0 7 minuti 3 settimane

Base NATO Solbiate Olona guida Allied Reaction Force: tra guerra e propaganda nelle scuole

L’Italia, con il suo Comando NATO a Reazione Rapida (Nrdc-Ita) e multinazionale con sede operativa a Solbiate Olona (VA), è il quartier generale della nuova forza di reazione della NATO, ovvero l’ARF (Allied Reaction Force). Il nuovo assetto operativo vedrà crescere il numero di soldati, che arriveranno a 300 mila unità, oltre a mezzi e tecnologie.

L’entrata in vigore del nuovo assetto operativo ARF è stato celebrato l’1 luglio all’interno della base NATO di Solbiate Olona, con la partecipazione della massima autorità militare in Europa, generale Christopher G. Cavoli, del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (in rappresentanza del capo di Stato maggiore della Difesa), generale di corpo d’armata Carmine Masiello. Durante la cerimonia il comandante della base NATO, generale di corpo d’armata Lorenzo D’Addario, ha assunto ufficialmente il comando dell’ARF.

Già il 18 gennaio 2024, a conclusione dei lavori del Military Committee, il comandante supremo delle forze alleate in Europa, il generale statunitense Christopher Cavoli, aveva dichiarato: «La Forza di Reazione Rapida è capace di effettuare uno spettro completo di missioni e serve da riserva strategica per il dispiegamento in tempi strettissimi. Nell’autunno dello scorso anno, la NRDC-Italy è stata selezionata come quartiergenerale. Attualmente le sue unità si stanno addestrando in preparazione del nuovo ruolo assegnato». NRDC-ITA è l’acronimo di NATO Rapid Deployment Corps, il Comando multinazionale delle forze di intervento rapido che ha sede a Solbiate Olona(VA) e di cui fanno parte più di 400 militari provenienti da 18 paesi dell’Alleanza.

Inoltre il Comando NATO di Solbiate Olona è una delle infrastrutture militari strategiche che più e prima di altre si è “aperta” al territorio, alle aziende produttive e alle scuole di ogni ordine e grado. Le prime “visite” di studenti alla base NRDC-ITA risalgono a quasi vent’anni fa, come documentato dall’ufficio stampa del Rapid Deployable Corps NATO. Da allora le presenze delle istituzioni scolastiche a NRDC-ITA si sono fatte sempre più frequenti.  Il Comando si è mostrato attento alla formazione professionale degli studenti delle scuole del territorio.

Citiamo solo alcune attività svolte dalle scuole del territorio negli ultimi due anni. A fine luglio 2022, durante l’International Day che “consolida” i legami interculturali tra le nazioni partecipanti al Corpo di Reazione Rapida NATO, l’Istituto “Giovanni Falcone” di Gallarate ha collaborato alla gestione degli stand allestiti in caserma e al servizio catering, mettendo a disposizione una cinquantina di studenti in PCTO. Gli allievi dell’indirizzo enogastronomico dell’Istituto di Gallarate hanno operato presso il Comando NRDC-ITA pure in occasione del Natale dei bambini, l’happening organizzato per i figli del personale delle Forze Armate NATO di Solbiate.

Il 27 maggio 2023 in occasione di NRDC ITA No Limits, giornata di sport paralimpico organizzata dal Comando per «sensibilizzare l’opinione pubblica circa le tematiche del mondo della disabilità e, contestualmente, avvicinarla al mondo militare», gli studenti del “Falcone” hanno realizzato la locandina dell’evento e hanno partecipato – con tanto di cappellino “We are Nato” – alle attività gastronomiche ed accoglienza del pubblico e alla realizzazione del servizio fotografico.

Il 15 giugno 2023, il generale Giuseppe Scuderi (a capo di NRDC-ITA) ha voluto ringraziare personalmente i ragazzi «distinti nelle attività di beneficenza, solidarietà ed inclusione promosse dal reparto NATO del Ministero della Difesa» nel corso di una cerimonia svoltasi nell’Aula magna dell’Istituto di Gallarate, presenti il Provveditore agli studi e numerosi dirigenti scolastici della provincia di Varese.

Tra gli ultimi esempi che evidenziano sempre di più l’opera di penetrazione della base NATO di Solbiate Olona “Ugo Mara” nelle scuole della provincia, che avviene sia dentro gli istituti scolastici che nelle attività organizzate all’interno della Base stessa e alle quali gli studenti sono “invitati” a partecipare, troviamo quella di sabato 1 giugno 2024 per la seconda edizione di “NRDC-ITA No Limits” che si è tenuta in caserma, alla presenza delle autorità civili e militari della provincia di Varese e della Valle Olona e del dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Varese, con il patrocinio del comune di Solbiate O e della Provincia di Varese e, ovviamente, alla presenza e con la partecipazione di studenti della provincia.

Tra i partecipanti gli studenti dell’Istituto Falcone, noto per promuovere attività di PCTO (alternanza scuola lavoro) presso la base NATO, e sempre in prima fila quando si è tratta di aprire le porte ai militari o di garantire la presenza degli alunni alla base NATO.

In questa occasione sono stati coinvolti anche i bambini delle scuole materne, come la Scuola Materna paritaria di Fagnano Olona, dove “gli scoiattoli” sono stati accompagnati alla Base NATO di Solbiate Olona, e i bambini «hanno potuto esplorare i luoghi in cui i militari si addestrano e lavorano; hanno conosciuto i mezzi militari usati nelle missioni, le fasi di una missione seguendo con curiosità e attenzione», come si leggeva sulla loro pagina fb in un post rimosso dopo le rimostranze ricevute. Inoltre pochi giorni prima, sempre con un post pubblicato sulla loro pagina fb, comunicano che poiché «Il mondo militare affascina da sempre i bambini…Abbiamo trasformato la nostra scuola in una base per l’addestramento militare, la battaglia in trincea e un ospedale da campo con le migliori infermiere».

Quanto avviene non è casuale ma sostenuto da protocolli d’intesa firmati da rappresentanti dell’Esercito con il Ministero dell’Istruzione, gli Uffici Scolastici Regionali e Provinciali e le singole scuole. Così le scuole si trasformano sempre di più in caserme e le caserme entrano sempre di più nelle nostre scuole

Dobbiamo cercare di fermare questo processo di militarizzazione, iniziato almeno una ventina di anni fa non solo nella provincia di Varese ma in tutta Italia, deriva ignorata da gran parte delle persone e spesso anche dagli stessi docenti.

CONTRO GUERRE, MILITARISMO, PROPAGANDA DI GUERRA E MILITARIZZAZIONE DI SCUOLE E UNIVERSITÀ

Osservatorio contro la militarizzazione delle scuole e delle università di Varese

Sorgente: Base NATO Solbiate Olona Allied Reaction Force guerra propaganda scuole


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.