Perú: Confermata la vittoria di  Pedro Castillo | Página12

Perú: Confermata la vittoria di  Pedro Castillo | Página12

19 Luglio 2021 0 Di marco zinno

La corte  elettorale ha finito di rivedere e ha respinto, per mancanza di consensi, tutte le pretese della destra Keiko Fujimori di annullare i voti del professor Pedro Castillo, con cui hanno cercato di strappare la vittoria al candidato della sinistra. In questo modo, dopo una lunga attesa di oltre un mese, è stato confermato che l’insegnante rurale e sindacalista che proviene da una delle zone andine più povere del Paese sarà proclamato in questo giorno presidente eletto. Entrerà in carica il 28 luglio . La destra ha risposto con la violenza nelle strade e con un’ultima manovra per ritardare la proclamazione di Castillo, ma non potrà impedirlo. Con tutte le loro richieste respinte, venerdì gli avvocati di Fujimori hanno presentato nuovi ricorsi su un gruppo di minuti, questa volta per presunti errori di conteggio. Il numero totale di voti di questi atti impugnati è significativamente inferiore al vantaggio di oltre 44mila voti che Castillo ha preso da Fujimori , con cui qualunque sia la destinazione di questi ricorsi, che gli esperti stimano molto probabilmente verranno anche respinti, nessun esito delle elezioni cambierà .

A causa delle sue false accuse di brogli elettorali che cercano di annullare i seggi elettorali nelle aree rurali dove Castillo ha vinto ampiamente , l’accusa ha avviato un’indagine su Fujimori per presunti crimini contro il diritto di voto e false dichiarazioni. Con tutto compiuto, l’ala destra raggruppata attorno all’attuale capo del clan Fujimori sta ora giocando la carta della delegittimazione del prossimo governo e del boicottaggio della sua gestione. Se non possono impedirgli di assumere l’incarico, cercheranno di rimuoverlo dal potere. Dalla vittoria di Castillo, la destra ha promosso un colpo di stato per annullare le elezioni. Confermata in ultima istanza la vittoria della sinistra, Fujimori ei suoi alleati sono passati dalla violenza verbale alla violenza di piazza.

Questa settimana, fujimoristi infuriati, armati di bastoni , hanno cercato di raggiungere il palazzo del governo, nel centro di Lima, urlando insulti contro il presidente Francisco Sagasti, ripetendo le accuse lanciate da Keiko contro il capo dello stato, accusandolo di essersi schierato con Castillo. Le prove, tuttavia, dimostrano la neutralità del governo. La folla di Fujimori ha scatenato la sua furia contro gli affari nelle strade vicine. Un fotografo del quotidiano La República , uno dei pochi media che non ha sostenuto le rivendicazioni del diritto di ignorare il trionfo di Castillo, è stato gettato a terra e picchiato da diversi individui.

Nella loro frustrazione e rabbia sfrenata, i Fujimoristi l’hanno lanciata contro tutti, compresi i giornalisti dei media che hanno sostenuto il falso discorso della frode. Una giornalista televisiva e il suo cameraman sono stati circondati, insultati e minacciati. Un altro giornalista è stato aggredito alle spalle da una donna, che si è coperta la testa con una bandiera e ha cominciato a tirarla. La folla ha circondato l’auto del ministro della Salute, Oscar Ugarte , che si stava recando a una riunione del Consiglio dei ministri, e ha iniziato a scuoterla ea percuoterla con dei bastoni. Lo stesso è successo al ministro dell’Edilizia, Solange Fernández . Passarono circa quindici minuti prima che la polizia sciolse gli aggressori ei ministri poterono riprendere la marcia per raggiungere il Palazzo del Governo.Il gruppo che ha scatenato la violenza si fa chiamare “The Resistance” e da anni agisce come una forza d’urto contro Fujimori. Ora sono stati ribattezzati “The Insurgency”. In passato hanno attaccato il pubblico ministero che ha indagato su Keiko e l’ha accusata di riciclaggio di denaro sporco e organizzazione criminale, e giornalisti critici nei confronti di Fujimori . A quelli di “The Resistance” piace fare foto facendo il saluto nazista. Negli atti di violenza di questa settimana, alcuni indossavano giubbotti con lo slogan fascista “Dio, Paese, Famiglia” scritto sulla schiena.Keiko Fujimori ha cercato di prendere le distanze dalle violenze scatenate dai suoi follower con un tweet in cui respingeva quelle azioni, ma non si può nascondere la sua lunga relazione con quel gruppo estremista. I suoi discorsi che invitano i suoi seguaci a mobilitarsi contro una presunta frode elettorale inesistente e a “affrontare il comunismo” hanno creato le condizioni per lo scoppio di queste violenze. Un’altra persona vicina ai capi di questo gruppo violento, l’ex candidato presidenziale di estrema destra Rafael López Aliaga, noto come “Porky”, ora alleato di Keiko, incoraggia permanentemente la violenza. “Morte a Castillo”, “Morte al comunismo”, “maledetti comunisti esci di qui” sono alcune delle minacce che il fascista López Aliaga solleva in ogni manifestazione pubblica a sostegno di Keiko.Quello che è successo questa settimana è il più grande scoppio di violenza dalle elezioni e il rifiuto del diritto di accettare la sua sconfitta e i suoi appelli contro la legalità democratica, ma

Sorgente: Perú: la justicia electoral confirmó el triunfo de Pedro Castillo | Asumirá el 28 de julio, pese a las maniobras dilatorias del fujimorismo | Página12

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •