Whirlpool, confermata la chiusura di Napoli. Gli operai contro l’azienda: “Avvisati con sms”. Governo pronto a braccio di ferro giudiziario

Whirlpool, confermata la chiusura di Napoli. Gli operai contro l’azienda: “Avvisati con sms”. Governo pronto a braccio di ferro giudiziario

30 Ottobre 2020 0 Di Luna Rossa

Durante l’incontro tra l’esecutivo, sindacati e operai il premier ha riferito l’esito del suo vertice con l’ad della multinazionale. Bitzer ha ribadito al governo italiano di non essere in grado di offrire una soluzione di continuità industriale per lo stabilimento. Inviata la lettera di stop alle attività a tutti i dipendenti. Landini: “Non possiamo limitarci a prendere atto della decisione”. Re David: “Azienda è in salute, la chiusura di Napoli è ingiustificata”. I lavoratori protestano

Lo stabilimento Whirlpool a Napoli chiuderà. Dopo il vertice decisivo avvenuto ieri tra il premier Giuseppe Conte e la multinazionale, il governo ha confermato ai sindacati e ai 340 operai – collegati in videoconferenza – che a partire da domani le porte della fabbrica non si apriranno, come annunciato dall’azienda a fine luglio. L’ad di Whirlpool corporation, Marc Bitzer, ha spiegato all’esecutivo di non essere in grado di offrire una soluzione di continuità industriale per lo stabilimento di Napoli. Conte ha ribadito a sindacati e lavoratori di aver messo a disposizione ogni tipo di sostegno economico per il produttore di elettrodomestici, come la decontribuzione, i contratti di sviluppo, i fondi industria 4.0, la garanzia Sace. Ma Whirpool sostiene di non poter creare alcuna prospettiva industriale per Napoli, rendendo di nuovo competitiva la produzione. Una decisione che però, riferiscono fonti presenti al vertice, il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli non ha intenzione di accettare. L’idea dell’esecutivo è quella di ricorrere in ogni sede europea – anche giudiziaria – qualora ci fosse la necessità di far valere gli accordi presi nel 2018 con la società. “Terremo duro sulla vertenza, siamo al vostro fianco”, assicura il premier ai lavoratori, mentre Cgil, Cisl e Uil chiedono “più impegno” per garantire la continuità produttiva.

Si profila quindi un braccio di ferro tra esecutivo e multinazionale per evitare che la fabbrica chiuda i battenti per sempre, come invece sembra indicare la lettera inviata dall’azienda ai dipendenti. “La Direzione di Whirlpool Emea S.p.A. comunica la cessazione di tutte le attività produttive presso lo stabilimento di Napoli, con effetto alle ore 00:01 del 1° novembre 2020″, si legge. Una missiva attorno alla quale si è creato però un giallo. Gli operai, dopo essere scesi in piazza e aver bloccato la strada del quartiere Gianturco in segno di protesta, hanno fatto sapere di essere stati avvisati dall’azienda solo a tarda sera “via sms” dell’imminente chiusura. “Noi lo abbiamo appreso dagli organi di stampa in cui si parlava di lettera ai dipendenti – fanno sapere i lavoratori – solo adesso l’azienda ci ha mandato un sms per dirci che dal primo momento possiamo starcene a casa. E’ vergognoso“. Nella lettera Whirlpool specificava inoltre che, a partire dal 1° novembre, “i dipendenti saranno esentati dal rendere la propria prestazione lavorativa presso il sito, fermo restando il mantenimento del rapporto di lavoro in essere con effetto dal 1° novembre, l’azienda pagherà la piena retribuzione ai dipendenti fino al 31 dicembre 2020 con riserva di ulteriori valutazioni successive a tale data”. “L’accesso ai locali aziendali – prosegue la lettera – sarà consentito soltanto previa richiesta scritta autorizzata dalla direzione, per i soli fini del legittimo esercizio dei diritti sindacali derivanti dal Ccnl o altre comprovate esigenze personali, e nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza vigenti. Qualsiasi accesso non autorizzato sarà perseguito a termini di legge”.

Immediata la reazione dei sindacati: “La lettera inviata dall’azienda ai lavoratori non fa che gettare benzina sul fuoco in una situazione già esplosiva. È una provocazione inaccettabile“, ha dichiarato Palombella della Uilm. “Se non verrà fatto rispettare l’accordo del 2018, ogni altra intesa non avrà validità. Si rischia una situazione irreparabile e intollerabile per uno stato civile che non può mendicare il rispetto dell’accordo a una multinazionale, ma deve imporlo. Il governo in ogni caso deve farsi garante verso tutti i lavoratori di Napoli“. Il rischio, aggiunge, è che “la chiusura di Napoli potrebbe rappresentare l’inizio di una vera epidemia di licenziamenti“. Ancora più duro il segretario della Cgil Maurizio Landini, che chiede a Palazzo Chigi “di prendere una posizione precisa sulla continuità produttiva. Non possiamo limitarci a prendere atto della decisione dell’azienda. La continuità produttiva è l’obiettivo che dobbiamo porci. La chiusura di Napoli rappresenta un sopruso che non possiamo accettare”. Specie se si pensa che “Whirlpool ha reso noto l’andamento di mercato, e le vendite sono aumentate come anche il fatturato“, ha chiarito la segretaria Fiom-Cgil Francesca Re David, presente al tavolo con il governo. “L’azienda è fortemente in salute. La chiusura di Napoli è ingiustificata da ogni punto di vista”. Anche perché, aggiunge Furlan della Cisl, “gli accordi non sono carta straccia, le multinazionali non possono venire nel nostro paese, prendere risorse dallo stato italiano e poi senza alcuna motivazione decidere di mettere per strada centinaia di lavoratori e di famiglie“.

Sorgente: Whirlpool, confermata la chiusura di Napoli. Gli operai contro l’azienda: “Avvisati con sms”. Governo pronto a braccio di ferro giudiziario – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •