0 11 minuti 3 mesi

diritti umani
 
 
"Omar, 7 anni, ha perso la madre, il padre e il fratello gemello quando la loro casa è stata bombardata. Mentre gli parlavo, continuava a chiudere gli occhi perché aveva paura di dimenticare che aspetto avevano. Non poteva sopportare il pensiero che li ha perduti in questo mondo, e che potrebbe perderli anche nella sua immaginazione. 

 

Sorgente: Portavoce dell’UNICEF: La vita dei bambini di Gaza è orribile e deve esserci un cessate il fuoco | Notizie delle Nazioni Unite

Da Gaza, il portavoce dell’UNICEF James Elder ha detto che la situazione dei bambini è disperata ed estremamente difficile, rilevando le notizie secondo cui più di 6.000 ragazzi e ragazze sono stati uccisi. Ha sottolineato la necessità di un cessate il fuoco affinché i bambini possano godere di sicurezza e pace.

 

 

Parlando da Rafah nella Striscia di Gaza, Elder ha parlato con UN News degli ospedali che si riempiono di bambini con ustioni e ferite orribili, dei bambini che ha incontrato che avevano perso i propri cari e dei genitori le cui vite sono state cambiate per sempre dalla perdita dei loro figli. bambini.

Il portavoce dell’UNICEF ha sottolineato le storie di molti bambini di Gaza i cui sogni sono stati infranti da questa guerra e le cui vite sono state sconvolte. Ha detto che migliaia di loro vivono in campi sovraffollati invece di andare a scuola.

Abbiamo iniziato la nostra conversazione con il signor Elder chiedendogli di dipingere un quadro della difficile situazione dei bambini a Gaza e di come appare la situazione sul campo. Ha detto:

James Elder: La situazione sul campo sembra disperata, sia che si vedano condomini distrutti o macerie a terra, o automobili distrutte, o persone che fuggono dalle loro case, o anche solo guardando i volti delle persone che sembrano scioccati e stressati, come se… Il dolore e il dolore hanno messo radici qui a Gaza.

È un momento molto difficile. Durante questa tregua umanitaria, le persone si stanno riprendendo da gran parte di ciò che hanno vissuto nelle ultime sette settimane. 1,5 milioni di persone hanno perso la casa. Ci sono tra le 30 e le 40mila persone nei vari rifugi e gli ospedali sono pieni di bambini feriti. È una situazione disperata.

UN News: Ci può dire maggiori dettagli sulla situazione dei bambini a Gaza?

James Elder: È una situazione terribile. Posso dire che tutti i bambini qui avranno bisogno di una sorta di sostegno psicologico, che si tratti del ragazzino con cui stavo parlando solo mezz’ora fa, in un luogo che doveva essere un istituto tecnico giovanile, ma ora è un campo con 30 o 40mila persone alloggiate. .

Questo ragazzino ha perso la madre e le sorelle a causa dei bombardamenti. Non sa ancora che sua madre è morta. Questa è la realtà. Ho parlato con molte famiglie che si stanno ancora riprendendo dai traumi della guerra e non hanno detto ai loro figli che anche qualcun altro che amavano è stato ucciso. 

Gli ospedali sono pieni e sovraffollati. I reparti di emergenza sono pieni di bambini con tagli e ustioni orribili. Dentro e fuori gli ospedali.

Il personale medico, i medici e gli infermieri sono fantastici e lavorano 24 ore su 24. Ma non hanno abbastanza spazio. È una zona di guerra. Ci sono bambini nei parcheggi, nei parchi e sui letti ovunque. Poi ci sono centinaia di migliaia di bambini fuori dalle mura scolastiche, che vivono in campi sovraffollati al freddo e alla pioggia, senza cibo e acqua sufficienti, e ora a rischio di epidemie. È una situazione terribile.

UN News: Hai utilizzato i social media per evidenziare le storie dei bambini di Gaza. Hai una storia specifica che vorresti condividere con noi?

James Elder: Onestamente, ci sono molte storie. Sfortunatamente, ogni volta che mi giro, qualcuno ha un’altra storia che mi rende triste. 

C’è la storia di una ragazza di 21 anni. Mi piacerebbe che tu ascoltassi la storia con la sua voce. Non è una bambina, ma è davvero adorabile e sottolinea l’enorme potenziale che il popolo della Striscia di Gaza ha se ottiene pace e sicurezza. Era tra i 40 studenti di medicina che avevano acquistato il suo camice e stava per esercitare la medicina in ospedale. E ora era come se i suoi sogni fossero andati in frantumi. È come gli altri dottori qui che non possono lavorare. Seppelliscono semplicemente le persone. 

Questa è la realtà delle persone adesso. I bambini sono rimasti impressi nella mia mente, soprattutto quelli che hanno sofferto tanto durante i combattimenti. Ero su un autobus con dei bambini arrivati ​​da poco (a Rafah) e il viaggio è durato quattro giorni dagli ospedali del nord.

Nel corso di quattro giorni, un bambino era sull’autobus e la pianta del suo piede si era erosa e aveva cominciato a decomporsi, oltre a riportare ustioni da schegge. Ci sono molti di questi bambini. È al di là di me comprendere come ciò possa essere accaduto su questa scala. Questo è uno dei motivi per cui continuiamo a parlare così tanto perché questa situazione non può continuare.

Le storie dei bambini sono ovunque. C’è un bambino di nome Omar che ha sette anni. Un bombardamento sulla casa della sua famiglia ha ucciso sua madre, suo padre e suo fratello gemello. 

Quando gli ho parlato mi ha detto cosa stava facendo e che amava sua zia. Lei è fantastica e lo sostiene. Ma lui continuava a chiudere gli occhi e io cercavo di capire il perché. Ho chiesto a sua zia il motivo di ciò e lei mi ha detto che aveva molta paura di dimenticare l’aspetto di sua madre e suo padre. Questa è la fonte della sua paura adesso. Perciò chiude gli occhi perché non sopporta il pensiero di averli persi in questo mondo, e che potrebbe perderli anche nella sua immaginazione.

Notizie dalle Nazioni Unite: L’UNICEF e il Programma Alimentare Mondiale hanno effettuato una missione congiunta per fornire aiuti alimentari all’ospedale Al-Ahli nella città di Gaza e nelle aree circostanti. Puoi fornirci maggiori dettagli su questo incarico?

James Elder: Tutte le agenzie delle Nazioni Unite hanno svolto un lavoro fantastico negli ultimi giorni. Questo è esattamente ciò che può accadere quando i combattimenti cessano, quando otteniamo l’accesso – come dovremmo – e quando ci viene permesso di portare rifornimenti. Questo è il messaggio che il Segretario generale lancia da sei settimane. 

Per l’UNICEF abbiamo consegnato forniture mediche, attrezzature di emergenza e attrezzature per le ostetriche perché ci sono molte donne incinte che partoriscono nella zona di guerra. E anche sali per la reidratazione orale, soluzioni endovenose e multivitaminici per bambini, perché qui siamo molto preoccupati per lo stato nutrizionale dei bambini. L’UNRWA, la più grande agenzia qui per aiutare la popolazione della Striscia di Gaza, sta distribuendo cibo e carburante. Perché carburante significa acqua, poiché viene utilizzato per far funzionare gli impianti di desalinizzazione dell’acqua. L’acqua farà la differenza tra la vita e la morte. 

Il Programma alimentare mondiale ha consegnato forniture alimentari, mentre l’Organizzazione mondiale della sanità ha consegnato medicinali. Questo è ciò che è necessario e questo è ciò che è possibile. Per questo motivo, questa tregua umanitaria deve, in buona coscienza, trasformarsi in un cessate il fuoco umanitario e poi in una pace duratura.

Non possiamo passare dalla fornitura di aiuti umanitari a un nuovo bombardamento in 24 o 72 ore. Gli aiuti continuano ad arrivare, ma non siamo riusciti a fornire aiuti sufficienti alla popolazione.

Le persone hanno bisogno di tempo per riprendersi e noi abbiamo bisogno di tempo per fornire loro gli aiuti. Ecco perché la pace duratura è l’unica cosa che alla fine proteggerà le persone qui.

UN News: La mancanza di acqua pulita è rimasta uno dei problemi principali durante questo conflitto. L’UNICEF ha un piano per fornire acqua pulita ai bambini di Gaza?

James Elder: Sì, l’UNICEF ha un piano su cui stiamo lavorando ora, così come i piani per tutti i nostri meravigliosi partner sul campo qui nella Striscia di Gaza, l’UNRWA e tutti questi attori.

È un piano molto chiaro. Innanzitutto, ovviamente, la pace. Fermare i bombardamenti perché distruggono i punti d’acqua negli impianti di desalinizzazione. Gli impianti di desalinizzazione sono davvero i più importanti. Fai entrare il carburante e fai le riparazioni. Naturalmente, potremmo distribuire centinaia di migliaia di bottiglie d’acqua, ma questo non è un modo efficiente per fornire gli aiuti e non raggiungeranno le persone abbastanza velocemente. 

Questa mattina stavo parlando con i miei colleghi che stanno valutando questi impianti di desalinizzazione per rimetterli in funzione. Le Nazioni Unite sono sul posto e i partner sanno esattamente cosa occorre fare e lo stanno facendo. Ma per continuare a farlo ancora, la pausa umanitaria deve trasformarsi in un cessate il fuoco.

UN News: L’UNICEF dispone di statistiche sugli ultimi dati relativi alle vittime infantili a Gaza?

James Elder: Non ho le statistiche più recenti sugli ultimi giorni. Potrebbe esserci un ritardo da parte del Ministero della Sanità di Gaza. Francamente, quattro o cinque settimane fa, il numero di bambini uccisi era di centinaia, ed era orribile pensare che centinaia di bambini fossero stati uccisi, mentre ora sono migliaia. Attualmente è stato riferito che il numero è diventato più di 6.000 ragazzi e ragazze.

Questo deve finire. Possiamo esaminarlo e indagarlo più tardi. Ma tutto ciò deve finire. Questa guerra lascia cicatrici. Molti bambini hanno perso i genitori. Molti genitori hanno perso i propri figli e le loro vite non saranno più le stesse. Queste questioni potranno essere affrontate solo attraverso la pace.

Sono qui (a Gaza) solo dalla settimana scorsa. Ma per me è insolito parlare con qualcuno che non ha perso una persona cara.