0 16 minuti 10 mesi

Dopo il rovesciamento del governo del Niger amico degli Stati Uniti, le nazioni dell’Africa occidentale del blocco ECOWAS hanno minacciato un’invasione dei loro vicini.

Prima di guidare la carica per l’intervento, il presidente dell’ECOWAS Bola Tinubu ha passato anni a riciclare milioni per conto degli spacciatori di eroina a Chicago, e da allora è stato intrappolato in numerosi scandali di corruzione.

Alcune ore dopo che il leader del Niger, sostenuto dall’Occidente, era stato arrestato dalla guardia presidenziale del paese il 28 luglio, il presidente nigeriano e presidente della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) Bola Tinubu è entrato in azione, avvertendo che il gruppo di nazioni “non tollererà alcuna situazione che rende incapace il governo democraticamente eletto”.

“In qualità di presidente dell’ECOWAS… affermo senza equivoci che la Nigeria sta fermamente con il governo eletto in Niger”.

Due giorni dopo, l’ECOWAS ha imposto severe sanzioni al Niger, e il blocco ha lanciato un duro ultimatum: se la giunta appena inaugurata non reinstallerà il presidente deposto entro una settimana, i governi filo-occidentali del gruppo lo faranno – con mezzi militari, se necessario. 

Sabato 6 luglio – un giorno prima della scadenza – i leader dell’ECOWAS hanno approvato un piano per invadere il paese, con il minaccioso avvertimento che “non diranno ai golpisti quando e dove colpiremo”.

Se l’ECOWAS avrà successo, gli stati membri Benin, Capo Verde, Costa d’Avorio, Gambia, Ghana, Guinea Bissau, Liberia, Nigeria, Sierra Leone, Senegal e Togo saranno costretti a inviare i loro soldati a invadere il Niger.

Questi sviluppi hanno portato il Paese dell’Africa occidentale, il Niger, tipicamente trascurato, sotto i riflettori dei media occidentali. Ma se scoppiassero le ostilità, nel mirino non ci sarebbe solo un singolo stato africano impoverito.

I vicini Burkina Faso, Mali e Guinea, anch’essi governati da amministrazioni militari che recentemente hanno preso il potere con la forza, hanno tutti avvertito che qualsiasi attacco al Niger sarà visto come un attacco anche contro di loro. Se i loro rivali dell’ECOWAS facessero la prima mossa, le nazioni che i media mainstream hanno soprannominato la “cintura del colpo di stato” dell’Africa si sono impegnate a scatenare anche le loro forze militari – un annuncio che dovrebbe porre fine a ogni illusione che restaurare il precedente presidente del paese sarebbe un processo indolore.

A guidare la coalizione filo-occidentale è il presidente del paese più potente, la Nigeria: Bola Tinubu. Uno degli uomini più ricchi della Nigeria, la fonte della fortuna del presidente tormentato dagli scandali rimane poco chiara.

I documenti esaminati da The Grayzone rivelano che Tinubu è una risorsa statunitense di lunga data che è stata nominata complice di una massiccia operazione di traffico di droga che lo ha visto riciclare milioni per conto di un parente spacciatore di eroina. 

 

La carriera di Bola Tinubu segnata dal traffico di droga e dalle accuse di corruzione

Per oltre 30 anni, Bola Tinubu è stata una forza importante nella scena politica della Nigeria e nell’economia del paese, con soprannomi locali che vanno da “la madre del mercato” al “padrino di Lagos” e “il leone di Bourdillon”. Ma il suo potere in Nigeria è passato in gran parte inosservato al pubblico internazionale fino al 2023, quando è diventato presidente dell’ECOWAS dopo aver vinto la presidenza in un’elezione seguita da vicino dal governo degli Stati Uniti.

Come presidente, Tinubu istituì rapidamente un regime di riforme economiche sostenuto dal Fondo monetario internazionale controllato dagli Stati Uniti e dalla Banca Mondiale. Nel corso della sua carriera politica in Nigeria, l’operatore africano ha coltivato uno stretto rapporto con l’ambasciata americana. Secondo una serie di dispacci riservati del Dipartimento di Stato rilasciati da WikiLeaks, i funzionari americani facevano molto affidamento sulle valutazioni di Tinubu del panorama politico interno.

I primi anni di vita della sedia ECOWAS sono avvolti nel mistero e anche la sua età esatta è sconosciuta. Quasi ogni dettaglio della storia personale di Tinubu – prima della sua apparizione a Chicago con un visto studentesco – è controverso, compreso il suo nome di nascita legale.

I registri della Chicago State University mostrano che Tinubu ha conseguito una laurea in Economia aziendale nel 1979. Negli anni successivi, i resoconti dei media indicano che Tinubu è stato impiegato in qualche modo presso una serie di importanti multinazionali con sede negli Stati Uniti, tra cui Mobil Oil Nigeria, società di consulenza Deloitte e GTE, che all’epoca era la più grande società di comunicazioni e servizi pubblici negli Stati Uniti.

Dei pochi dettagli che possono essere confermati sulle prime imprese del presidente nigeriano, molti derivano da un documento del tribunale del 1993 che nomina Tinubu come complice in una massiccia operazione di traffico di droga nel Midwest. 

Come ha spiegato dettagliatamente il giornalista David Hundeyin , i documenti del tribunale del distretto settentrionale dell’Illinois della corte distrettuale degli Stati Uniti chiariscono che Tinubu ha accumulato una piccola fortuna riciclando denaro per un parente trafficante di eroina a Chicago, e che i funzionari del governo americano alla fine hanno sequestrato ben più di un milione di dollari. da vari conti bancari registrati a nome dell’attuale presidente nigeriano.

Un rapporto del 1993 dell’agente speciale dell’IRS Kevin Moss spiegava che “vi sono probabili ragioni per ritenere che i fondi in alcuni conti bancari controllati da Bola Tinubu… rappresentino proventi del traffico di droga; pertanto questi fondi possono essere confiscati dagli Stati Uniti”.

Nei documenti , Moss descrive un rapporto di lavoro estremamente stretto tra il futuro presidente nigeriano e due spacciatori di eroina nigeriani di nome Abiodun Olasuyi Agbele e Adegboyega Mueez Akande, quest’ultimo indicato come cugino di Tinubu in una richiesta di prestito di un veicolo.

“Secondo i dipendenti della banca, quando Bola Tinubu venne alla First Heritage Bank nel dicembre 1989 per aprire i conti, fu presentato loro da Adegboyega Mueez Akande, che a quel tempo manteneva un conto presso la banca.” Inoltre, i documenti bancari indicano che “Bola Tinubu aprì anche un conto corrente congiunto a suo nome e a nome di sua moglie, Oluremi Tinubu”, la quale aveva “precedentemente aperto un conto bancario congiunto anche presso questa banca con Audrey Akande, moglie di Adegboyega Mueez Akande”, ha spiegato Moss. In molte applicazioni, gli indirizzi utilizzati da Tinubu corrispondevano esattamente a quelli precedentemente utilizzati da Akande.

“Secondo i documenti bancari… Tinubu aprì un conto individuale del mercato monetario e un conto NOW” presso la First Heritage Bank nel dicembre 1989, notò l’agente speciale. “Nella domanda, Tinubu ha dichiarato che il suo indirizzo era 7504 South Stewart, Chicago, Illinois” – “lo stesso indirizzo utilizzato in precedenza da Akande”.

“I registri bancari hanno rivelato che cinque giorni dopo l’apertura del conto, il 4 gennaio 1990, $ 80.000 furono depositati sul conto NOW presso la First Heritage Bank tramite bonifico bancario attraverso First Chicago da Banc One Houston”, continua il rapporto. Secondo l’IRS, il denaro è stato inviato da Akande.

Ma i rapporti finanziari del presidente nigeriano con i trafficanti di eroina vanno ben oltre, secondo l’agente speciale dell’IRS. Ha scritto che i registri di Citibank documentavano “due conti aziendali aggiuntivi detenuti a nome di Compass Finance and Investment Company, Ltd. che erano controllati da Bola Tinubu”.

“Quando Bola Tinubu ha aperto questi conti”, ha fornito “un atto costitutivo e uno statuto” che “identificava Mueez Adegboyega Akande e Abiodun Olasuyi Agbele come amministratori di Compass Finance and Investment Company, Ltd.”, ha scritto Moss.

Alla fine, Tinubu riuscì in qualche modo a depositare oltre 660.000 dollari sul suo conto alla First Heritage Bank nel 1990, e più di 1,2 milioni di dollari l’anno successivo, il tutto sostenendo di portare a casa solo 2.400 dollari al mese dalla sua posizione alla Mobil Oil Nigeria.

Quando le indagini sul programma di riciclaggio di denaro iniziarono a prendere piede, Tinubu lasciò gli Stati Uniti e tornò in Nigeria. Alla fine Moss ha potuto parlare più volte telefonicamente con Tinubu e l’agente speciale ha riferito che il futuro presidente inizialmente aveva riconosciuto i suoi rapporti personali e finanziari con i due trafficanti di droga. 

Ma alla fine di gennaio del 1992, “Tinubu informò gli agenti che indagavano sulla questione di non avere alcun legame d’affari o relazione finanziaria con Abele o Akande”, scrisse Moss. “Queste informazioni contraddicevano le sue precedenti dichiarazioni del 13 gennaio 1992, quando informò le forze dell’ordine che il denaro utilizzato per aprire il conto presso la First Heritage Bank proveniva da Akande.”

Tornato in Nigeria, Tinubu aveva già iniziato la transizione nell’arena politica. Nel 1992 fu eletto al Senato e nel 1999 divenne governatore dello stato di Lagos, posizione che mantenne fino al 2007. Ad un certo punto del suo mandato, Tinubu stabilì un rapporto con l’ambasciata degli Stati Uniti che sarebbe durato per anni. a venire, secondo una serie di dispacci diplomatici rilasciati da Wikileaks.

Ma anche i suoi alleati del Dipartimento di Stato non hanno potuto fare a meno di notare la propensione di Tinubu alla disonestà. Un cablogramma particolarmente degno di nota sottolineava che il politico era “noto per giocare veloce e sciolto con i fatti” e “è stato sorpreso in passato ad abbellire i suoi risultati scolastici”.

Alla fine, tuttavia, l’utilità di Tinubu sembrò superare il suo rapporto casuale con la verità, e il futuro presidente nigeriano continuò a fornire ai funzionari americani una valutazione pressoché continua della situazione politica nel suo paese. Un incontro tipicamente intimo con Tinubu si è concluso con il commento dell’ambasciatore statunitense in Nigeria: “come sempre, abbiamo trovato perspicace la sua visione della scena politica nazionale”.

Quando i dispacci vennero alla luce nel 2011, molti nigeriani rimasero scioccati dalla franchezza con cui i loro funzionari eletti parlarono agli inviati di Washington. “La volontà delle nostre élite di divulgare informazioni non richieste sulla nazione ai funzionari statunitensi tradisce una sete infantile di una dittatura paterna”, ha scritto il professore ed editorialista nigeriano-americano Farooq Kperogi.

Sebbene Tinubu sembrasse essere sfuggito alla giustizia per il suo presunto ruolo in una cospirazione per il traffico di eroina, le accuse di corruzione avrebbero continuato a perseguitare il presidente dell’ECOWAS per tutta la sua carriera politica in Nigeria. Da quando ha lasciato l’incarico di governatore di Lagos nel 2007, Tinubu “ha scelto tutti i successivi candidati vincitori”, secondo l’emittente tedesca DW, che all’inizio di quest’anno aveva notato che il magnate “è ritenuto uno dei politici più ricchi della Nigeria, ma la fonte della sua ricchezza è sconosciuto.”

Negli ultimi anni hanno cominciato a venire alla luce indizi sulle origini della fortuna accumulata da uno dei principali attori politici africani.

Nel 2009, Tinubu è stato indagato dalla polizia metropolitana di Londra, che stava indagando sulle accuse secondo cui il politico aveva messo insieme denaro con altri due governatori nigeriani per creare una società di copertura nota come “African Development Fund Incorporation”.

Gli investigatori hanno affermato che l’insolito accordo commerciale era in realtà uno sforzo congiunto per acquisire illegalmente azioni di ECONET, una società di telecomunicazioni fondata da Strive Masiyiwa, membro dell’intelligence statunitense e fiduciario della Fondazione Gates. Ma i tentativi di sondare la legittimità delle transazioni in questione sono stati messi da parte quando il governo federale nigeriano ha bloccato l’indagine britannica, che alla fine si è conclusa senza un solo arresto. Ad oggi, le autorità nigeriane non hanno ancora rilasciato le prove richieste dalle autorità britanniche.

 

Nel 2011, Tinubu è stato processato davanti al Tribunale del Codice di condotta in Nigeria per aver gestito illegalmente 16 conti bancari esteri. Desideroso di evitare l’imbarazzo che aveva sofferto in precedenza quando era stato fotografato in tribunale, il presidente dell’ECOWAS avrebbe rifiutato di prendere il suo posto al molo in un’udienza giudiziaria.

Ma l’attenzione sgradita sembra aver fatto ben poco per tenere a freno il gusto stravagante del politico, e Tinubu si è ritrovato ancora una volta coinvolto in uno scandalo di corruzione a seguito di un’indagine sulla lussuosa villa di 7.000 piedi quadrati dove soggiorna il presidente nigeriano quando riceve cure mediche a Londra. .

Tinubu nella sua villa londinese con un governatore nigeriano, Dapo Abiodun (grafica di Premium Times).

Secondo l’outlet nigeriano Premium Times, l’enorme villa nell’esclusivo quartiere londinese di Westminster è stata acquistata per una canzone dal figlio di Tinubu, che in qualche modo è riuscito ad acquistare la proprietà con uno sconto di circa 10 milioni di dollari da un ricco fuggitivo – anche se i beni del venditore, compresa la villa in questione, erano stati congelati da un tribunale nigeriano. Le foto pubblicate sui social media nel 2017 mostrano Tinubu in posa all’interno della villa accanto all’allora presidente della Nigeria, Muhammadu Buhari.

L’attuale e il precedente presidente hanno lavorato a stretto contatto per decenni e Tinubu ha pubblicamente rivendicato il merito esclusivo della presidenza di Buhari durante la campagna elettorale. “Se non fosse stato per me che stavo davanti a te alla guida dell’esercito e dicevo ‘Buhari, vai avanti, siamo con te’, non sarebbe mai potuto diventare presidente”, ha detto ai sostenitori durante una manifestazione l’anno scorso.

Ma la sospetta confluenza di denaro e influenza non si è conclusa con la misteriosa villa di Londra. Durante le elezioni generali nigeriane del 2019, le riprese di camion blindati che entravano nella residenza di Tinubu sono diventate virali sui social media e l’incidente è stato ampiamente visto come una prova del fatto che il politico era coinvolto in un programma fraudolento di compravendita di voti. Ma Tinubu è rimasto ribelle, dicendo ai giornalisti: “Tengo i soldi dove voglio”.

“Scusate, sono soldi miei o soldi del governo?” chiese “Se non rappresento nessuna agenzia governativa e ho soldi da spendere, se ho soldi, se voglio, li do alla gente gratuitamente”, ha insistito.

Lo scorso gennaio, la spiegazione ufficiale dell’episodio si è evoluta nuovamente quando uno dei rappresentanti del suo partito ha detto a una stazione televisiva nigeriana che i camion blindati in questione avevano semplicemente “perso la strada” ed erano arrivati ​​all’indirizzo sbagliato . Alla domanda sul perché Tinubu avesse apparentemente ammesso di aver distribuito denaro al pubblico, il segretario organizzativo del partito a Lagos ha offerto ai presentatori perplessi una spiegazione altrettanto improbabile: “lo ha detto scherzando”.

Sorgente: From Chi-Town bagman to ECOWAS chairman: meet the former money launderer leading the push to invade Niger – The Grayzone


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.