controinformazione.info | Perchè il Regime insiste tanto nel negare la pericolosità dei vaccini?

controinformazione.info | Perchè il Regime insiste tanto nel negare la pericolosità dei vaccini?

9 Settembre 2021 0 Di marco zinno

 PERCHÈ IL REGIME INSISTE TANTO NEL NEGARE LA PERICOLOSITÀ DEI VACCINI?

 

di Luciano Lago

Sono in molti ormai a chiedersi quale possa essere il motivo che spinge le autorità governative in Italia, come in pochi altri paesi, ad insistere in una narrazione sulla pandemia del tutto avulsa dalla realtà e sostenuta con una propaganda manipolatoria che ormai ha superato tutti i limiti della plausibilità.
Non basta più censurare e denigrare tutti i pareri discordi di scienziati e specialisti autonomi, oltre a manipolare i dati delle statistiche e nascondere il numero, sempre più elevato, di effetti avversi ai vaccini e decessi collegati.

Il divario tra il discorso ufficiale e la realtà della vaccinazione contro il Covid-19 può essere spiegato dall’emergere di un regime totalitario che pretende di utilizzare l’emergenza della pandemia come pretesto per un cambiamento di sistema e di soppressione delle libertà individuali ?

Se analizziamo quali siano i passi graduali che caratterizzano l’emergere di un regime totalitario, fra questi al primo posto c’è il tentativo di trasformare la realtà in modo da ottenere il consenso della popolazione Ad esempio riscrivere la storia cancellando fatti e persone inquietanti; propaganda ossessiva; azioni di psicosi di massa per influenzare le masse, diffondere paura di un pericolo sconosciuto, ecc..
Questo sistema fa presa sulle menti delle persone e le sospinge cercare conforto e protezione nei rimedi e nelle misure che le Istituzioni propongono, acompagnate da un coro conforme dei grandi media (megamedia), fra i quali le TV rivestono un ruolo di primo piano con spot continui inseriti in ogni trasmissione.

In realtà sappiamo da tempo che le istituzioni sono controllate da fiduciari del vero potere e rispondono a quelle centrali sovranazionali che trasmettono le loro direttive ai governi ed alle istituzioni. Quindi le istituzioni di fatto sono fittizie: svuotate di un reale potere decisorio sono una facciata della cosiddetta “democrazia”, impersonata da una casta politica che riceve ordini dall’esterno.

Questo sistema è cosa diversa dai dittatori vecchio stile che prendono il potere usurpando le istituzioni e poi lo mantengono principalmente con la forza. Il sistema è molto più sottile e subdolo nelle forme con cui si arroga tutti i poteri scavalcando e bypassando le norme costituzionali.
Esemplare la forma di ricatto adottata con l’adozione del lasciapassare sanitario: se ce l’hai eserciti i tuoi diritti, se non ce l’hai sei fuori dal consesso sociale e rimani isolato, senza lavoro e senza libertà di movimento. Tuttavia non sei formalmente obbligato, apparentemente puoi scegliere.

Ovviamente questa ricerca del consenso non funziona con tutti. C’è sempre una frazione della popolazione da sottomettere che è restia ad accettare le prevaricazioni imposte dal regime e che, pur essendo minoritaria, cerca di far sentire la sua voce dissidente in vari modi. La censura su questi dissidenti è un primo modo per mettere a tacere gli avversari ma, quando questa non basta, si ricorre alla denigrazione dell’avversario (è un complottista, un estremista, un no-vax, un sovvertitore dell’ordine democratico, un fascista, ecc..). Un modo indiretto per mettere all’angolo i dissidenti ed additarli come capro espiatorio (loro sono un pericolo per gli altri).

Esemplare in proposito tutto lo sforzo da parte del governo Draghi/Speranza e della corte di servitori dei falsi media di far credere alla gente che la vaccinazione sia una panacea contro ogni male, ma questo si spiega anche così: l‘ideologia vaccinista, divenuta una sorta di religione, ha la precedenza sulla realtà.
Un regime totalitario non si preoccupa della realtà, la cambia e la travisa a suo piacimento. Tale deriva però alla lunga può portare questo tipo di regimi, apparentemente, ad un pensiero totalmente assurdo e a un ragionamento fuori dalla logica: del tipo, “se vacciniamo tutti poi dovremo procedere alla terza dose ed in autunno potremmo richiudere tutto”, ministro Speranza. In pratica questi personaggi arrivano ad una ” logica dell’assurdo ” e la fanno propria.

Questo divario tra il discorso ufficiale destinato al grande pubblico e la narrazione fittizia della vaccinazione mira a trasformare la realtà in modo da ottenere il consenso della popolazione alla vaccinazione oggi ed a altre forme di controllo sociale domani. Non può mancare in questo caso il supporto di una ideologia di riferimento che può esssere definita l’ideologia dello scientismo dogmatico a cui tutti devono sottomettersi, come una sorta di religione che prevede l’omologazione degli individui verso una credenza generalizzata e superiore, concepita come infallibile a cui si inchina anche il Papa Francesco.

UNA FORMA DI CONDIZIONAMENTO CHE INVESTE OGNI ASPETTO DELLA VITA SOCIALE E CHE RENDE GLI INDIVIDUI PRIVI DI UN PROPRIA COSCIENZA CRITICA E DI UNA VISIONE ALTERNATIVA. UN PRIMO PASSO VERSO IL TRANSUMANESIMO DELLA SOCIETÀ DEI ROBOT, L’ULTIMA FRONTIERA DEGLI IDEATORI DEL NUOVO SISTEMA, IL CUI MOTTO OGGI È QUELLO DEL: “IL VACCINO VI RENDERÀ LIBERI”.

Sorgente: controinformazione.info | Perchè il Regime insiste tanto nel negare la pericolosità dei vaccini?