Usa, suprematista bianco spara e uccide due passanti. I deliri in un diario: Neri inferiori a noi

Usa, suprematista bianco spara e uccide due passanti. I deliri in un diario: Neri inferiori a noi

9 Luglio 2021 0 Di marco zinno

A

Avrebbe agito perché mosso dal suo odio “alimentato dalla supremazia bianca”, per questo Nathan Allen lo scorso 26 giugno ha ucciso due persone nella contea di Suffolk, in Massachusetts, negli Usa. Gli inquirenti hanno ritrovato dei diari che aveva chiamato “The Allen Diaries” nei quali esprimeva il suo odio contro i neri.
AMERICHEESTERI 9 LUGLIO 2021 11:05di Chiara Ammendola

Sui social si presentava come un marito innamorato e accudente nei confronti di quella moglie alla quale dichiarava amore eterno e che aveva sposato da poco, ma su uno dei suoi diari, poi ritrovati dalla polizia, scriveva: “I bianchi sono i predatori più importanti del mondo” o ancora “I bianchi negli Stati Uniti si stanno svegliando” e “I neri sanno di essere inferiori a noi”. Sono solo alcune delle frasi che il 28enne Nathan Allen riportava sui propri diari, da lui chiamati “The Allen Diaries”, e che sono alla base del suo odio verso i neri e chiunque non appartenesse alla “razza bianca”, da lui creduta superiore. L’uomo, lo scorso 26 giugno, ha impugnato due pistole e ha sparato a due passanti, uccidendoli: si tratta di David Green, soldato di 58 anni in pensione della polizia di stato del Massachusetts, e Romana Cooper, veterana dell’aeronautica militare di 60 anni. I due sono stati colpiti a morte dal 28enne nella contea di Suffolk, negli Usa. Per Rachael Rollins, procuratore distrettuale della contea non ci sono dubbi, l’assassino ha ucciso i due perché mosso da un odio “alimentato dalla supremazia bianca”.

 

continua su: https://www.fanpage.it/esteri/usa-suprematista-bianco-spara-e-uccide-due-passanti-i-deliri-in-un-diario-neri-inferiori-a-noi/
https://www.fanpage.it/

Sorgente: Usa, suprematista bianco spara e uccide due passanti. I deliri in un diario: Neri inferiori a noi

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •