427 miliardi di evasione fiscale globale paralizzano il bene comune

427 miliardi di evasione fiscale globale paralizzano il bene comune

23 Novembre 2020 0 Di Luna Rossa

“Ora più che mai dobbiamo riprogrammare il nostro sistema fiscale globale per dare la priorità alla salute e ai mezzi di sussistenza delle persone rispetto ai desideri di coloro che sono intenzionati a non pagare le tasse”.

di Julia Conley – Common Dreams

Un rapporto internazionale unico nel suo genere pubblicato venerdì mostra come i paesi ricchi siano i principali motori della perdita di entrate fiscali ogni anno, contribuendo ogni anno a 427 miliardi di dollari di perdite ai finanziamenti pubblici e influenzando la capacità dei paesi di tutto il mondo, incluso le nazioni in via di sviluppo, di fornire servizi al pubblico.

Il rapporto sulla giustizia fiscale del Tax Justice Network è il primo studio che misura accuratamente la quantità di denaro che ogni paese perde ogni anno per gli abusi delle società e l’evasione fiscale  privata, utilizzando i dati che sono stati auto-riferiti dalle società alle autorità fiscali.

Il rapporto rileva che alla luce della pandemia globale di coronavirus, la perdita di entrate a causa dell’abuso e dell’evasione fiscale ha importanti implicazioni per gli sforzi di salute pubblica. Lo stipendio annuale di un’infermiera viene perso ogni secondo a causa dei paradisi fiscali, l’equivalente di 34 milioni di stipendi di infermiere ogni anno.

“Un sistema fiscale globale che perde oltre 427 miliardi di dollari all’anno non è un sistema guasto, è un sistema programmato per fallire”, ha affermato Alex Cobham, amministratore delegato del Alex Cobham,

“Sotto la pressione delle multinazionali e delle potenze dei paradisi fiscali come i Paesi Bassi e la rete del Regno Unito, i nostri governi hanno programmato il sistema fiscale globale per dare la priorità ai desideri delle società e degli individui più ricchi rispetto ai bisogni di tutti gli altri”, ha continuato. “La pandemia ha evidenziato il grave danno di aver trasformato la politica fiscale in uno strumento per indulgere verso chi abusa delle tasse invece che per proteggere il benessere delle persone”.

I paesi a basso reddito sono particolarmente colpiti dall’evasione fiscale durante le crisi di salute pubblica come l’attuale pandemia, con perdite equivalenti al 52% dei loro bilanci per la sanità pubblica. Mentre i paesi ricchi perdono centinaia di miliardi di dollari in più ogni anno a causa dell’evasione e degli abusi fiscali, le loro perdite rappresentano solo l’8% circa dei loro bilanci per la sanità pubblica.

Le perdite fiscali dell’America Latina e dell’Africa equivalgono rispettivamente a circa il 20,4% e il 52,5% dei loro bilanci per la sanità pubblica.

Contrariamente ai dati compilati nella “lista nera altamente politicizzata” dei paradisi fiscali dell’Unione europea, ha affermato il Tax Justice Network, i paesi ad alto reddito sono dietro la stragrande maggioranza degli abusi fiscali globali. Il territorio britannico delle Isole Cayman è responsabile per altri paesi che perdono $ 70 miliardi di finanziamenti pubblici ogni anno, mentre le leggi fiscali del Regno Unito portano via più di $ 42 miliardi. Gli Stati Uniti sono al quinto posto a livello mondiale, rubando ad altri paesi 23,6 miliardi di dollari ogni anno.

Mentre paesi come Palau e Trinidad e Tobago sono sulla lista nera dell’UE e non collaborano con le normative fiscali internazionali, ha riferito il Tax Justice Network, “non hanno creato perdite fiscali osservabili per altri paesi”.

Nel frattempo, i paesi ad alto reddito sono dietro il 98% delle perdite di finanziamenti pubblici in tutto il mondo, contribuendo a una perdita di $ 419 in entrate fiscali annuali.

L’abuso aziendale da parte delle multinazionali è direttamente responsabile della perdita di 245 miliardi di dollari ogni anno, con le aziende che trasferiscono 1,38 trilioni di dollari di profitti dai paesi in cui tali profitti sono stati guadagnati in paradisi fiscali, afferma il rapporto. Gli evasori fiscali privati ​​hanno anche immagazzinato un totale di $ 10 trilioni in conti offshore, portando a una perdita di $ 182 miliardi di finanziamenti pubblici.

Joe Boughner, direttore degli affari pubblici per il sindacato canadese ACFO-ACAF, ha twittato che le società che penalizzano i lavoratori per “aver paralizzato la nostra economia” dovrebbero concentrarsi molto di più sui 5,7 miliardi di dollari persi ogni anno a causa dell’evasione fiscale e degli abusi aziendali.

Rosa Pavanelli, segretaria generale del sindacato mondiale Public Services International, che ha preso parte al webinar di Tax Justice Network che ha lanciato il rapporto, ha sottolineato la necessità di “ricostruire meglio” dopo una crisi come la pandemia, proposito che è stato adottato dalle Nazioni Unite e dal presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden.

“Se davvero credi nel ricostruire meglio, allora paga le tasse!” Pavanelli ha twittato. “Se i governi non agiscono ora, le nostre democrazie sono davvero nei guai”.

Per garantire che i paesi di tutto il mondo non continuino a perdere centinaia di miliardi di dollari ogni anno che potrebbero andare a rafforzare la loro salute pubblica, infrastrutture e sistemi educativi, ha affermato il Tax Justice Network, i governi devono intraprendere prontamente tre azioni di vasta portata:

  • Introdurre un’imposta sugli utili in eccesso sulle società multinazionali che realizzano profitti in eccesso durante la pandemia, come le società digitali globali, al fine di ridurre gli abusi di spostamento degli utili.
  • Introdurre una tassa sul patrimonio per finanziare la risposta al Covid-19 e affrontare le disuguaglianze a lungo termine che la pandemia ha esacerbato, con azioni punitive per le attività offshore di proprietà opaca e un impegno tra i governi per eliminare questa opacità.
  • Stabilire una convenzione fiscale delle Nazioni Unite per garantire un forum globale e realmente rappresentativo e per stabilire standard multilaterali coerenti per la tassazione delle società, per la necessaria cooperazione fiscale tra i governi e per fornire trasparenza fiscale globale e multilaterale.

Il rapporto ha anche invitato i paesi membri del G20, che sono collettivamente responsabili del 26,7% delle perdite fiscali globali e costano agli altri paesi 114 miliardi di dollari ogni anno attraverso le loro leggi fiscali e le scappatoie per i ricchi, ad affrontare la questione al vertice di questo fine settimana e richiedere la pubblicazione della rendicontazione fiscale delle singole società multinazionali, “in modo che gli autori degli abusi fiscali delle società e le giurisdizioni che li facilitano possano essere identificati e tenuti in considerazione”.

“Ora più che mai dobbiamo riprogrammare il nostro sistema fiscale globale per dare la priorità alla salute e ai mezzi di sussistenza delle persone rispetto ai desideri di coloro che sono intenzionati a non pagare le tasse”, ha detto Cobham.

Sorgente: 427 miliardi di evasione fiscale globale paralizzano il bene comune

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •