No Vax Torino, l’appello su Telegram: dar fuoco alla Procura

No Vax Torino, l’appello su Telegram: dar fuoco alla Procura

7 Febbraio 2022 0 Di Luna Rossa

Dopo la notizia delle archiviazioni disposte dai magistrati del capoluogo piemontese delle denunce presentate contro Draghi e il governo

«A fuco la Procura di Torino». Che starebbe per «a fuoco». È l’appello lanciato su Telegram, in una chat di area No Vax che conta una quarantina di iscritti. «È il covo della dittatura che perseguita tutti gli oppositori», aggiungono gli utenti.

Il messaggio, al vaglio della Digos, è stato lanciato dopo la notizia delle archiviazioni disposte dai pubblici ministeri delle denunce presentate contro Draghi e il governo.

La consegna delle denunce al Palagiustizia continua anche in questi giorni. A provvedere sono degli avvocati. In molti casi si tratta di moduli prestampati – messi a punto da studi legali – che l’interessato deve solo corredare con nome e cognome.

 

 

Nel gruppo si susseguono minacce alle forze dell’ordine e ai locali che chiedono il Green Pass: «La soluzione è una soltanto, date fuoco ai locali che lo chiedono».

Negli scorsi mesi la Procura, nell’ambito di un’indagine della Digos, ha chiesto e ottenuto la chiusura del canale «Basta dittatura» che raccoglieva No Vax, Free Vax, No Green Pass e così via, in cui era un continuo insultare e minacciare politici, medici, giornalisti e tutti quelli considerati parte della fantomatica «dittatura sanitaria».

Diciassette attivisti del variegato mondo No Vax e No Pass erano finiti sotto inchiesta, indagati dalla con l’accusa di istigazione a delinquere con l’aggravante del ricorso a strumenti telematici e istigazione a disobbedire alle leggi dello Stato.

L’indagine aveva portato a perquisizioni in tutta Italia: 16 le città coinvolte tra cui Ancona, Brescia, Cremona, Imperia, Milano, Pesaro Urbino, Pescara, Palermo, Pordenone, Roma, Salerno, Siena, Treviso, Trieste, Torino, Varese. Molti degli indagati erano già noti alle forze dell’ordine per aver aderito a posizioni estremiste e per reati come resistenza, furto, rapina, estorsione e droga.

Sorgente: No Vax Torino, l’appello su Telegram: dar fuoco alla Procura – La Stampa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: