La polizia greca aggredisce sessualmente le donne migranti dirette in Europa– Middle East Monitor

La polizia greca aggredisce sessualmente le donne migranti dirette in Europa– Middle East Monitor

20 Luglio 2021 0 Di marco zinno

È stato riferito che la polizia greca ha spogliato una donna turca e donne afghane migranti e le ha perquisite prima di aggredirle sessualmente mentre tentavano di farsi strada dalla Turchia all’Europa continentale.

Secondo Euronews, il marito della donna era stato perseguito da un tribunale turco con l’accusa di aver utilizzato l’applicazione di messaggistica ByLock sul suo telefono in seguito al tentato colpo di stato del 15 luglio 2016. L’app continua ad essere accusata dal governo turco di essere una piattaforma che ospita follower del religioso turco con sede negli Stati Uniti Fethullah Gülen, che secondo Ankara ha pianificato il colpo di stato.

Nonostante l’uomo abbia citato in giudizio la corte e abbia tentato di dimostrare di non avere contenuti criminali sul suo telefono, la sua condanna è stata recentemente confermata, quindi ha deciso di fuggire dal paese con sua moglie e suo figlio. Ha debitamente organizzato con i trafficanti di esseri umani di lasciare il paese via mare verso la Grecia da dove voleva andare in un altro paese europeo.

LEGGI: Poliziotti turchi, deputato curdo fuggono sull’isola greca in una barca di rifugiati

A seguito di una traversata in mare, la famiglia e altri otto migranti sono stati fermati dalla polizia greca dopo aver camminato per ore attraverso la campagna greca. I loro telefoni cellulari e documenti di identità sono stati confiscati prima di essere portati in una stazione di polizia e poi in una foresta. Lì, tutte le donne sono state costrette a spogliarsi nude e sono state molestate e palpeggiate sessualmente mentre venivano perquisite dagli agenti di polizia.

“Quello che abbiamo visto in Grecia sono stati trattamenti che nessun essere umano merita”, ha detto la donna turca a Euronews. “Era contro i diritti umani. Siamo poveri che rischiano la morte”. Ha aggiunto che la Grecia, in quanto paese europeo, non avrebbe dovuto agire così barbaramente.

Dopo l’assalto, un veicolo della polizia ha portato gli aspiranti migranti al confine turco. Il marito della donna è stato arrestato alla stazione di polizia di Edirne İpsala, dove sarebbe rimasto con l’accusa di terrorismo. Sua moglie è stata rilasciata a condizione di controllo giudiziario.

Si dice che la polizia e le guardie di frontiera greche abbiano commesso una serie di violazioni dei diritti umani dall’inizio della crisi dei migranti, tra cui il respingimento e la sparatoria di imbarcazioni di rifugiati in mare; lasciare i profughi bloccati in mare; e torturare i migranti in siti neri segreti al confine prima di rimandarli indietro nudi.

A maggio, è stato rivelato che il respingimento e gli abusi della Grecia avevano ucciso oltre 2.000 rifugiati durante la pandemia di Covid-19.

LEGGI: ​​La Turchia dice che la Grecia spara proiettili veri al confine; La Grecia nega

Sorgente: Greek police sexually assault migrant women heading for Europe – Middle East Monitor

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •