Rete italiana ISM

Rete italiana ISM

5 Dicembre 2021 0 Di ken sharo

Il rapporto afferma che Israele ha deliberatamente omesso di sondare le azioni delle sue forze durante le proteste di due anni durante le quali centinaia di persone sono state uccise

Il rapporto afferma che i funzionari israeliani si sono impegnati a sondare le pratiche di fuoco aperto dell’esercito, ma non hanno interrogato chiunque sia coinvolto nella scrittura o nell’attuazione delle politiche (MEE/Mohammed al-Hajjar)

Un rapporto pubblicato giovedì accusa l’esercito israeliano di indagare in modo improprio sulle proprie politiche e pratiche durante la Grande Marcia del Ritorno, quando centinaia di persone sono state uccise mentre i palestinesi a Gaza si radunavano lungo la recinzione che separa l’enclave da Israele ogni venerdì per quasi due anni.

La campagna di protesta chiedeva la fine del blocco su Gaza, imposto da Israele e l’Egitto nel 2007, e il diritto dei profughi palestinesi al ritorno nelle terre da cui le loro famiglie sono fuggite o da cui sono state costrette a fuggire durante la costituzione dello stato di Israele nel 1948.

La risposta israeliana, a volte con armi da fuoco, è stata letale, causando la morte di oltre 250 persone e decine di migliaia di feriti, secondo le Nazioni Unite.

Il rapporto, intitolato “Riluttante e incapace: le indagini imbiancate di Israele sulle proteste della Grande Marcia del Ritorno”, è stato compilato e pubblicato dal Centro palestinese per i diritti umani (PCHR) a Gaza e da B’Tselem, un gruppo israeliano per i diritti umani.

Descrive in dettaglio come i militari hanno attuato una politica illegale di utilizzo di fuoco vivo, per lo più effettuato da cecchini, contro manifestanti disarmati.

All’epoca, i medici in prima linea dissero a Middle East Eye che i cecchini avevano intenzionalmente mutilato i manifestanti, creando una generazione di giovani con disabilità e sopraffacendo il sistema medico già paralizzato del territorio.

I ricercatori hanno affermato che i funzionari israeliani si erano impegnati a indagare sulle pratiche del fuoco aperto in risposta alla pressione internazionale, ma non hanno interrogato chiunque fosse coinvolto nella scrittura o nell’attuazione delle politiche.

Raji Sourani, direttore esecutivo del PCHR, ha dichiarato giovedì durante una conferenza stampa che i ricercatori hanno lavorato al rapporto per più di un anno, intervistando testimoni e raccogliendo informazioni sull’impatto della politica del fuoco aperto.

“Hanno sparato a handicappati, hanno sparato a bambini, giovani, vecchi, [per] uccidere o paralizzare e amputare qualsiasi parte del corpo”, ha detto.

Altri uccisi nelle proteste includevano medici e giornalisti.

Stato di terrorismo
Invece di concentrarsi sull’attuazione delle politiche del fuoco aperto, secondo il rapporto, gli investigatori israeliani si sono concentrati su omicidi specifici ritenuti “eccezionali”.

Ciò significava che i militari non hanno condotto revisioni fattuali delle uccisioni se l’obiettivo era considerato un “terrorista”, sebbene lo stato non abbia spiegato come determina tale status.

Il rapporto dice che anche nei casi indagati dai militari c’era poca responsabilità.

Durante il briefing con i media, il direttore della ricerca di B’Tselem, Yael Stein, ha sottolineato l’uccisione del quindicenne Haitham Khalil Mohammed al-Jamal nel giugno 2018.

L’esercito israeliano ha condannato il soldato che ha sparato a Jamal per patteggiamento dopo aver ammesso di aver aperto il fuoco senza l’approvazione dei superiori. Il soldato ha ricevuto una condanna a un mese di lavoro militare.

Stein ha affermato che il caso è “indicativo” di come Israele “non abbia mai effettivamente intenzione di fare nulla”.

Gamba del ciclista amputata
Alaa al-Dali è un ciclista che aveva 21 anni quando è andato alla Grande Marcia del Ritorno il 30 marzo 2018 – il primissimo giorno delle proteste.

Dalì, che ha detto a Middle East Eye di aver partecipato alla protesta indossando la sua divisa da atletica in rappresentanza della Palestina, è stato colpito alla gamba da un cecchino israeliano. La sua gamba dovette quindi essere amputata, distruggendo la sua ambizione di competere nelle competizioni internazionali.

Secondo Stein, a 150 persone a Gaza sono stati amputati gli arti a causa del fuoco di Isarele durante le proteste.

Migliaia di palestinesi sono stati colpiti alle gambe durante le proteste della Grande Marcia del Ritorno (MEE/Mohammed al-Hajjar)

Dali ha detto che diverse organizzazioni per i diritti umani lo hanno contattato per indagare sul suo caso e un avvocato lo ha contattato per dire che l’esercito israeliano sosteneva che fosse stato colpito da Hamas e non dai cecchini di Isarele.

“Era davvero triste, deprimente”, ha detto del fatto di aver perso la gamba. “Ma per fortuna mi sono ripreso bene. Ho ricevuto sostegno dalla mia famiglia e dai miei amici, mi hanno incoraggiato ad alzarmi e muovermi. Ho iniziato ad andare in bicicletta con una gamba sola e ho iniziato a pensare a come creare una squadra per i ciclisti parapalegici palestinesi e a cercare il riconoscimento internazionale per quella squadra”.

Dalì è riuscito a creare la squadra, gli uccelli di Gaza. Ora si stanno allenando per i campionati internazionali.

‘Chiara bugia’
Durante il briefing di giovedì, Sourani ha affermato che l’esercito israeliano ha cercato di porre fine alle proteste rapidamente dopo l’inizio di marzo 2018.

“La prima reazione dell’esercito israeliano è stata molto chiara e flagrante”, ha spiegato Sourani, riassumendo i risultati del rapporto. “[Israele] ha detto: ‘Non lo permetteremo.’… hanno schierato cecchini lungo tutto il confine della Striscia di Gaza”.

La prima reazione dell’esercito israeliano è stata molto chiara e flagrante… hanno schierato cecchini in tutto il confine della Striscia di Gaza
– Raji Sourani, PCHR
Il portavoce di B’Tselem, Dror Sadot, ha detto a MEE che il rapporto è stato compilato raccogliendo ricerche sul campo, chiedendo all’esercito israeliano dati sulle sparatorie e domande specifiche sulle sue varie indagini militari, oltre a controlli incrociati con i rapporti precedentemente pubblicati.

Il rapporto delinea come l’esercito israeliano abbia difeso le sue pratiche durante le proteste presso l’Alta Corte di Giustizia israeliana sostenendo che le vite israeliane erano in pericolo – un’affermazione che Stein ha respinto come una “chiara bugia”.

“Le norme sul fuoco aperto consentono l’uso del fuoco solo per contrastare le rivolte violente che rappresentano un pericolo chiaro e immediato per le truppe dell’IDF (esercito israeliano) o per i civili israeliani”, ha detto lo stato ai giudici dell’alta corte nel 2018.

Durante i due anni, un soldato israeliano è stato ferito e uno è stato ucciso, entrambi vari mesi dopo l’inizio delle proteste.

“Le forze di sicurezza ben armate hanno continuato a usare il fuoco letale contro i manifestanti dall’altra parte della recinzione che non rappresentavano alcun pericolo reale”, scrivono i ricercatori nel rapporto.

“Devi davvero indagare”
Il titolo del documento si riferisce a un obiettivo specifico di B’Tselem e PCHR.

La Corte penale internazionale (ICC) interviene per indagare quando gli stati “non vogliono o non possono” farlo da soli. Il rapporto fa questo caso contro il governo israeliano.

L’ICC ha aperto formalmente un’indagine sulle pratiche israeliane nei territori palestinesi occupati nel marzo 2021, dopo sei anni di raccolta di prove da parte del tribunale su potenziali crimini di guerra nella regione.

Un mese dopo, i funzionari israeliani hanno annunciato che non avrebbero collaborato al processo.

Sourani, che è un avvocato, ha affermato che l’indagine è sopravvissuta a diversi tentativi da parte dell’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e dei funzionari israeliani di far fallire il processo, e spera che completerà la sua missione.

“L’unica cosa che Israele ha fatto in risposta ai numeri [sulle vittime palestinesi] e alle critiche internazionali è stata dire che stiamo aprendo un’indagine”, ha detto Stein durante la conferenza stampa.

“Il fatto è che non basta dire che stai investigando, devi effettivamente investigare. E questo è qualcosa che Israele non ha fatto”.

Alla domanda durante il briefing se B’Tselem e PCHR avessero inviato le loro scoperte all’esercito israeliano, Stein ha detto che l’esercito ne sarebbe stato a conoscenza attraverso la documentazione pubblica e aveva i propri canali di comunicazione per rispondere.

Sorgente: Rete italiana ISM