Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
13 April 2024
0 6 minuti 1 settimana

Una scena di distruzione presso il complesso medico Shifa a Gaza.
Notizie dell’ONU
Una scena di distruzione presso il complesso medico Shifa a Gaza.

Pace e sicurezza

La portavoce dell’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che la distruzione dell’ospedale Al-Shifa, il più grande di Gaza, dopo due settimane di assedio da parte dell’esercito israeliano “ha rimosso il cuore del sistema sanitario” dalla Striscia, chiedendo il cessate il fuoco da parte del Consiglio di sicurezza. risoluzione da prendere “sul serio”.

Presentando la scioccante valutazione della sua organizzazione sulla situazione nell’ospedale Al-Shifa – che aveva 750 letti, 25 sale operatorie e 30 stanze di terapia intensiva – la dottoressa Margaret Harris ha detto ai giornalisti a Ginevra che le squadre di soccorso stavano aspettando “da giorni” per ottenere il permesso dall’ospedale Al-Shifa. le autorità israeliane hanno raggiunto la struttura sanitaria colpita, dove il personale e i pazienti hanno subito “livelli spaventosi di violenza”.

“Abbiamo comunicato con il personale e i dirigenti [dell’ospedale] ci hanno detto che Al-Shifa era stato distrutto e non era più in grado di funzionare in alcun modo”, ha detto .

Condizione deplorevole

Il dottor Harris ha detto che l’ospedale Al-Shifa è ormai in rovina, confermando che almeno 21 pazienti sono morti durante l’assedio da parte delle forze israeliane.

Mentre la situazione peggiorava nell’ospedale Al-Shifa, il personale medico è stato costretto a trasferire i pazienti in un edificio amministrativo del complesso dove non c’erano servizi igienici e “niente acqua né cibo”, secondo un portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha riferito che le persone bloccate nel posto “condividevano una bottiglia d’acqua tra 15 persone”.

Ha sottolineato che il personale medico “non aveva alcun mezzo per prendersi cura dei pazienti, molti dei quali erano gravemente feriti o pazienti in terapia intensiva”, comprese le persone dotate di cateteri urinari senza sacche. “Potete immaginare l’orrore che stava accadendo”, ha detto ai giornalisti .

Accesso negato

Se alle squadre dell’OMS verrà concesso il permesso di raggiungere l’ospedale Shifa e le poche strutture sanitarie rimaste nel nord di Gaza, le loro priorità includeranno il trasporto di medicinali, carburante e cibo, la valutazione di quali altre forniture siano necessarie e come fornire soccorso ai più feriti o malati. persone, secondo il dottor Harris.

Tuttavia, ha detto: “Abbiamo cercato di andare [al nord] per giorni, giorni e giorni, e la maggior parte delle nostre missioni sono state respinte. Non saremo in grado di fornire le cose di cui ha bisogno qualsiasi ospedale funzionante, ma soprattutto Basta fare una valutazione per capire cosa possiamo fare.In secondo luogo, mentre “Riguarda coloro che devono essere evacuati: dove possono andare e cosa possiamo fare per salvare la vita dei pazienti rimasti?”

Questo sviluppo avviene in un contesto di rinnovate preoccupazioni sulla sicurezza delle operazioni di soccorso a Gaza, dopo che numerosi attacchi aerei israeliani a Deir al-Balah hanno portato alla morte di sette operatori umanitari dell’organizzazione World Central Kitchen. Il dottor Harris ha confermato che la missione dell’organizzazione non governativa era stata concordata in anticipo con le autorità israeliane e che i veicoli dell’organizzazione avevano “chiari segni” che indicavano inequivocabilmente che appartenevano alla World Central Kitchen.

Centinaia di operatori sanitari sono stati uccisi mentre erano in servizio, insieme a 32.000 civili, il 70% dei quali erano donne e bambini. In questo contesto, un portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato: “Facciamo fatica a comprendere il numero di morti che supera il numero riportato di persone uccise nei bombardamenti, perché molte persone non raggiungono nemmeno gli ospedali”.

Sono in gioco le giovani vite 

Un team dell’OMS prevede inoltre di visitare l’ospedale Kamal Adwan di Gaza City, dove ci sono già serie preoccupazioni per il crescente numero di bambini che nascono con un peso inferiore a quello necessario per la sopravvivenza.

Il dottor Harris ha osservato che la struttura accoglie già almeno 15 bambini malnutriti al giorno. Ha rinnovato l’appello della sua organizzazione per un cessate il fuoco. Ha aggiunto: “La questione deve essere presa sul serio – il cessate il fuoco e la risoluzione delle Nazioni Unite – il mondo ha concordato sulla necessità di un cessate il fuoco. Questo avrebbe dovuto accadere mesi fa, ma deve accadere ora”.

L’aiuto per gli adolescenti gravemente malnutriti che sono “più a rischio di morte imminente se non trattati urgentemente” è disponibile presso due centri nutrizionali specializzati dell’OMS a Rafah e un altro a Kamal Adwan.

Prima dello scoppio del conflitto, la popolazione di Gaza era autosufficiente nella produzione alimentare e solo lo 0,8% dei bambini sotto i cinque anni soffriva di malnutrizione acuta. Oggi, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, questa percentuale oscilla tra il 12,4 e il 16,5% nei governatorati settentrionali.

“Vari medici, soprattutto negli ospedali di maternità, hanno riferito di aver assistito a un aumento significativo del numero di bambini nati con basso peso alla nascita che non sopravvivono al periodo postpartum perché nascono troppo piccoli”, ha detto il dottor Harris .

Sorgente: Organizzazione Mondiale della Sanità: distruggere l’ospedale Al-Shifa significa rimuovere il cuore del sistema sanitario dalla Striscia di Gaza Notizie delle Nazioni Unite

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Facebook0
YouTube20
YouTube
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot