0 5 minuti 12 mesi

(FOTO) Un giovane palestinese tiene una bandiera accanto a pneumatici in fiamme durante una protesta presso la recinzione di confine con Israele a est di Gaza City il 3 luglio 2023. Israele ha intensificato le operazioni nel nord della Cisgiordania, sede della città di Jenin e del campo profughi adiacente . (AFP)
URL breve
Aggiornato il 04 luglio 2023

LONDRA: Israele è stato criticato dopo aver usato i droni per colpire obiettivi in ​​una roccaforte militante nella Cisgiordania occupata all’inizio di lunedì e aver dispiegato centinaia di truppe in un’incursione che assomigliava agli ampi attacchi effettuati durante la seconda rivolta palestinese due decenni fa.

Le truppe sono rimaste all’interno del campo profughi di Jenin lunedì, portando avanti la più grande operazione nell’area durante più di un anno di combattimenti. il mese scorso che ha ucciso quattro israeliani.

Funzionari sanitari palestinesi hanno affermato che almeno otto palestinesi sono stati uccisi e 50 feriti, alcuni in modo grave.

Secondo un funzionario palestinese che ha parlato nella tarda serata di lunedì, circa 3.000 palestinesi hanno lasciato il campo profughi di Jenin dopo l’operazione israeliana.

Le autorità palestinesi e la vicina Giordania ed Egitto, nonché l’Organizzazione di 57 nazioni per la cooperazione islamica, hanno condannato la violenza.

“Il nostro popolo palestinese non si inginocchierà, non si arrenderà, non alzerà bandiera bianca e rimarrà saldo sulla propria terra di fronte a questa brutale aggressione”, ha detto il portavoce presidenziale palestinese Nabil Abu Rudeineh.

La Casa Bianca ha detto che sta monitorando da vicino la situazione in Cisgiordania, ha detto lunedì un portavoce.

“Abbiamo visto i rapporti e stiamo monitorando attentamente la situazione”, ha detto un portavoce della Casa Bianca. “Sosteniamo la sicurezza e il diritto di Israele a difendere il suo popolo da Hamas, dalla Jihad islamica palestinese e da altri gruppi terroristici”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres è profondamente preoccupato per gli sviluppi a Jenin, ha detto un portavoce dopo che le forze israeliane hanno colpito la città della Cisgiordania con attacchi di droni in una delle più grandi operazioni nell’area degli ultimi 20 anni.

Guterres “afferma che tutte le operazioni militari devono essere condotte nel pieno rispetto del diritto internazionale umanitario”, ha dichiarato in una nota il vice portavoce delle Nazioni Unite Farhan Haq.

Lynn Hastings, la coordinatrice umanitaria delle Nazioni Unite nelle aree palestinesi, ha dichiarato su Twitter di essere “allarmata dalla portata delle operazioni delle forze israeliane”, osservando gli attacchi aerei in un campo profughi densamente popolato. Ha detto che le Nazioni Unite stanno mobilitando gli aiuti umanitari.

Lunedì pomeriggio, l’esercito israeliano ha dichiarato di aver scoperto tre strutture per la produzione di armi, confiscato centinaia di esplosivi e sparato a due uomini armati palestinesi durante gli scontri a fuoco.

L’esercito ha anche riferito di scontri a fuoco tra le forze di sicurezza israeliane e uomini armati palestinesi in una moschea dove i soldati hanno trovato ordigni esplosivi, armi e attrezzature militari.

Il campo di Jenin e una città adiacente con lo stesso nome sono stati un punto critico da quando la violenza israelo-palestinese ha iniziato a intensificarsi nella primavera del 2022.

Il ministro degli esteri israeliano, Eli Cohen, ha accusato l’arcinemico Iran di essere dietro la violenza finanziando gruppi militanti palestinesi, cosa che la parte palestinese rifiuta.

“Grazie ai fondi che ricevono dall’Iran, il campo di Jenin è diventato un centro di attività terroristiche”, ha detto Cohen ai giornalisti stranieri, aggiungendo che l’operazione sarebbe stata condotta in “modo mirato” per evitare vittime civili.

La Jihad islamica, un gruppo militante con una vasta presenza a Jenin, ha minacciato di lanciare attacchi dalla sua roccaforte nella Striscia di Gaza se i combattimenti si fossero prolungati.

“Se l’aggressione israeliana contro Jenin non si ferma, la resistenza palestinese farà quello che deve fare in breve tempo”, ha detto Dawood Shehab, portavoce del gruppo.

Anche il gruppo militante libanese Hezbollah ha condannato gli attacchi, affermando in una dichiarazione che i palestinesi hanno “molte alternative e mezzi che faranno rimpiangere il nemico per le sue azioni”. Hezbollah ha combattuto una guerra di un mese contro Israele nel 2006.

* Con AP

Sorgente: Nazioni arabe, l’OIC guida la condanna della violenza in Cisgiordania


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.