fermare la guerra con un sistema di pace in Europa – DISARMISTI ESIGENTI

fermare la guerra con un sistema di pace in Europa – DISARMISTI ESIGENTI

2 Marzo 2022 0 Di ken sharo

PORRE FINE ALLA GUERRA IN UCRAINA COSTRUIRE – CON GLI EUROPEI – UN SISTEMA DI PACE IN EUROPA

 Un taccuino bianco con la pittura della bandiera russa a sinistra e la bandiera dell'Ucraina a destra. Una colomba sventola nel mezzo di entrambe le bandiere. Un pennello si trova sopra il dipinto.

L’aggressione militare della Russia in Ucraina si sta intensificando, con città e civili presi di mira: la catastrofe umanitaria è in corso. Il mantenimento e l’espansione della NATO giocano un ruolo di antecedente non trascurabile. La violenza cui assistiamo afferma una nuova Guerra fredda tra imperi, accende la minaccia di una guerra nucleare, promette miliardi di dollari al militarismo, aggrava le restrizioni razziste sui valichi di frontiera e distrae dall’emergenza climatica (sulla quale getta ulteriore benzina sul fuoco). 

Per evitare una apocalisse possibile, la guerra e i profitti bellici devono cessare, le armi nucleari devono essere abolite, i blocchi militari devono essere sciolti: anche nell’interesse della lotta per l’eguaglianza sociale dobbiamo stipulare la pace con la Natura contrastando il sistema della potenza, della guerra e della violenza che è stato deliberatamente costruito a spese dei diritti umani e della sopravvivenza di tutto l’ecosistema.

 

*********************************************************************

DA PARTE DI ALFONSO NAVARRA – portavoce dei Disarmisti esigenti

Care amiche e cari amici 

partecipando alle manifestazioni di questi giorni “per la pace”, ferma restando la condanna di chi sciaguratamente chi ha dato la parola alle armi (l’autocrate Putin), possiamo notare che:

da una parte abbiamo la marea montante di chi chiama pace la guerra per procura per conto della NATO (che ha scagliato l’Ucraina contro la Russia mantenendo e allargando un blocco militare che si sarebbe dovuto sciogliere, un antecedente da non sottovalutare);

dall’altra, a sinistra, abbiamo gli irriducibili che confondono la follia putiniana con gli interessi della Russia (“E’ la NATO la vera guerrafondaia; Putin non aveva altra scelta per difendersi che invadere l’Ucraina”).

E la corrente dell’Europa di pace che promuove il dialogo per un sistema permanente di sicurezza comune? Eccoci qua pronti a “fare rete”! E a sostenere, per evitare il peggio, i mediatori intelligenti: in questo momento il Vaticano e la Cina…

Di qui l’adesione al digiuno di Papa

Segnaliamo, con lo stesso spirito,  un supporto attivo anche la manifestazione nazionale del 5 marzo a Roma, indetta dalla RIPD: partendo da una base di contenuti accettabili  consente di partecipare con piattaforme e impostazioni autonome, quale la nostra.

Qui di seguito il testo che proponiamo di sottoscrivere, che può essere considerato anche una “aggiunta nonviolenta” alla mobilitazione del 5 marzo.

Per quella data (5 marzo, ore 18:00) ci confronteremo online, chi vuole. Scambieremo idee su come integrare il pacifismo “specialistico” con il programma costruttivo della “pace con la Natura”…

Sorgente: fermare la guerra con un sistema di pace in Europa – DISARMISTI ESIGENTI