0 2 minuti 1 anno

Iraq: la siccità spinge 3.000 famiglie a lasciare le case

Almeno 3.000 famiglie in otto governatorati iracheni sono state costrette a lasciare le loro case a causa della siccità e del basso flusso dei fiumi, ha annunciato venerdì l’Alto Commissariato per i diritti umani in Iraq.
pulsante di condivisione facebook
pulsante di condivisione twitter
pulsante di condivisione reddit
pulsante di condivisione whatsapp
pulsante di condivisione e-mail
condividi questo pulsante di condivisione

Almeno 3.000 famiglie in otto governatorati iracheni sono state costrette a lasciare le loro case a causa della siccità e del basso flusso dei fiumi, ha annunciato venerdì l’Alto Commissariato per i diritti umani in Iraq.

Il Governatorato di Diyala, che si estende a nord-est di Baghdad fino al confine con l’Iran, è stato il più colpito dalle ondate di siccità dovute al taglio da parte dell’Iran degli affluenti del fiume Tigri . Ciò ha portato a un calo di oltre il 90% del livello del fiume Diyala.

Ciò ha portato il ministero dell’Agricoltura iracheno a escluderlo completamente dai suoi piani, con l’interruzione di molti dei suoi progetti e l’interruzione del funzionamento degli impianti di acqua potabile.

“L’Iraq è considerato il più colpito tra i cinque paesi più danneggiati dai cambiamenti climatici e il 39° tra i paesi che soffrono di carenza idrica”, ha condiviso in una nota Fadel Al-Ghazzawi, membro dell’Alto Commissariato per i diritti umani in Iraq .

Ha aggiunto: “Il calo record delle precipitazioni dell’anno scorso ha contribuito alla crisi idrica e alla desertificazione dei terreni agricoli, alla contrazione del manto erboso, alla siccità di laghi e stagni, a un aumento dell’inquinamento industriale e alla salinità del suolo”.

Al-Ghazzawi ha osservato che tutti questi fattori costituiscono “pericoli imminenti per l’ambiente e la vita delle persone”, esortando il governo ad adottare misure per trattare questi problemi.

Sorgente: Iraq: Drought pushes 3,000 families to leave homes – Middle East Monitor