UNRWA
0 2 minuti 3 settimane

Commissario generale dell’UNRWA:
Non c’è tempo da perdere, poiché le forniture umanitarie che entrano a Gaza sono lungi dall’essere sufficienti
Durante le prime due settimane dopo il massacro del 7 ottobre, tutti i valichi con Gaza furono chiusi. Non vi è entrato nulla, compresi cibo, medicine e altri beni di prima necessità.
Quando alla fine gli aiuti arrivarono, erano solo una minima parte: 20 o 40 camion al giorno. Ciò non è stato nulla di fronte agli enormi bisogni umanitari causati dall’assedio e dalla guerra.
I camion trasportavano principalmente forniture umanitarie e quasi nessuna merce commerciale.
Il settore privato è crollato e i mercati a #Gaza non esistono più, costringendo l’intera popolazione a fare affidamento su pochissimi aiuti.
All’inizio di questa settimana, il Programma alimentare mondiale ha pubblicato un rapporto terribile che conferma che Gaza è sull’orlo di una carestia provocata dall’uomo.
Sei mesi dopo, ciò che le autorità israeliane consentono è ancora ampiamente insufficiente.
Prima del 7 ottobre entravano a Gaza una media di 500-700 camion al giorno: oggi la media è di soli 150 camion.
C’è bisogno di:
Flusso significativo e ininterrotto di forniture commerciali e umanitarie vitali.
Più attraversamenti terrestri con un aumento dell’orario di lavoro e una maggiore efficienza di ispezione e sgombero.
L’accesso al nord di Gaza da parte delle agenzie umanitarie, inclusa l’UNRWA, è necessario su base quotidiana.
Un cessate il fuoco e inondare Gaza di cibo e beni salvavita è l’unica via d’uscita da questo pasticcio.
Altrimenti, più persone morirebbero a causa dell’assedio.
Questo è un disastro causato dall’uomo. Tutto ciò può ancora essere evitato attraverso la volontà e le decisioni politiche.

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20