in Sud Africa aveva le trappole di una democrazia liberale – un parlamento in cui solo alcune delle persone su cui governava il paese potevano votare ed essere elette in carica, una magistratura nominalmente indipendente e un presunto impegno per lo stato di diritto – così anche Israele mantiene una parvenza di governo democratico . Tuttavia, Israele, proprio come lo era l’apartheid in Sud Africa, è un’etnocrazia, un sistema politico progettato per privilegiare un gruppo e svantaggiare un altro.

La maggior parte dei palestinesi – quelli che vivono sotto la perpetua occupazione militare israeliana oi rifugiati che hanno il diritto di essere rimpatriati in quello che oggi è Israele – non hanno diritti e non hanno voce in capitolo sull’emanazione di leggi e ordini militari che li riguardano. E mentre i cittadini palestinesi di Israele prestano servizio nel parlamento israeliano ei cittadini palestinesi sono diventati giudici, ciò non cambia il fatto che anche i cittadini palestinesi sono sistematicamente discriminati attraverso più di 65 leggi israeliane .

  • Ci sono molte somiglianze e differenze tra le leggi e le politiche dell’apartheid del Sud Africa nei confronti della popolazione nera indigena del paese e le leggi e le politiche dell’apartheid di Israele nei confronti della popolazione indigena palestinese. Se le leggi e le politiche di Israele siano o meno esattamente analoghe a particolari leggi e politiche sudafricane è irrilevante . Come accennato in precedenza, l’apartheid è una definizione legale con esempi specifici di politiche di apartheid incarnate in una convenzione internazionale. Sebbene l’apartheid sia una parola che ha avuto origine dall’esperienza sudafricana, la sua applicabilità oggi è universale. I paesi si impegnano nel crimine dell’apartheid se le loro leggi e azioni sono in accordo con quella definizione e quegli esempi.
  • Per molti decenni, un Sud Africa parteide è stato visto dagli Stati Uniti come un alleato chiave in Africa, proprio come Israele è visto oggi da alcuni negli Stati Uniti come un alleato chiave in Medio Oriente . Tuttavia, grazie alla leadership dei neri sudafricani, alle principali organizzazioni di difesa dei diritti umani e di difesa negli Stati Uniti e ai sostenitori del Congresso, alla fine il Congresso ha emanato il Comprehensive Anti-Apartheid Act del 1986, un disegno di legge sulle sanzioni che ha avuto un grande impatto nel processo di smantellamento dell’apartheid in Sud Africa. Lo scopo di questo disegno di legge era quello di aiutare a stabilire una “forma di governo democratica e non razziale” attraverso l’imposizione di sanzioni, compreso il divieto di importazione di valuta, armi, prodotti agricoli e altri prodotti del Sud Africa; un divieto di prestiti al governo del Sud Africa e di nuovi investimenti in esso; e un embargo sull’esportazione di armi o sull’addestramento con l’esercito sudafricano.

La richiesta della società civile palestinese per campagne di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) per la libertà, la giustizia e l’uguaglianza dei palestinesi sono modellate su campagne simili che hanno svolto un ruolo così importante nel porre fine all’apartheid in Sud Africa. Proprio come i boicottaggi della società civile e gli sforzi di disinvestimento hanno fatto grandi progressi prima che il governo degli Stati Uniti imponesse finalmente sanzioni all’apartheid in Sud Africa, così anche nel caso dell’apartheid israeliano, la società civile ha già boicottato con successo e disinvestito i diritti dei palestinesi. È giunto il momento che il Congresso introduca e approvi una legislazione per sanzionare l’apartheid israeliano , perché, come affermato in modo eloquente nel Comprehensive Anti-Apartheid Act, “la politica dell’apartheid è ripugnante e moralmente ripugnante”.

Per saperne di più

Sorgente: How Israel Practices Apartheid | IMEU Policy Backgrounder | IMEU

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot