Iran punito per il trattamento delle donne

Iran punito per il trattamento delle donne
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Gli Stati Uniti avviano l’espulsione dell’Iran dalla commissione delle donne delle Nazioni Unite.

Di Evelyn Leopold

La Repubblica islamica dell’Iran è stato il primo membro delle Nazioni Unite ad essere espulso dalla prestigiosa Commissione sullo status delle donne (CSW), incaricata di proteggere i diritti delle donne e promuovere l’uguaglianza di genere.

In risposta alla repressione delle proteste da parte dell’Iran, in seguito alla morte di una giovane donna in custodia di polizia, il 14 dicembre è scaduto il mandato quadriennale di Teheran sulla CSW dopo l’adozione di una risoluzione  presentata  dagli Stati Uniti, con 29 membri votanti favorevoli alla delibera, otto contrari e 16 astenuti.

L’ambasciatrice statunitense Linda Thomas-Greenfield ha definito il voto “storico” e  ha detto ai  giornalisti: “Penso che abbiamo inviato un messaggio forte al governo iraniano e abbiamo inviato un messaggio forte alle donne iraniane”.

La commissione di 45 membri è vecchia quasi quanto le stesse Nazioni Unite ed è stata costituita nel 1946. Il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC) di 54 membri che sovrintende al CSW e che aveva precedentemente eletto l’Iran  nell’aprile 2021  per quattro- mandato di un anno al CSW a partire da  marzo 2022 , ha adottato la delibera per estrometterlo dalla commissione.

Sulla base delle crescenti  prove  raccolte negli anni ’60 che le donne erano colpite in modo sproporzionato dalla povertà, il lavoro della commissione si è concentrato sui bisogni delle donne nella comunità e nello sviluppo rurale, sul lavoro agricolo e sulla pianificazione familiare e sui progressi scientifici e tecnologici. La commissione ha anche incoraggiato le Nazioni Unite a fornire una maggiore assistenza tecnica per garantire un ulteriore progresso delle donne, specialmente nei paesi in via di sviluppo, secondo ” Una breve storia della Commissione sulla condizione delle donne “.

È insolito estromettere qualsiasi governo da un organismo delle Nazioni Unite. E diversi Stati hanno messo in dubbio la legalità della mossa, in particolare Iran e Russia. Ma l’ambasciatore canadese  Bob Rae  ha contrastato questa opposizione affermando che prima si deve votare per richiedere un parere.

Morte di Mahsa Amini

La risoluzione è stata innescata dalla brutalità dell’Iran contro i manifestanti scesi in piazza a settembre  dopo  la morte di una donna di 22 anni, Mahsa Amini, arrestata dalla “polizia della moralità” per non aver indossato l’hijab, un copricapo. È morta in custodia. Mentre le proteste di piazza si diffondono in tutto il paese, la stabilità politica viene messa a dura prova per il presidente iraniano politicamente inesperto, il religioso conservatore Ebrahim Raisi.

Almeno  488  persone sono state uccise dall’inizio delle manifestazioni, secondo un  tweet del 29 novembre  del gruppo Iran Human Rights (IHR), che sta monitorando le proteste. Altre  18.200  persone sono state arrestate dalle autorità, ha affermato IHR. L’Iran ha recentemente  giustiziato pubblicamente  due manifestanti maschi.

L’ambasciatrice Linda Thomas-Greenfield ha parlato della giovane donna,  dicendo : “Mahsa Amini voleva solo finire i suoi studi. Voleva mettere su famiglia. … Era solo una studentessa. Ma ora è una martire… Sappiamo che è stata uccisa per il reato di essere una donna».

Secondo il  Council on Foreign Relations , i manifestanti non hanno interesse a riformare la teocrazia iraniana ma, invece, vogliono farla finita, e le manifestazioni incentrate sulle donne hanno attaccato la legittimità del regime. “I canti di ‘donna, vita, libertà’ e gli inviti a porre fine all’uso obbligatorio dell’hijab sfidano l’ideologia islamista su cui si basa il governo iraniano. Queste proteste hanno un sostegno insolitamente diffuso, non vincolato da classe, etnia o genere”,  afferma  l’articolo del CFR.

Oggetti dell’Iran

L’ambasciatore iraniano alle Nazioni Unite,  Amir Saeid Iravani , ha, nel frattempo, negato tutte le accuse mosse contro il paese. Castigando gli Stati Uniti, ha  affermato  che Washington ha dimostrato una politica ostile nei confronti del popolo iraniano, in particolare delle donne, “perseguita con il pretesto di difendere i diritti umani”. Ha messo in dubbio la legalità del voto,  affermando  che “la cessazione della partecipazione di un membro eletto a una commissione funzionale per qualsiasi presunto motivo” non è supportata dalle regole dell’ECOSOC.

Il vice ambasciatore della Russia,  Gennady Kuzmin , ha affermato che lo scopo dell’incontro era eliminare la Commissione sullo status delle donne da un attore sovrano, aggiungendo che ogni stato ha l’obbligo di mantenere l’ordine pubblico. Ma ha detto che il governo iraniano dovrebbe prendere misure per prevenire tali tragedie come la morte di Mahsa Amini in futuro. Ha anche messo in dubbio la legalità del voto.

L’ambasciatore israeliano Gilad Erdan  , ora impegnato in una guerra per procura con l’Iran, ha detto ai delegati dell’ECOSOC che “questa risoluzione deve ricevere il sostegno di tutti noi e chi non la sostiene è complice dell’oppressione e dell’assassinio delle donne”.

Coloro che non hanno sostenuto la risoluzione  sono stati  Bolivia, Cina, Kazakistan, Nicaragua, Nigeria, Oman, Russia e Zimbabwe.

Secondo  Richard Gowan , un esperto delle Nazioni Unite presso l’International Crisis Group, molti delegati hanno avuto dei ripensamenti quando i rapporti sull’azione degli Stati Uniti sono diventati noti. “Ho sentito molti diplomatici dire che pensano che le azioni dell’Iran siano vili, ma temono che gli Stati Uniti useranno maggiormente queste tattiche di esclusione in futuro. Un giorno è l’Iran, il giorno dopo potresti essere tu”.

Il testo della  risoluzione  esprime preoccupazione per l’Iran che “amministra politiche palesemente contrarie ai diritti umani delle donne e delle ragazze e al mandato della Commissione sulla condizione delle donne” e decide di “rimuovere con effetto immediato” l’Iran dall’appartenenza al commissione per il resto del suo mandato 2022-2026.

Questo articolo è stato prodotto da  Globetrotter .

Sorgente: Iran punito per il trattamento delle donne

Spread the love
seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

ken sharo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: