0 11 minuti 5 mesi

I palestinesi fanno causa a Biden per non aver impedito il genocidio e chiedono un ordine di emergenza per fermare il sostegno militare e diplomatico all’assalto del governo israeliano a Gaza

13, novembre 2023
I palestinesi fanno causa a Biden per non aver impedito il genocidio e chiedono un ordine di emergenza per fermare il sostegno militare e diplomatico all’assalto del governo israeliano a Gaza

Contatto: [email protected]

I principali esperti di genocidio e olocausto presentano dichiarazioni a sostegno della causa federale

13 novembre 2023, San Francisco – Oggi, i palestinesi hanno chiesto a un tribunale federale di ingiungere al presidente Biden, al segretario di Stato Blinken e al segretario alla Difesa Austin di fornire ulteriori armi, denaro e sostegno diplomatico a Israele sulla base del fatto che è in corso un genocidio da parte dello Stato di Israele contro la popolazione civile di Gaza e i funzionari statunitensi hanno il dovere legale di prevenire, e non di favorire, questo gravissimo crimine. 

Biden, Blinken e Austin, come sottolineato nella denuncia, sono stati citati in giudizio nella loro veste ufficiale per non aver impedito un genocidio in corso laddove hanno influenza sullo Stato di Israele per farlo, e per aver favoreggiato direttamente il suo sviluppo con armi, fondi e copertura diplomatica, in violazione dei doveri sanciti dalla Convenzione sul genocidio e dal diritto internazionale consuetudinario. Il documento è accompagnato da una dichiarazione del principale esperto legale sul genocidio, William Schabas, che identifica gli aspetti delle dichiarazioni del governo israeliano, l’assalto militare mortale e l’assedio totale come segni di genocidio e afferma la violazione da parte degli Stati Uniti del proprio dovere legale di prevenire il genocidio. Una dichiarazione separata di esperti degli studiosi di genocidio e Olocausto Drs. John Cox, Victoria Sanford e Barry Trachtenberg spiegano come le intenzioni e le azioni genocide della leadership israeliana somiglino ad altri genocidi della storia recente.

La denuncia, che richiede provvedimenti dichiarativi e ingiuntivi, cita il sostegno incondizionato del governo americano a Israele mentre bombarda la popolazione di Gaza e la priva di cibo, acqua e altre necessità. Nella denuncia si afferma che anche i crimini commessi dall’ala militare di Hamas il 7 ottobre, che hanno ucciso circa 1.200 israeliani, tra cui molti civili, e ne hanno rapiti 240, non possono giustificare legalmente le forme di presa di mira di un’intera popolazione e di punizione collettiva inflitte dall’organizzazione. Governo israeliano, per non parlare del genocidio. Dall’8 ottobre, Israele ha ucciso oltre 11.000 palestinesi nella Striscia di Gaza – per lo più civili, tra cui più di 4.600 bambini – e ha provocato lo sfollamento di 1,5 milioni di persone. Migliaia di palestinesi risultano dispersi e la distruzione da parte di Israele di ospedali, scuole e della maggior parte delle infrastrutture a Gaza – così come la privazione intenzionale dell’accesso a cibo, acqua, elettricità e medicine – ha reso la vita a Gaza impossibile.

“Ad essere onesti, è difficile rivisitare tutte le scene delle ultime settimane. Aprono una porta per l’inferno quando li ricordo”, ha detto il dottor Omar Al-Najjar, un medico stagista di 24 anni presso il Nasser Medical Complex di Khan Yunis e attore nel caso. “Ho perso cinque parenti, ho curato troppi bambini che sono gli unici sopravvissuti delle loro famiglie, ho ricevuto i corpi dei miei compagni studenti di medicina e delle loro famiglie, e ho visto l’ospedale trasformarsi in un rifugio per decine di migliaia di persone come tutti noi rimanere senza carburante, elettricità, cibo e acqua. Gli Stati Uniti devono fermare questo genocidio. Tutti nel mondo devono fermare tutto questo”.

Oltre al dottor Al-Najjar, gli altri querelanti nel caso sono le organizzazioni palestinesi per i diritti umani Defense for Children International–Palestine e Al-Haq; le persone Ahmed Abu Artema e Mohammed Ahmed Abu Rokbeh, che si trovano a Gaza; e Mohammad Monadel Herzallah, Laila Elhaddad, Waeil Elbhassi, Bassim Elkarra e “AN”, che sono cittadini statunitensi con famiglia a Gaza. Tutti hanno avuto più membri della famiglia uccisi, sottoposti alla chiusura di Gaza e sfollati. 

Presentata per conto dei ricorrenti dal Centro per i Diritti Costituzionali presso lo studio legale Van Der Hout, LLP, la denuncia fornisce ampie prove del fatto che gli atti del governo israeliano rappresentano un genocidio in corso, che la Convenzione sul genocidio definisce come atti commessi “con intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”, e che può essere realizzato uccidendo, infliggendo gravi danni fisici o mentali a un gruppo preso di mira, o “infliggendo al gruppo condizioni di vita calcolata per provocarne la distruzione fisica totale o parziale”. L’esercito israeliano ha preso di mira aree e infrastrutture civili, anche utilizzando armi chimiche, e ha privato i palestinesi dei beni di prima necessità, si legge nella denuncia, mentre disumanizza i palestinesi come “animali umani” che non meritano la protezione dei diritti umani e promette di “eliminare tutto, ” chiarendo che “l’enfasi è sul danno e non sulla precisione”. Gaza era già stata oggetto di cinque precedenti campagne di bombardamento e di quasi 17 anni di chiusura militare e di occupazione continua che avevano reso Gaza una prigione a cielo aperto.

“Nelle ultime cinque settimane, il presidente Biden e i segretari Blinken e Austin sono stati fianco a fianco con un governo israeliano che ha reso chiara la sua intenzione di distruggere la popolazione palestinese a Gaza. Mentre un quartiere dopo l’altro, un ospedale dopo l’altro e i rifugi dei palestinesi sfollati venivano bombardati, mentre erano sottoposti ad un assedio totale e ad una chiusura che nega a 2,2 milioni di persone i beni di prima necessità, essi hanno continuato a fornire sostegno sia militare che politico alla campagna genocida in atto da parte di Israele mentre Non imponendo linee rosse”, ha detto Katherine Gallagher , avvocato senior presso il Centro per i diritti costituzionali e uno degli avvocati che hanno portato il caso. “Gli Stati Uniti hanno l’obbligo chiaro e vincolante di prevenire, e non di ulteriormente, il genocidio. Finora hanno fallito nel loro dovere legale e morale e nel loro considerevole potere di porre fine a questo orrore. Devono farlo”. 

Gli Stati Uniti hanno il dovere, ai sensi dell’articolo 1 della Convenzione sul genocidio, di prevenire e punire atti di genocidio, un obbligo sancito dal Congresso degli Stati Uniti nel 1988 quando ha ratificato la Convenzione e approvato il Genocide Convention Implementation Act (18 USC § 1091). Il dovere di prevenire è accresciuto data la notevole influenza degli Stati Uniti su Israele. L’amministrazione Biden, dicono i querelanti, non sta semplicemente fallendo nel prevenire il genocidio dei palestinesi da parte di Israele, ma lo sta attivamente favorendo. Dall’inizio dei bombardamenti, Biden ha ripetutamente riaffermato, con parole e fatti, il sostegno “ incrollabile ” degli Stati Uniti. 

I tribunali hanno identificato la fornitura di armi e altri materiali agli autori del genocidio come una forma di complicità. Per essere colpevole, il fornitore non deve necessariamente condividere l’intento genocida dei destinatari.

William Schabas, il principale esperto legale mondiale di genocidio , ha scritto nella sua dichiarazione sul caso: “Concludo che esiste un serio rischio di genocidio commesso contro la popolazione palestinese di Gaza e che gli Stati Uniti d’America stanno violando i loro obblighi , ai sensi sia della Convenzione sul genocidio del 1948 di cui è parte, sia del diritto internazionale consuetudinario, di utilizzare la sua posizione di influenza presso il governo di Israele e di adottare le migliori misure in suo potere per prevenire che il crimine abbia luogo”.

“I bambini palestinesi a Gaza sono senza dubbio obiettivi mentre le ripetute offensive militari israeliane distruggono le loro case, scuole e quartieri, mentre le forze israeliane usano armi prodotte e finanziate dagli Stati Uniti per uccidere loro e le loro famiglie impunemente”, ha affermato Khaled Quzmar, direttore generale della Difesa . for Children International – Palestina. “Mentre la gente protesta nelle strade, i leader mondiali dimostrano, giorno dopo giorno, di non avere l’audacia di porre fine alla catastrofica e senza precedenti distruzione della vita palestinese a Gaza. Abbiamo bisogno che il popolo americano si unisca a noi per porre fine a questo genocidio”.

L’avvocato locale Marc Van Der Hout dello studio legale Van Der Hout, LLP, ha dichiarato: “Gli Stati Uniti devono adempiere ai propri obblighi ai sensi della Convenzione sul genocidio e del diritto internazionale per prevenire l’escalation delle atrocità a Gaza. Gli omicidi e i rapimenti perpetrati da Hamas il 7 ottobre, per quanto orrendi siano stati, non giustificano in alcun modo i massacri ora perpetrati dallo Stato di Israele con il sostegno incondizionato e l’acquiescenza degli Stati Uniti. I tribunali devono ora costringere gli Stati Uniti a rispettare i propri obblighi previsti dalla legge”.  

“Abbiamo perso così tante persone, ma ce ne sono ancora molte altre che vivono, e dobbiamo loro fare tutto il possibile per fermare questo genocidio”, ha detto Mohammad Herzallah, uno dei querelanti che ha famiglia a Gaza. . “Ho fatto tutto ciò che era in mio potere: ho partecipato a proteste, sit-in, scritto lettere ai miei rappresentanti, disobbedienza civile. Ora chiedo ai tribunali di porre fine a questo genocidio in corso”.

Per ulteriori informazioni e leggere la denuncia, visitare la pagina del caso del Centro per i diritti costituzionali qui.

Il Centro per i diritti costituzionali lavora con le comunità minacciate per lottare per la giustizia e la liberazione attraverso contenziosi, patrocinio e comunicazioni strategiche. Dal 1966, il Centro per i diritti costituzionali si è occupato di sistemi di potere oppressivi, tra cui il razzismo strutturale, l’oppressione di genere, l’ineguaglianza economica e il controllo eccessivo del governo. Scopri di più su ccrjustice.org.

Segui il Centro per i diritti costituzionali sui social media: Centro per i diritti costituzionali su Facebook , @theCCR su Twitter e ccrjustice su Instagram.

Sorgente: I palestinesi fanno causa a Biden per non aver impedito il genocidio e chiedono un ordine di emergenza per fermare il sostegno militare e diplomatico all’assalto del governo israeliano a Gaza

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20