Gaddafi è un idea che non muore – Middle East Monitor

Gaddafi è un idea che non muore – Middle East Monitor

20 Dicembre 2021 0 Di ken sharo

 

Gheddafi è un’idea che non muore

Il leader libico Muammar Gheddafi (a sinistra) partecipa a un incontro con il presidente italiano Giorgio Napolitano (a destra) al Palazzo del Quirinale il 10 giugno 2009 a Roma, Italia.  [Franco Origlia/Getty Images]

Il leader libico Muammar Gheddafi (a sinistra) partecipa a un incontro con il presidente italiano Giorgio Napolitano (a destra) al Palazzo del Quirinale il 10 giugno 2009 a Roma, Italia. [Franco Origlia/Getty Images]
pulsante di condivisione facebook
pulsante di condivisione twitter
pulsante di condivisione reddit
pulsante di condivisione whatsapp
pulsante di condivisione e-mail
condividi questo pulsante di condivisione

Quando Muammar Gheddafi dichiarò la Grande Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista nel 1977, inventò un nuovo modo per le persone di autogovernarsi. Non attraverso la democrazia e le urne, ma attraverso quello che chiamava il Comitato Generale del Popolo, nel quale metteva i suoi informatori, seguaci e sostenitori. Invece di un presidente al governo della Libia, ha detto, il popolo libico avrebbe governato il paese stesso attraverso comitati popolari; gli bastava essere il re dei re d’Africa.

In tutto il mondo si diceva che fosse pazzo e tutti ridevamo del suo comportamento, ma la verità è che quell’uomo non era né pazzo né imbecille. Era pienamente consapevole di ciò che stava facendo e sapeva che il populismo era il modo migliore per preservare il suo governo e soddisfare la sua tendenza autoritaria. Questo è vero per tutti i tiranni arroganti, finché arriva il momento della verità e cadono dai loro troni; la loro forza scompare e pregano le persone che avevano schiavizzato di avere pietà di loro. Lo abbiamo visto con Ceausescu in Romania e con Gheddafi in Libia.

Tuttavia, i tiranni non sembrano imparare dalla storia. Ora vediamo il piccolo dittatore della Tunisia, Kais Saied, seguire le orme di Gheddafi, superandolo addirittura come “lo studente diventato maestro”. Gheddafi è salito su un carro armato, ha organizzato un colpo di stato militare e ha iniziato a governare la Libia. Il suo studente tunisino Saied è arrivato attraverso la rivoluzione del 2010/11 che ha rovesciato il dittatore Zine El Abidine Ben Ali, ha adottato una costituzione e ha instaurato una sana democrazia che gli ha permesso di candidarsi alle elezioni presidenziali e vincere alle urne.

Poi, a meno di due anni dalla sua elezione, il 25 luglio di quest’anno, ha messo in scena un “colpo di stato contro la costituzione” e il percorso democratico. Ha chiuso il parlamento, tolto l’immunità ai suoi membri e imposto lo stato di emergenza nel Paese. Ha poi approvato una serie di leggi speciali per decreto e ha abolito tutti gli organi di controllo. Il 22 settembre ha preso la piena autorità legislativa per andare con l’autorità esecutiva e giudiziaria che aveva già preso. La Tunisia era nelle sue mani.

LEGGI: Tunisia: al via il sit-in di Tunisi per l’iniziativa “Cittadini contro il golpe”

Le sue “misure di emergenza” ora sembrano essere permanenti ed è come se non fosse stata messa in scena alcuna rivoluzione; La Tunisia è rientrata nei brutti tempi della dittatura. Non importa Ben Ali, potremmo dire che Saied ha riportato il paese all’era di Habib Bourguiba degli anni ’50 e ’60, ma senza alcuna qualifica, abilità o storia su cui fare affidamento. L’onorevole lotta di Bourguiba contro l’occupazione francese lo ha redento agli occhi dei suoi avversari che hanno perdonato molti dei suoi errori e fallimenti.

Inoltre, Saied non possiede la raffinatezza di Ben Ali per permettergli di governare da solo. È venuto dal nulla, da fuori il mondo della politica. È ironico che provenga dalla magistratura e dalla Corte costituzionale che ha attaccato e interrotto. È uscito dalla Rivoluzione dei Gelsomini, eppure ha distrutto i suoi successi, senza i quali non avrebbe messo piede nel Palazzo di Cartagine.

L’ultima novità è che afferma di aver scoperto la causa dei mali economici della Tunisia, di cui solo lui ha la soluzione. Il problema, dice Saied, sta nella costituzione rivoluzionaria del 2014; la stessa costituzione che ha contribuito a portarlo al potere. Improvvisamente, come presidente, ha deciso che è inadeguato e non ha legittimità.

Il presidente tunisino Kais Saied sta sanguinando il Paese - Cartoon [Sabaaneh/Middle East Monitor]

Sorgente: Gaddafi is an idea that does not die – Middle East Monitor