0 2 minuti 2 anni

La doppia provocazione alla vigilia del centenario della Marcia su Roma

Due striscioni, prima uno contro la Marcia su Roma e contro Mussolini, poi uno a favore, sono comparsi giovedì sera su un ponte a due passi dal Colosseo, a Roma, proprio alla vigilia del centenario della ricorrenza storica del 1922, in una giornata in cui il Campidoglio aveva già ordinato la rimozione di manifesti celebrativi della Marcia su Roma. Nel primo è comparsa la scritta «28-X-2022 sappiamo come va a finire» con la foto di Benito Mussolini capovolta, a ricordare i fatti di piazzale Loreto. Successivamente, l’immagine del Duce è stata ripristinata correttamente accompagnata da un altro striscione, a coprire il precedente, con la scritta «100 anni dopo, la Marcia continua». Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine che hanno rimosso immagini e gigantografia.

«In occasione del centenario della Marcia su Roma – hanno poi scritto in un comunicato gli autori del secondo blitz -, i militanti del Movimento Nazionale hanno affisso uno striscione al Colosseo, al fine di rivendicare un pezzo di storia d’Italia che una certa fazione politica vorrebbe far cadere nell’oblio. La Marcia su Roma, in un momento in cui il Paese era devastato dalle macerie della I Guerra Mondiale, ha ridato forza, speranza e grandezza ad una Nazione e ad un popolo di combattenti. Oggi, senza nostalgismi vacui, si può senz’altro auspicare, stante il periodo di enorme difficoltà in cui versa l’Italia, che una nuova rinascita possa contribuire a ridestare il popolo dal nichilismo della crisi etico – sociale, affinché il sistema economico e produttivo possa ripartire, ridando nuovamente lustro e prestigio alla nostra amata Patria».

Sorgente: Roma, doppio blitz al Colosseo con gigantografia di Mussolini: prima gli antifascisti, poi i neofascisti- Corriere.it


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.