Milano: cade l’accusa di antisemitismo dopo i fatti del 25 aprile 2018

Milano: cade l’accusa di antisemitismo dopo i fatti del 25 aprile 2018

12 Ottobre 2021 0 Di ken sharo

(Foto di Andrea De Lotto)

Lunedì 11 ottobre, 9 di mattina, davanti al tribunale di Milano un presidio per sostenere i quattro imputati, accusati e processati in seguito alla contestazione della presenza al corteo di Milano del 25 aprile della cosiddetta “brigata ebraica”.

Il 25 aprile del 2018, come avviene da alcuni anni, un vivace gruppo di manifestanti solidali col popolo palestinese contestano la presenza di bandiere di Israele, una presenza dichiaratamente sionista.

Oggi si è svolta l’ultima udienza di un processo che ha visto anche le testimonianze di personalità del mondo della cultura, come Moni Ovadia e Vera Pegna, che hanno chiaramente spiegato come l’antisionismo non sia sinonimo di antisemitismo, come criticare anche duramente l’occupazione israeliana non può essere confuso con il razzismo.

Poco dopo le 10 escono avvocati e imputati: 3 assolti e una condanna a sei mesi ad uno di loro per resistenza a pubblico ufficiale. Il fatto più importante, però, è che è caduta la grave accusa di antisemitismo e incitamento all’odio razziale che pesava su di loro. C’è soddisfazione: striscioni e bandiere in favore della lotta del popolo palestinese vengono riavvolti, ci si sposta verso il presidio dei sindacati di base, le lotte si uniscono.

Sorgente: Milano: cade l’accusa di antisemitismo dopo i fatti del 25 aprile 2018

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •