0 5 minuti 2 settimane

Le intense operazioni militari porteranno altra morte e disperazione a 700.000 donne e ragazze a Rafah

Comunicato stampa 
per diffusione immediata

I dati di  una  nuova indagine condotta da UN Women di Rafah mostrano la profondità della sofferenza fisica e psicologica diffusa tra donne e ragazze, poiché il 93% delle donne intervistate ha espresso un sentimento di insicurezza, mentre più della metà delle donne intervistate ha riferito di condizioni di salute critiche. condizioni che richiedono cure mediche urgenti . Nel caso di un’invasione di terra  israeliana , questi numeri aumenteranno.

New York – 6 maggio 2024 – Mentre la popolazione della città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, è quintuplicata, passando da 250.000 a 1,4 milioni di persone in soli sette mesi di guerra, le condizioni di salute fisica e mentale di donne e ragazze sono peggiorate significativamente, rivelano i dati. Il rischio imminente di morte e lesioni tra le 700.000 donne e ragazze di Rafah aumenterà con qualsiasi invasione di terra perché non hanno un rifugio sicuro dove sfuggire ai bombardamenti e alle uccisioni.

Dall’inizio della guerra a Gaza sono state uccise più di 10.000 donne, tra cui 6.000 madri che hanno lasciato 19.000 bambini orfani. Come descrive la situazione una donna di 45 anni: “Non c’è sicurezza o protezione. Ho paura per la mia vita e per quella di mio marito e dei miei figli, anche se continuassi a parlarne per i prossimi cento anni, non potrei descrivere la paura in cui viviamo”.

I dati dell’indagine di UN Women evidenziano la realtà catastrofica della vita delle donne e delle ragazze a Rafah:

  1. Attualmente ci sono 700.000 donne e ragazze a Rafah che non hanno un posto sicuro dove andare. Il 93% dei partecipanti al sondaggio ha affermato di sentirsi insicuro sia all’interno delle proprie case che nei luoghi di sfollamento temporaneo.
  2. Oltre l’80% delle donne si sente depresso, il 66% non riesce a dormire e oltre il 70% soffre di ansia e aumento degli incubi.
  3. Più della metà delle donne intervistate (51%) dall’inizio della guerra soffre di una condizione medica che richiede cure mediche urgenti, mentre il 62% non può permettersi le cure mediche necessarie.
  4. Più di 6 donne su 10 attualmente incinte o che sono rimaste incinte da ottobre hanno riportato complicazioni di salute, tra cui il 95% ha riportato infezioni del tratto urinario, l’80% ha riportato anemia e il 30% ha riferito di parto pretermine e il 50% ha riferito di ipertensione. disturbi. Nelle famiglie con madri che allattano, il 72% ha segnalato difficoltà nell’allattamento al seno e nel soddisfare i bisogni nutrizionali dei bambini.
  5. Le donne a Rafah lottano per garantire la sicurezza fisica e psicologica dei propri figli, sopportando anche crescenti oneri di assistenza e responsabilità domestiche, soprattutto nelle tende e negli alloggi sovraffollati. Otto uomini e donne su dieci partecipanti al sondaggio (79%) hanno indicato che le madri hanno una responsabilità maggiore rispetto agli uomini nel fornire sostegno psicologico sia ai familiari adulti che ai bambini.

“Le donne e le ragazze a Rafah, come nel resto della Striscia di Gaza, vivono già in uno stato di costante disperazione e paura”, ha affermato il direttore esecutivo di UN Women, Sima Bahouth. “Un’invasione di terra sarebbe un’escalation intollerabile che minaccia di uccidere migliaia di civili e costringere centinaia di migliaia a fuggire di nuovo”. Altro: I civili devono essere protetti. Abbiamo bisogno di un cessate il fuoco immediato e di un accesso sicuro e senza ostacoli agli aiuti umanitari in tutta la Striscia. Questo è il nostro bisogno solo speranza.

UN Women chiede l’attuazione della risoluzione 2728 (2024) del Consiglio di sicurezza del 25 marzo 2024, che richiede un cessate il fuoco immediato, il rilascio di tutti gli ostaggi e l’accesso sicuro e senza ostacoli all’assistenza umanitaria. 

 

Fonte: UN Women ha condotto una raccolta dati primaria diretta su 360 intervistati maschi e femmine a Rafah entro la fine di aprile 2024.

Sorgente: Le intense operazioni militari porteranno altra morte e disperazione a 700.000 donne e ragazze a Rafah | ONU Donne – Paesi Arabi