– Human Rights: “The Guardian” pubblica un documento ONU – Fame, tubercolosi, violenza: nei campi libici si muore ammazzati. Con la complicità dei paesi europei.

4 Giugno 2019 0 Di ken sharo

“The Guardian” pubblica un documento ONU – Fame, tubercolosi, violenza: nei campi libici si muore ammazzati. Con la complicità dei paesi europei.Blog Diritti Umani – Human RightsMigliaia di rifugiati detenuti nei centri di detenzione libici sono a rischio a causa del deterioramento della situazione di sicurezza a Tripoli e dintorni, secondo un documento interno dell’ONU analizzato dal “The Guardian”.Il documento dell’UNHCR e dell’Organizzazione internazionale per la migrazione, dal titolo Libya Detention Update 29 maggio 2019, rileva che 3.919 delle 5.378 persone detenute nei centri sono portatori di particolari vulnerabilità.Molti migranti respinti dalla guardia costiera libica finanziata dall’UE mentre cercano di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa vengono successivamente riportati in centri di detenzione.Secondo il documento, 4.148 di quei rifugiati nel paese sono nella zona a rischio di Tripoli o nel nord-ovest. Più di un quarto (27%) sono bambini, compresi neonati e bambini piccoli.L’UNHCR ha chiesto che tutti i rifugiati siano evacuati dai centri di detenzione. Cibo e acqua scarseggiano, i casi di tubercolosi sono numerosi e molti stanno morendo.The Guardian ha riferito che il mese scorso una milizia libica ha fatto irruzione in un centro di detenzione, Qasr bin Ghashir, vicino a Tripoli. I giovani rifugiati hanno descritto di essere stati sparati indiscriminatamente dalle milizie che avanzavano su Tripoli, in un attacco che secondo come riferito avrebbe lasciato almeno due persone morte e 20 feriti.Dopo l’incidente, molte persone sono state evacuate, ma anche altri centri sono pericolosi. I rifugiati hanno denunciato la morte di 22 persone a causa di malattie negli ultimi sette mesi, tra cui tubercolosi e infezioni polmonari e per la fame nel centro di Zintan, nel nord-ovest della Libia.I rifugiati hanno fatto uscire i filmati di una montagna di spazzatura nel centro che dormono accanto e un’infestazione di vermi e altri insetti. Il documento interno dell’UNHCR identifica 744 persone su 754 a Zintan sono persone vulnerabili.Un portavoce dell’UNHCR ha dichiarato: “I resoconti delle morti nel centro di detenzione di Zintan sono profondamente preoccupanti. A Zintan e nei centri di detenzione di Tripoli le persone stanno affrontando condizioni terribili. I detenuti vengono lasciati senza cibo e acqua a sufficienza. I bagni e le docce sono rotti. Le persone hanno bisogno di cure mediche. Un focolaio di tubercolosi si sta diffondendo rapidamente. È fondamentale che le persone trattenute a Zintan e in altri centri di detenzione di Tripoli siano evacuate “.Giovedì scorso, l’UNHCR ha evacuato 149 rifugiati vulnerabili, tra cui 65 bambini, in sicurezza a Roma.Sam Turner, capo missione di Médecins Sans Frontières in Libia, ha dichiarato: “Il livello di sofferenza nei centri di detenzione libici è aumentato in modo significativo dall’inizio dei combattimenti a Tripoli e nei suoi dintorni.””La fornitura di cibo solitamente scarsa a coloro che si trovano in questi centri è diventata ancora più scarsa e alcune persone riferiscono di passare giorni senza mangiare”.Giulia Tranchina, un avvocato per i diritti umani di Wilsons Solicitors, che è in contatto quotidiano con i rifugiati all’interno di vari centri di detenzione tramite WhatsApp, ha invitato l’Europa a smettere di finanziare la guardia costiera libica.”Se i governi europei non evacueranno i profughi dalla Libia senza indugio, saranno complici delle orribili sofferenze e della lenta morte di centinaia di uomini, donne e bambini”.ES

Sorgente: Diritti Umani – Human Rights: “The Guardian” pubblica un documento ONU – Fame, tubercolosi, violenza: nei campi libici si muore ammazzati. Con la complicità dei paesi europei.

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •