il manifesto del 08.03.2019 e i primi articoli online

8 Marzo 2019 0 Di luna_rossa

Di Maio: ora lo stop definitivo ai bandi

Giuliano Santoro

Grillini rassicurati dal presidente del Consiglio. In serata riunione dei parlamentari alla camera preceduta da un’inconsueta lettera del capo politico. Il capogruppo dei deputati: se c’è il treno veloce non c’è più il governo. Ma resta aperta la via d’uscita di far decidere al parlamento

COMMENTI

Uno sciopero particolare nato per uno stupro, cresciuto contro ogni forma di oppressione

Lea Melandri

Lo sciopero che oggi riempirà le piazze di tante città del mondo è del tutto particolare, come il femminismo che lo promuove da tre anni. In Argentina, il 19 ottobre 2016 a far incrociare le braccia alle donne che daranno vita alla rete “Ni Una Menos”, non sono la disparità salariale o le discriminazioni sul lavoro, ma lo stupro e l’omicidio di una sedicenne, Lucia Pérez. Scrive Angela Davis: Il femminismo implica «una quantità di generi, e così tanti nomi per la sessualità che mai avremmo pensato di poter annoverare»

POLITICA

Zingaretti agli alleati: basta guerre

Daniela Preziosi

Il segretario prova a sminare il campo del centrosinistra: «Se accanto a noi ci saranno delle liste europeiste non dovremmo viverlo in una chiave di tensione e polemiche. Gli avversari sono i sovranisti» Ma Renzi e Calenda firmano il manifesto di Macron

COMMENTI

Il voto alla primarie e la crisi di M5S chiede un cambio di fase

Aldo Carra

Non è affatto scontato che la vittoria di Zingaretti si traduca in una svolta a sinistra del Nazareno. E’ certo, però, che per la sinistra si impone un cambio: c’è un lavoro di lunga lena da fare per reinsediarla nei territori abbandonati. C’é un lavoro a breve da fare sul terreno politico europeo ed italiano. Bisogna stare nel dibattito in corso sull’Europa facendosi portatori di una svolta profonda e cercando di sopravvivere nel confronto tra europeisti e sovranisti, ma, soprattutto in Italia, la sinistra deve occupare uno spazio nuovo

Logistica Zara, un nuovo sciopero contro le violenze

Massimo Franchi

Dopo il blitz col taser che ha colpito i lavoratori di Castel Giubileo, da Rimini parte la nuova mobilitazione: vogliamo diritti per tutti. ilt Cgil: tutte le coop hanno la stessa sede legale, l’azienda non può non saperlo

Biennale arte, è tempo di esploratori

Arianna Di Genova

L’edizione numero 58 della mostra si aprirà l’11 maggio per il pubblico all’insegna di due numi tutelari come Leonardo e Lenin e un titolo che invita tutti a connettersi con l’altro da sé: «May You Live in Interesting Times» è il titolo scelto dal curatore Ralph Rugoff

Una infelice vita quotidiana

Andrea Colombo

«Il figlio del boss. Una storia vera» di Pasquale Mauri, con la giornalista e scrittrice Graziella Durante, per Cairo edizioni

Le antiche fonti libertarie di Alan Stivell

Guido Festinese

Un disco – «Human-Kelt» – e un tour italiano al via il 21 marzo da Roma per l’arpista bretone. «Ho sempre saputo di proporre qualcosa di alternativo, e sono felice di aver avuto anche un pubblico con numeri grandi, per il mio stile»

Yamabushi, i monaci asceti delle montagne

Matteo Boscarol

Quando nel 1868 in Giappone iniziò ufficialmente il periodo Meiji, molti dei cambiamenti che sarebbero in seguito stati associati con questa nuova epoca, erano in verità già sbocciati nei decenni precedenti

RUBRICHE

Per Tullio Gregory attraverso Montaigne

Alberto Olivetti

Accanto alla dimensione introspettiva (rammentando l’avvertimento di Montaigne al lettore: «sono io stesso la materia del mio libro»), sarà da parte nostra dimostrazione di saggezza, meditare su quanto Gregory argomenta, non senza un attendibile raccordo con la temperie storica del nostro secolo, intorno alla conformazione sociale, alle fortunose ‘regole’ del consorzio civile sulle quali l’acuto sguardo di Montaigne non cessa di indagare

Sorgente: il manifesto del 08.03.2019 | il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •