Essere designati come “terroristi” da Israele riflette il buon lavoro che le ONG fanno in Palestina – Middle East Monitor

Essere designati come “terroristi” da Israele riflette il buon lavoro che le ONG fanno in Palestina – Middle East Monitor

5 Novembre 2021 0 Di ken sharo

Seguo con interesse la reazione alla designazione israeliana di sei organizzazioni palestinesi per i diritti umani come gruppi “terroristi”. Il piccolo ente di beneficenza britannico di cui sono stato presidente per quasi 25 anni è stato quindi designato da Israele nel 1996 e dall’amministrazione statunitense di George W Bush nel 2003. Sebbene la designazione israeliana ci fosse sconosciuta fino a quando non sono andato a Tel Aviv per una gita in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza con due membri del parlamento nel 1998 ed è stato fermato all’aeroporto Ben Gurion, la designazione degli Stati Uniti era tutt’altra cosa.

In effetti, è stato probabilmente il momento decisivo degli anni di esistenza di Interpal e tuttavia ho dovuto leggerlo online. Nessuno nell’amministrazione statunitense si è preso la briga di farci sapere che Bush stava “congelando i beni” di un certo numero di individui e organizzazioni “presunti di aver fornito sostegno ad Hamas”. Il primo che ne ho saputo è stato quando ho letto il sito web della BBC il 22 agosto 2003. Tra i nomi elencati ho visto “The Palestines Relief and Development Fund, o Interpal, con sede in Gran Bretagna”.

Non c’è stato un giusto processo in questa decisione, e nonostante la gravità dell’accusa – e l’effetto estremamente debilitante sulla capacità di Interpal di operare con le normali strutture bancarie, essenziali per qualsiasi beneficenza – né le autorità statunitensi né gli israeliani (da cui la richiesta perché l’ente di beneficenza sia elencato come “entità terroristica globale appositamente designata” ha mai fornito uno straccio di prova credibile per sostenere l’accusa. L’ente di beneficenza britannico, la Charity Commission, non ha mai trovato prove di attività illegali da parte dell’Interpal.

Israele – Unban i 6 gruppi per i diritti umani

Ufficiosamente, ci è stato detto che la decisione di inserire l’Interpal nella lista dei terroristi è arrivata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. “E’ stata interamente una decisione politica, che richiederà un’altra decisione politica per ribaltarla”. Probabilmente non accadrà mai.

In qualità di presidente di Interpal, ho avuto il privilegio di viaggiare per il mondo: Stati Uniti, Canada, Europa, Medio Oriente, Sud Africa, Malesia, Indonesia e Nuova Zelanda, rappresentando l’organizzazione benefica; Ho incontrato reali e ministri, e ho scritto e parlato ampiamente sulla questione palestinese in patria e all’estero. Se ci fosse stata una qualche sostanza nelle accuse USA-Israele, sarebbe stato possibile? Come commentò all’epoca un alto funzionario della sezione speciale della polizia metropolitana: “L’assenza di qualsiasi coinvolgimento della polizia [nel caso dell’Interpal] è estremamente significativa”.

The small charity averaged around £5 million ($6.7 million) per year in donation, next to nothing in the great scheme of things, where the US gives Israel $3 billion every year, at least. Nevertheless, following the designation, we received support from many prominent people, from politicians and surgeons, to media personalities and activists. Sadly, that had no effect on the designation, and Interpal now exists without any access to the banking sector. Thankfully, other charities took over its commitments in the Palestinian refugee camps in the Middle East.

Interpal was caught in an extremely politicised situation, and faced attacks from right-wing media and individuals. Several libel cases were all settled out of court, in Interpal’s favour. The charity was described in Israel as “a particular tough nut to crack”, and (courtesy of WikiLeaks) we know that US officials asked their British counterparts, “Absent a smoking gun, why not just close it down?” To their credit, the Brits explained that this was not the way we do things in this country.

Back in 2003, one unknown donor in Europe contacted Interpal to say, “If Bush has put you on his list of terrorists, you must be a force for good, so I am sending you a donation.” And he did.

UK trade unions urge government to challenge Israel’s ‘draconian’ blacklist

Being designated by Israel and its lackeys in the West is a pain, no doubt about it, but it generally reflects the good work that NGOs do in occupied Palestine. That may not be much consolation for the six human rights groups listed as “terrorists” by Israel last week, but it should reassure their supporters enough to keep their support going, and even increase it. If not, then the real losers will not be the organisations, but the Palestinian people. And that can’t be allowed to happen.

The views expressed in this article belong to the author and do not necessarily reflect the editorial policy of Middle East Monitor.

Categories

ArticleIsraelMiddle EastOpinionPalestine

8 Comments

Sorgente: Being designated as ‘terrorists’ by Israel reflects the good work that NGOs do in Palestine – Middle East Monitor

Spread the love