0 3 minuti 1 anno

Palazzo Chigi: «I migranti si sono appellati al cuore di madre della presidente». Schlein: «Ora è tardi». Malpezzi: «L’Italia non merita un governo così»

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha incontrato a Palazzo Chigi alcuni parenti delle vittime e i superstiti della tragedia di Cutro, accompagnati da mediatori che hanno consentito la traduzione da e verso le lingue madri: «L’incontro si è svolto in un clima emozionato e commosso – è la nota diffusa al termine dell’incontro –. Famigliari e superstiti si sono rivolti facendo “appello al suo cuore di madre” al presidente Meloni, che ha chiesto loro quanto fossero consapevoli dei rischi legati alle traversate del Mediterraneo e ribadito la linea del governo nella lotta contro i trafficanti di esseri umani, al fine di evitare altre tragedie come quelle avvenute di recente». E poi ha ringraziato i presenti «per la vostra presenza e per la chiarezza con la quale avete esposto i vostri drammi e le vostre richieste». Palazzo Chigi fa sapere anche che Meloni «ha garantito che proseguirà la ricerca delle salme, incluse quelle presumibilmente imprigionate nel barcone, ancora incagliato sul fondale».

Presenti per all’incontro anche il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Antonio Tajani e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano.

 

 

Schlein: “Incontro tardivo”
«Sì, è tardivo averle incontrate oggi». Così Elly Schlein ha risposto a chi le chiedeva se valuta tardivo l’incontro di oggi a Palazzo Chigi tra Giorgia Meloni e i familiari delle vittime del naufragio di Cutro. Schlein ha ricordato la visita del Presidente Sergio Mattarella e sostenuto che chi è andato a Cutro nei giorni scorsi ha potuto incontrare li i familiari e «affrontare in maniere più spedita» i problemi che avevano riguardo alle sepolture. «L’unica domanda che si dovrebbe fare a questo governo – ha continuato – è che alternativa legale hanno le persone che sfuggono a queste situazioni. Sono i governi che si dovrebbero fare carico dei corridoi umanitari, le vie legali sicure. Solo così si contrastano i traffici illegali».

 

Crotone, il rientro dei parenti delle vittime del naufragio dopo l’incontro blindato con Meloni

 

Le fa eco la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi: «Disertano Cutro nei giorni del naufragio e ci vanno tardi per fare un cdm show, non indagano le responsabilità e non chiedono scusa. Oggi, con imperdonabile ritardo incontrano parenti e superstiti e li colpevolizzano. Disumanità totale. L’Italia non merita un governo così».

Sorgente: Meloni incontra i superstiti di Cutro e i parenti delle vittime: “Conoscete i rischi delle traversate?” – La Stampa


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.