0 5 minuti 2 mesi

In seguito all’attacco degli Houthi alla nave Rubymar di proprietà britannica al largo delle coste dello Yemen , tre cavi Internet sono stati tagliati. Ciò ha fatto sì che l’industria dei cavi sottomarini si affrettasse a reindirizzare il traffico Internet, con oltre il 90% di tutta la capacità dell’Europa e dell’Asia che attraversa il Mar Rosso.

Quindici cavi attraversano il Mar Rosso rendendolo altamente strategico, oltre che vulnerabile alle interruzioni. Non è ancora chiaro cosa abbia causato il danno ai tre cavi – EIG, Seacom, AAE-1 – che trasportavano circa il 25% del traffico del Mar Rosso.

“Non credo che chi commenta questa cosa conosca realmente la causa del blackout e tengo a ribadire che un attacco diretto ai cavi è improbabile. Un danno accidentale è molto più plausibile”, ha affermato Paul Brodsky, analista senior presso la società di ricerca sulle telecomunicazioni TeleGeography a Washington.

“Non c’è nulla di cui preoccuparsi a questo punto, ma c’è preoccupazione poiché il Mar Rosso è un luogo di cavi così importante.”

Si ipotizza che l’ancora della Rubymar, colpita da un missile il 18 febbraio, abbia danneggiato i cavi mentre andava alla deriva verso nord prima di affondare il 2 marzo.

I media israeliani Globes hanno affermato che gli Houthi sono responsabili. Gli Houthi hanno attaccato navi in ​​risposta alla guerra israeliana a Gaza , ma hanno negato la responsabilità del taglio dei cavi, incolpando le marine britannica e americana che operano nel Mar Rosso.

“Difficile dire se si tratti di un attacco deliberato ai cavi o dell’ancora del Rubymar. In ogni caso, ciò non è di buon auspicio per la connettività dei cavi sottomarini nella regione, dimostrando quanto i cavi siano strettamente concentrati nel corridoio del Mar Rosso e che non c’è nulla che si possa realmente fare per gestire il rischio”, ha affermato Michael Ruddy, direttore della ricerca internazionale. presso Terabit Consulting con sede negli Stati Uniti.

“Enormi quantità di traffico [internet] e denaro sono state immesse in questi cavi. È un duro colpo non solo per le infrastrutture esistenti ma anche per lo sviluppo di sistemi futuri”.

Come appare Internet: cavi sottomarini in Medio Oriente

Per saperne di più “

Anche Julian Rawle , un consulente per cavi in ​​fibra ottica sottomarini con sede negli Stati Uniti, ha identificato come probabile causa il danneggiamento dell’ancora, nonostante i cavi fossero deliberatamente distanziati per evitare che si verificassero tali incidenti.

“Una nave può percorrere un certo numero di miglia [nautiche] trascinando la sua ancora, che sembra la spiegazione più plausibile. Attaccare i cavi sott’acqua è un gioco da pazzi e nessuno ha davvero la capacità di tagliare i cavi”, ha affermato Rawle.

“Si parla di navi sottomarine segrete che gli Stati Uniti e la Russia potrebbero avere, ma anche se potessi scendere e tagliare un cavo, dovresti prima trovarlo, e spesso i cavi sono sepolti. Non penso davvero che si sia trattato di alcun tipo di sabotaggio.

Quando i cavi sono danneggiati, gli operatori in genere raccolgono i segnali GPS delle navi vicine per capire quale nave potrebbe essere responsabile.

“Non è chiaro se questo possa essere fatto per il Rubymar, o se i risultati saranno accettati [da più parti]”, ha detto Ruddy.

Riparazioni rischiose

I tre cavi danneggiati collegano tutti i paesi europei all’Asia. EIG – Europe India Gateway – va dal Regno Unito a Mumbai, mentre Seacom va dalla Francia attraverso il Mar Rosso prima di diramarsi verso l’India e il Sud Africa. AAE-1 collega Francia , Italia e Grecia con India, Sud-Est asiatico e Hong Kong. 

Sebbene i dati Internet siano stati reindirizzati su altri cavi, che hanno la capacità di gestire il traffico aggiuntivo, non si prevede che i cavi danneggiati verranno riparati a breve. Le navi di riparazione dovranno raggiungere la zona, il che richiederà tempo, ma il problema più grande è ottenere il permesso per farlo nelle acque territoriali dello Yemen.

“Non puoi semplicemente posare o riparare un cavo nelle acque territoriali di qualcuno. Le aziende sono abituate a ottenere permessi, ma quando un paese è in guerra civile e un gruppo si costituisce come governo la situazione diventa davvero complicata. E le aziende occidentali sono autorizzate a farlo dagli Houthi?” disse Brodskij.

"
La prua e il nome della nave Rubymar sono visibili attraverso le acque del Mar Rosso (AFP/US Centcom)

 

 

Gli Houthi, ufficialmente conosciuti come Ansar Allah, sono stati designati come organizzazione terroristica dagli Stati Uniti in risposta ai loro attacchi alle navi, mentre il Regno Unito ha anche imposto sanzioni ai funzionari Houthi, che potrebbero incidere sulla capacità delle aziende di svolgere attività commerciali e burocratiche. offerte.

Un ulteriore problema è il costo dell’assicurazione delle navi da riparazione. “È diventato molto costoso assicurare le navi che attraversano il Mar Rosso, ed è necessario anche equipaggiare le navi, il che può essere difficile mentre i missili volano”, ha detto Brodsky.

All’inizio di quest’anno, secondo il Wall Street Journal , il costo per assicurare le navi che riparano i cavi vicino allo Yemen ha raggiunto i 150.000 dollari al giorno .

Si prevede che anche il percorso di due nuovi cavi, Ramen di Google e 2Africa di Meta, attraverso il Mar Rosso sarà influenzato dall’instabilità regionale.

“Anche se la situazione si calmasse, le compagnie di assicurazione diranno, ehi, non siamo sicuri di assicurare attraverso il Mar Rosso perché ciò potrebbe accadere di nuovo. Ciò renderà la manutenzione dei cavi operativamente molto difficile e molto più costosa”, ha affermato Rawle.

Sorgente: Affondamento della Rubymar: la nave Houthi ha attaccato i cavi Internet del Mar Rosso? | Occhio del Medio Oriente

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20