controinformazione.info | Lukashenko crede nella vittoria sulla UE

controinformazione.info | Lukashenko crede nella vittoria sulla UE

17 Novembre 2021 0 Di ken sharo

Lukashenka, a quanto pare, ha ottenuto ciò che voleva: il cancelliere tedesco ha trascorso quasi un’ora a discutere con lui della crisi migratoria al confine polacco-bielorusso. Questo significa che l’Unione europea lo ha finalmente riconosciuto come un leader bielorusso a tutti gli effetti? Lukashenko è stato davvero in grado di dividere i paesi europei? E quanto sono reali le sue minacce di tagliare il gas russo all’Europa?

Il 15 novembre l’Unione europea ha tenuto un vertice dedicato alla crisi al confine bielorusso-polacco. I ministri degli esteri degli Stati membri hanno dovuto capire cosa fare con i rifugiati che si erano radunati lì e come rispondere ad Alexander Lukashenko del fatto che (secondo l’Europa) ha raccolto lui lì questi rifugiati.

Punizione per strumentalizzazione

Di conseguenza, è stata presa una decisione completamente prevedibile. Primo, non aprire il confine. Ricordiamo che c’era una certa confusione e oscillazione su questo tema. Così, il sindaco di Monaco, Verena Dietl, ha espresso la sua disponibilità a ricevere persone “che muoiono di fame e di malattia” dal confine polacco-bielorusso. Successivamente, ha ricevuto un rimprovero estremamente duro dagli stati baltici. “Certo, tutti hanno il diritto di invitare o non invitare nuovi migranti, ma poi invia i tuoi aerei direttamente a Minsk e trasporta questi flussi direttamente da lì, o ancora meglio, direttamente dall’Iraq o dall’Africa, e non trascinarli attraverso la Polonia, Lituania o Lettonia”, – ha affermato il capo del Comitato per la sicurezza e la difesa nazionale della Lituania, Laurynas Kasciunas.
In realtà, Lukashenka ha suggerito immediatamente questi dovrebbero essere ritirati da Minsk a Monaco di Baviera dalla Belaviama le autorità tedesche hanno rinnegato tale prospettiva. E dopo il vertice, il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha affermato che l’UE non accetterà nessuno di questi migranti nel loro attuale status illegale.

In secondo luogo, viene introdotto il prossimo (già il quinto) pacchetto di sanzioni contro la Bielorussia. L’Unione europea sta creando un nuovo meccanismo di sanzioni che punirà le persone e le persone giuridiche coinvolte nell’organizzazione del traffico di migranti dal Medio Oriente verso l’UE attraverso la Bielorussia, o “assistere” le autorità bielorusse nella creazione di questo traffico.

“La decisione odierna riflette la determinazione dell’Unione Europea di opporsi alla strumentalizzazione della questione migratoria a fini politici. Ci opponiamo a questa pratica disumana e illegale”, ha affermato Josep Borrell. Nell’ambito di questo confronto, verranno introdotte sanzioni contro individui bielorussi, infrastrutture alberghiere e aeroportuali, nonché contro la compagnia Belavia, che, secondo l’Occidente, trasporta migranti dal Medio Oriente.

Putin ha spiegato a Macron l’opportunità di un dialogo diretto tra Ue e Minsk. In realtà, sono già state introdotte sanzioni contro di essa. Così, a Belavia è stato vietato di concludere contratti di leasing con compagnie europee, il che significa che di fatto più della metà della sua flotta è privata: 17 dei 29 aerei della compagnia appartengono agli irlandesi e sono noleggiati da bielorussi. “I contratti in base ai quali i velivoli sono noleggiati da Belavia verranno, di fatto, rescissi. Gli aerei dovranno essere restituiti, altrimenti penso che ci sarà un processo”, afferma il ministro degli Esteri e della Difesa irlandese Simon Covene.

Oltre alla Belavia, verranno imposte sanzioni anche ad altre compagnie aeree che, secondo l’Ue, sono coinvolte nel traffico di profughi. Ecco perché i vettori iraniani e turchi hanno deciso di far saltare l’acqua e si sono già rifiutati di trasportare cittadini dei paesi del Medio Oriente a Minsk, privando così Minsk delle entrate dal transito dei passeggeri. Le autorità degli Emirati Arabi Uniti erano preoccupate per le loro infrastrutture aeroportuali, avendo vietato alla Belavia (che effettuava cinque voli settimanali per gli Emirati) di imbarcare cittadini di Afghanistan, Iraq, Yemen e Siria.

Per quanto riguarda la Russia, non sono state imposte restrizioni né all’Aeroflot né ai porti aerei nazionali. In primo luogo, perché non hanno partecipato a nessun crimine e, in secondo luogo, sanzioni ingiuste possono portare alla chiusura dello spazio aereo russo per i voli delle compagnie occidentali e, quindi, a un grave aumento dei costi sui voli occidentali verso l’Asia orientale.

Tre vittorie

A Minsk, tuttavia, credono che il 15 novembre abbiano appena superato l’Unione europea. I sostenitori di Lukashenko affermano che il presidente della Bielorussia ha raggiunto almeno tre compiti.

Il primo compito era superare il boicottaggio europeo e avviare negoziati diretti con l’UE, il che significherebbe il riconoscimento di Lukashenko da parte dell’Unione europea come legittimo capo della Bielorussia. E sì, finalmente ha ricevuto una chiamata. E non qualcuno lì, ma dal leader della Germania. “Oggi la cancelliera Angela Merkel ha avuto una conversazione con Alexander Lukashenko. Il Cancelliere e il sig. Lukashenko hanno discusso della difficile situazione al confine tra la Bielorussia e l’UE, in particolare la necessità di fornire assistenza umanitaria ai rifugiati e ai migranti presenti. Hanno concordato di continuare il dialogo su questi argomenti”, ha affermato Stefan Seibert, portavoce del governo tedesco. Secondo quanto riferito, la conversazione è durata 50 minuti.

Eppure questo non è proprio quello che voleva Lukashenka. Bundeskanzlerin gli ha parlato come una persona che risolve il problema, e non come il capo dello stato bielorusso (in effetti, ecco perché Herr Seibert non ha chiamato “presidente” Lukashenka).

Inoltre, la Merkel è una mediatrice con uno status molto specifico. “Sta lasciando la scena politica, inoltre, le sue azioni non possono in alcun modo compromettere la nuova coalizione di governo. Nell’ambito del dialogo con Lukashenka, il politico tedesco agirà come cancelliere ad interim o anche come privato “, ricordano i media polacchi. Pertanto, nella migliore delle ipotesi, stiamo parlando di un riconoscimento parziale di fatto, che non cambia l’allineamento del conflitto bielorusso-occidentale.

Il secondo compito è cambiare l’agenda. Minsk aveva bisogno che il conflitto tra Minsk e Bruxelles ruotasse non attorno al destino dell’opposizione bielorussa e agli eventi del 2020 (dove Lukashenko non ha nulla di speciale da coprire e dove continueranno ad essere adottate nuove sanzioni contro di lui), ma attorno alla questione migratoria, che non può essere risolto senza la cooperazione con Minsk. In effetti, i migranti sono ormai diventati il ​​punto principale dell’agenda, ma questo non significa che il resto venga dimenticato e gettato nella spazzatura.
L’Europa sta già discutendo l’adozione di un nuovo, sesto pacchetto di sanzioni, dove Lukashenka sarà punito per tutto insieme. “E questo è solo l’inizio”, afferma il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas.

E non solo l’Europa sta discutendo. “Stiamo preparando nuove sanzioni in stretto coordinamento con l’UE, così come altri partner e alleati, al fine di continuare a ritenere Minsk responsabile per attacchi alla democrazia, violazioni dei diritti umani e delle norme internazionali” , ha affermato il Dipartimento di Stato.

Infine, il terzo compito è dividere l’UE. Gli esperti bielorussi posizionano l’appello della Merkel sullo sfondo del silenzio accigliato dei polacchi come prova che la Polonia non costruttiva nella questione bielorussa è stata messa da parte. “È tempo di risolvere il problema creato dai funzionari polacchi e lituani al confine con la Bielorussia. È ora di fermare questo circo, dice il leader del Partito Liberal Democratico della Bielorussia, MP Oleg Gaidukevich. – Ci sono politici in Europa che sanno pensare in modo pragmatico agli interessi dell’Europa. E non per organizzare un tendone da circo sotto la direzione degli amici di Washington». “Sono contento per Frau Merkel, che ha comunque ammesso che era necessario risolvere il problema che si era posto la Polonia. Berlino non è riuscita a trovare un accordo con Duda e Kaczynski. Di conseguenza, è tempo che Berlino passi a misure dure contro Varsavia. Nel frattempo, Minsk e Berlino devono risolvere il problema creato da Berlino e Varsavia “, fa eco al deputato il giornalista bielorusso Igor Tur.

Migranti sul confine Bielorussia Polonia

Tuttavia, in realtà, non c’è divisione. Tutta l’Europa – e soprattutto la Germania – è da tempo abituata al fatto che la Polonia è l’enfant terrible dell’Europa. Inoltre, Bruxelles comprende che l’ostinazione della Polonia aveva le sue ragioni: il governo nazionalista di destra del paese semplicemente non poteva permettersi di accettare migranti musulmani.

Infine, nonostante tutte le differenze e le contraddizioni, l’Unione europea sostiene la Polonia nel suo conflitto con la Bielorussia. “I confini della Polonia e dei Paesi baltici sono i confini dell’Unione Europea. Uno per tutti e tutti per uno”, ha affermato Charles Michel, presidente del Consiglio europeo. E lo disse non per grande amore per la Polonia. E non solo perché queste diverse migliaia di persone si precipiteranno dalla Polonia alla Germania.

Il rifiuto pubblico di Bruxelles e Berlino di sostenere Varsavia sarebbe un altro grave colpo all’integrità e alla soggettività dell’Unione europea. “È importante mostrare non solo alla Bielorussia, ma anche a chiunque altro abbia un’idea del genere che non funzionerà, che l’Unione europea non soccomberà al ricatto”, afferma Heiko Maas. Inoltre, la resa della Polonia sarà un duro colpo per la reputazione dei burocrati europei, che potrebbero e vorrebbero screditare i polacchi caparbi, ma non vogliono rafforzare i dubbi sulle proprie capacità manageriali in altri paesi europei.

Non spifferare

Pertanto, se contiamo secondo il conto di Amburgo, il 15 novembre è rimasto ancora a Bruxelles. E ora Minsk ha bisogno di respingere in qualche modo le decisioni sulle sanzioni. Ma dispongono in modo tale da non giocare a favore degli avversari europei.

In Bielorussia assicurano che risponderanno per intero. “Dovremo reagire nel modo più duro”, afferma Anatoly Glaz, portavoce del ministero degli Esteri bielorusso. “Stiamo difendendo la nostra indipendenza e saremo pronti a prendere qualsiasi misura, anche la più severa”.

Lukashenka ha già accennato a queste misure. “Mi spaventano con le sanzioni. Va bene vedremo. Pensano che starò scherzando, che ho sbottato la lingua, tutto qui. Niente del genere. Ci difenderemo. Ecco, non abbiamo un posto dove ritirarci “, ha detto il presidente bielorusso. E con “sbottò la lingua”, a quanto pare intendeva le precedenti minacce di fermare il transito del gas russo attraverso il territorio bielorusso in caso di introduzione di sanzioni. In realtà, i combattenti bielorussi del fronte dell’informazione ora lo stanno trasmettendo. “Il presidente ha accennato: se ci saranno ulteriori tentativi di esercitare pressioni e sanzioni, saranno riscaldati con il gas Biden, che ha dimostrato in Inghilterra”, afferma lo scioccante giornalista di Minsk Grigory Azarenok.

A Mosca, tali minacce sono viste con un misto di sorpresa e apprensione. “Non c’è niente di buono in questo, e io, ovviamente, parlerò con lui su questo argomento, se non è nei suoi cuori l’ha appena detto … In teoria, ovviamente, Lukashenka, come presidente di un paese di transito, può probabilmente dare istruzioni per chiudere le nostre forniture in Europa. Anche se questa sarebbe una violazione del nostro contratto di transito, e spero che non si arrivi a questo, – ha detto Vladimir Putin. “Ciò causerebbe gravi danni al settore energetico europeo, al settore energetico europeo e non contribuirebbe allo sviluppo delle nostre relazioni con la Bielorussia come paese di transito”. In altre parole, Mosca ha certamente tutte le ragioni per essere sicura che Minsk non giocherà a favore dei propagandisti occidentali (che gridano sull’inaffidabilità delle forniture di gas russe) e di Kiev (assicurando che non ci siano alternative al fatiscente sistema di trasporto del gas ucraino). .

Forse Lukashenka, come dicono alcuni esperti, voleva interpretare Erdogan? In altre parole, ricattare i paesi occidentali attraverso l’aumento massimo dei tassi, rendendo così rischiosa qualsiasi pressione su di lui? Tuttavia, il presidente turco ha molta più libertà di manovra a causa del numero molto maggiore di strumenti politici, economici e militari in Turchia. La Bielorussia non ha tali strumenti, incluso il tubo. “Tutti i gasdotti sul territorio della Bielorussia sono di proprietà di Gazprom, sono gestiti da una società russa. Anche se il primo ministro della Bielorussia scrive un documento chiedendo di fermare il transito attraverso la Bielorussia, sorge la domanda: su quali basi sarà fatto “, chiede il Direttore del Fondo nazionale per la sicurezza energetica (NESF) Konstantin Simonov. Naturalmente, la Russia non chiuderà volontariamente il transito, il che significa che Alexander Grigorievich ha solo un’opzione per soddisfare l’ultimatum: la nazionalizzazione del tubo. Che, ovviamente, sembrerà una sfida diretta a Mosca.

Fonte: https://vz.ru/world/2021/11/16/1129300.html

Traduzione: Sergei Leonov

Sorgente: controinformazione.info | Lukashenko crede nella vittoria sulla UE