I giorni dell’Autorità Palestinese sono contati? – Middle East monitor

I giorni dell’Autorità Palestinese sono contati? – Middle East monitor

6 Luglio 2021 0 Di marco zinno

Le affermazioni secondo cui i giorni dell’Autorità Palestinese sono contati sono ormai frequenti. Ciò è particolarmente vero dopo la tortura a morte il 24 giugno di un popolare attivista palestinese, Nizar Banat, 42 anni, per mano dei sicari della sicurezza dell’AP a Hebron (Al-Khalil).

L’uccisione di Banat – o “assassinio” come lo descrivono alcuni gruppi per i diritti dei palestinesi – tuttavia, non è stato niente di insolito. La tortura nelle carceri dell’AP è il modus operandi, attraverso il quale gli interrogatori palestinesi estorcono “confessioni”. I prigionieri politici palestinesi in custodia dell’Autorità Palestinese sono generalmente divisi in due gruppi principali: coloro che sono sospettati da Israele di essere coinvolti in attività di occupazione anti-israeliana; e altri che sono stati detenuti per aver espresso critiche alla corruzione dell’Autorità Palestinese o alla sottomissione a Israele.

Perché l'AP ha ucciso Nizar Banat?  - Cartoni animati [Sabaaneh/MiddleEastMonitor]

Perché l’AP ha ucciso Nizar Banat? – Cartone animato [Sabaaneh/MiddleEastMonitor]

In un rapporto del 2018 di Human Rights Watch, il gruppo parlava di “dozzine di arresti” effettuati dall’AP “per post critici sulle piattaforme dei social media”. Banat si è inserito perfettamente in questa categoria, poiché era uno dei critici più persistenti e schietti, i cui numerosi video e post sui social media hanno esposto e messo in imbarazzo la leadership dell’AP di Mahmoud Abbas e il suo partito Fatah al potere. A differenza di altri, Banat ha fatto nomi e ha chiesto misure severe contro coloro che sperperano fondi pubblici palestinesi e tradiscono le cause del popolo palestinese.

Banat era stato arrestato dalla polizia dell’AP diverse volte in passato. A maggio, uomini armati hanno attaccato la sua casa, usando proiettili veri, granate stordenti e gas lacrimogeni. Ha incolpato dell’attacco Fatah.

La sua ultima campagna sui social media ha riguardato lo scandalo delle dosi di vaccino contro il Covid-19 quasi scadute che l’AP ha ricevuto da Israele il 18 giugno. A causa della pressione pubblica di attivisti come Banat, l’Autorità Palestinese è stata costretta a restituire i vaccini israeliani che, prima di allora, erano stati propagandati come un gesto positivo dal nuovo Primo Ministro israeliano, l’estrema destra e ultranazionalista Naftali Bennett.

LEGGI: Abbas dell’AP licenzia un alto funzionario per aver criticato l’uccisione extragiudiziale di Banat

Quando gli uomini dell’AP sono scesi a casa di Banat il 24 giugno, la ferocia della loro violenza è stata senza precedenti. Suo cugino, Ammar, ha raccontato di come quasi 25 membri del personale di sicurezza dell’AP hanno fatto irruzione nella casa, gli hanno spruzzato dello spray al peperoncino mentre era ancora a letto e “hanno iniziato a picchiarlo con sbarre di ferro e bastoni di legno”. Dopo averlo spogliato nudo, lo hanno trascinato in un veicolo. Un’ora e mezza dopo, la famiglia ha appreso del suo destino attraverso un gruppo WhatsApp.

Nonostante le smentite iniziali, sotto la pressione di migliaia di manifestanti in tutta la West Bank, l’AP è stata costretta ad ammettere che la morte di Banat era “innaturale”. Il ministro della Giustizia, Mohammed Al-Shalaldeh, ha detto alla televisione locale che un primo referto medico indicava che Banat era stato oggetto di violenze fisiche.

Questa presunta rivelazione esplosiva aveva lo scopo di dimostrare che l’AP era disposta a esaminare e ad assumersi la responsabilità della sua azione. Tuttavia, questo è semplicemente falso. L’AP non si è mai presa la responsabilità della sua violenza, che è la pietra angolare della sua stessa esistenza. Gli arresti arbitrari, la tortura e la repressione delle proteste pacifiche sono sinonimi delle agenzie di sicurezza dell’Autorità Palestinese, come hanno indicato numerosi rapporti di gruppi per i diritti umani, palestinesi o internazionali.

Potrebbe essere, allora, che “i giorni dell’Autorità Palestinese sono contati”? Per considerare questa domanda, è importante esaminare la logica alla base della creazione dell’AP e confrontare tale scopo iniziale con ciò che è emerso negli anni successivi.

L’AP è stata fondata nel 1994 come autorità nazionale di transizione con l’obiettivo di guidare il popolo palestinese attraverso il processo, in definitiva, di liberazione nazionale, a seguito dei “negoziati sullo status finale”, che avrebbero dovuto concludersi entro la fine del 1999. Quasi tre sono trascorsi decenni senza un solo successo politico in nome dell’Autorità Palestinese. Ciò non significa che l’AP, dal punto di vista della sua leadership e di Israele, sia stata un totale fallimento perché ha continuato a svolgere il ruolo più importante che le è stato affidato: il coordinamento della sicurezzacon l’occupazione israeliana. In altre parole, proteggere i coloni ebrei illegali nella Cisgiordania occupata ea Gerusalemme, e fare il lavoro sporco di Israele nelle aree palestinesi autonome gestite dall’Autorità Palestinese. In cambio, l’Autorità Palestinese ha ricevuto miliardi di dollari dai “paesi donatori” guidati dagli USA e le tasse palestinesi raccolte per suo conto da Israele.

Quello stesso paradigma è ancora al lavoro, ma per quanto ancora? Dopo la rivolta palestinese di maggio, il popolo ha mostrato un’unità nazionale e una determinazione senza precedenti attraverso le fazioni, e ha audacemente chiesto la rimozione di Abbas dal potere. Hanno collegato, giustamente, l’occupazione israeliana con la corruzione dell’Autorità palestinese.

Dopo le proteste di massa di maggio, il discorso ufficiale dell’Autorità Palestinese è stato segnato da confusione, disperazione e panico. I leader dell’AP, incluso Abbas, hanno cercato di posizionarsi come leader rivoluzionari. Hanno parlato di “resistenza”, “martiri” e persino di “rivoluzione”, rinnovando contemporaneamente il loro impegno per il “processo di pace” e l’agenda americana in Palestina.

Mentre Washington riprendeva il suo sostegno finanziario all’autorità di Abbas dopo che era stata interrotta dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, l’AP sperava di tornare allo status quo di relativa stabilità, abbondanza finanziaria e rilevanza politica. Il popolo palestinese, tuttavia, sembra essere andato avanti, come dimostrato dalle proteste di massa, che sono sempre state accolte – in modo disgustoso e del tutto prevedibile – con la violenza dei funzionari della sicurezza dell’AP in tutta la Cisgiordania, inclusa Ramallah, la sede del potere dell’AP.

Anche gli slogan sono cambiati. Dopo l’omicidio di Banat, migliaia di manifestanti a Ramallah, che rappresentano tutti i settori della società palestinese, hanno invitato Abbas, 85 anni, a dimettersi. I canti si riferivano ai suoi scagnozzi della sicurezza come ” baltajieh” e ” shabeha” – “teppisti” – che sono termini presi in prestito dai manifestanti arabi durante i primi anni di varie rivolte mediorientali.

PARERE: Mentre i palestinesi chiedono risposte, all’AP non resta altro che la tirannia

Questo cambiamento nel discorso indica un cambiamento critico nel rapporto tra i comuni palestinesi – la gente incoraggiata e pronta a mettere in scena una rivolta di massa contro l’occupazione e il colonialismo israeliani – e la loro “leadership” collaborazionista, corrotta ed egoista. È importante notare che nessun aspetto di questa Autorità Palestinese gode di un briciolo di credenziali democratiche. Il 30 aprile, infatti, Abbas ha “ ritardato ” le elezioni generali che si sarebbero dovute tenere in Palestina a maggio. Le sue scuse erano fragili e “ritardato” era un eufemismo per “cancellato”. Il suo mandato personale di presidente è scaduto nel 2009.

Sorgente: The People v Mahmoud Abbas: i giorni dell’Autorità Palestinese sono contati? – Monitor Medio Oriente

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •