0 3 minuti 1 mese

Il fotografo Mohammad Yaghi. (Foto per gentile concessione della famiglia) 

Mia zia Ghada fu felice di apprendere di essere incinta nel 2001.

Quando suo figlio nacque l’anno successivo, si chiamava Yousef.

Ricordo che dopo il suo arrivo abbiamo organizzato una celebrazione nota come aqiqah . Preparavamo cibo per la nostra famiglia allargata e ne distribuivamo una parte ai poveri.

Yousef era silenzioso.

Amava il calcio ed era un grande tifoso del Real Madrid. Gli piaceva essere uno studente universitario.

È doloroso pensare che Yousef sia stato ucciso durante la guerra genocida condotta da Israele contro Gaza.

Mia zia Ghada ora ha il cuore spezzato. Yousef è stato ucciso a febbraio, vittima della guerra genocida condotta da Israele contro Gaza.

È stato ucciso in un massacro.

Anche le sue sorelle Nour e Rana furono uccise. Così erano due dei figli di Rana.

Mia zia Ghada era in Giordania quando è avvenuto il massacro. Stava accompagnando una delle sue figlie, che si era recata in Giordania per un intervento chirurgico.

“L’occupazione israeliana mi ha rubato la felicità”, ha detto Ghada.

Suo marito ha riportato ferite alla gamba e alla testa durante il massacro. È in attesa di cure in Egitto.

Anch’io sono angosciato per come è stato ucciso Mohammad Yaghi, un altro mio cugino.

Mohammad ha lavorato come fotografo per numerosi media internazionali, tra cui Al Jazeera.

È stato ucciso dalle forze israeliane che attaccavano l’area vicino all’ospedale dei martiri di Al-Aqsa a Deir al-Balah, nel sud di Gaza. Sono state uccise anche la moglie Dania e la figlia Aylol di 18 mesi.

Mohammad era stato sfollato a Rafah, la città più meridionale di Gaza. Ma con Israele che minacciava un’enorme offensiva contro Rafah, è tornato a casa della sua famiglia a Deir al-Balah.

Si trovava vicino all’ospedale. Mohammad si recava spesso all’ospedale, dove era stata allestita una tenda per i giornalisti.

Eppure, il giorno in cui venne ucciso, a febbraio, era rimasto a casa con la sua famiglia.

Muhammad aveva documentato numerosi crimini commessi da Israele.

È tra gli oltre 100 giornalisti che sono stati uccisi nell’attuale genocidio. Per onorarli, dobbiamo continuare a documentare i crimini di Israele.

Amjad Ayman Yaghi è un giornalista con sede a Gaza.

Sorgente: Mio cugino ha documentato i crimini di Israele | L’Intifada Elettronica

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20