Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

controinformazione.info | Il Venezuela ha continuato ad esportare petrolio in Cina nonostante le sanzioni USA

Il Venezuela ha adottato un sistema ingegnoso per nascondere le sue spedizioni di petrolio in Cina in modo da eludere le sanzioni statunitensi
L’anno scorso, la Cina ha sostituito gli Stati Uniti come il più grande importatore di petrolio del Venezuela, un altro elemento nella rivalità accesa tra Washington e Pechino.

Gli Stati Uniti avevano imposto sanzioni alla compagnia petrolifera statale venezuelana nell’ambito di una campagna per un cambio di pressioni per il cambio di regime nel paese rovesciando il governo del presidente Maduro.
Le raffinerie statunitensi hanno smesso di acquistare greggio venezuelano e non consegnano più benzina raffinata.

L’alleato di Caracas, la Cina, che è da tempo un cliente importante , nella fase delle sanzioni, si è improvvisamente rivelato come il principale acquirente del greggio venezuelano .
Durante i primi sei mesi del 2019, la Cina ha importato una media di 350.000 barili al giorno (bpd) di greggio dal Venezuela.
Ma ad agosto Washington ha inasprito le sanzioni contro il Venezuela, avvertendo che qualsiasi entità straniera che ha continui a fare affari con il regime sudamericano potrebbe essere soggetta alle misure restrittive .
La China National Petroleum Corp, di proprietà statale, nota come CNPC, ha smesso di caricare petrolio nei porti del Venezuela quello stesso mese .
I dati sulle importazioni cinesi hanno mostrato che gli acquisti hanno iniziato a diminuire e, alla fine del 2019, si sono interrotti bruscamente .

La più grande compagnia petrolifera cinese, come i clienti di altre parti del mondo, sembrava essersi arresa alle minacce del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, nonostante il sostegno dichiarato del presidente cinese Xi Jinping a Maduro.
Tuttavia si è visto che la Cina non ha mai smesso di importare . Il petrolio greggio di Petróleos de Venezuela SA, o la PDVSA, ha continuato ad arrivare nei porti cinesi, con l’aiuto di una filiale svizzera di Rosneft, la compagnia petrolifera statale russa, e con un metodo di consegna indiretta che ha fatto sembrare che l’origine del petrolio provenisse dalla Malesia , secondo la Reuters .
Tra il 1 ° luglio e il 31 dicembre, le petroliere hanno consegnato almeno 18 spedizioni per un totale di 19,7 milioni di barili di greggio venezuelano, ma con nomi cambiati nei porti cinesi , ha stabilito la Reuters .
Tale constatazione si basa su una revisione dei dati di localizzazione delle navi, dei documenti PDVSA interni e delle interviste con quattro analisti petroliferi che hanno monitorato i flussi di petrolio venezuelani in tutto il mondo.
Un’unità della CNPC ha noleggiato almeno una di quelle petroliere, il che significa che era responsabile del petrolio a bordo, secondo i dati di Refinitiv. Quella petroliera, chiamata Avventura, aveva caricato il greggio venezuelano il 18 luglio e lo ha scaricato in Cina il 4 settembre, mostrando i dati di monitoraggio . Non erano disponibili informazioni sulle tariffe di trasporto delle altre navi che scaricavano greggio in Cina.
CNPC non ha risposto alle richieste di commento.
Queste 18 spedizioni rappresentavano oltre il 5% delle esportazioni totali del Venezuela nel 2019, con un valore di circa $ 1 miliardo a prezzi di mercato per il greggio di punta del paese, noto come “Merey”, basato sui valori del OPEC.

Il presidente Maduro con ambasciatore cinese

Le vendite hanno fornito il necessario supporto per il governo di Caracas, sebbene Reuters non fosse in grado di determinare quanto andasse nelle casse statali. PDVSA spesso vende il suo petrolio greggio con uno sconto e molte delle sue transazioni vanno verso pagamenti di debito, piuttosto che in contanti .
Le spedizioni mascherate sono continuate quest’anno , ha stabilito la Reuters .
Il metodo di spedizione, che prevede il trasferimento di petrolio tra navi in ​​mare, è stato esaminato per mesi dall’amministrazione Trump .

A febbraio, Washington aveva imposto sanzioni a Rosneft Trading SA, che è la consociata di Ginevra di Rosneft, per aver aiutato il Venezuela a esportare il suo petrolio attraverso i cosiddetti trasferimenti “nave-nave” (STS). Inglese) per mascherare la vera origine del petrolio greggio . Rosneft ha negato qualsiasi negligenza.

“La società ha sempre condotto e conduce le proprie attività nel pieno rispetto del diritto internazionale applicabile”, ha affermato Rosneft in una dichiarazione del 5 giugno in risposta alle domande per questo articolo.
Il ministero dell’energia russo non ha risposto a una richiesta di commento.
Le importazioni indirette di greggio venezuelano dalla Cina cadono in una sorta di zona grigia, secondo Peter Harrell, un esperto di sanzioni presso il Center for New American Security (CNAS), un istituto di ricerca a Washington.
Harrell ritiene che le sanzioni statunitensi autorizzino Washington a punire le società che acquistano petrolio dalla PDVSA attraverso un intermediario, in particolare se la società “sa o avrebbe dovuto sapere che si trattava di greggio venezuelano “. Ma ciò non obbliga il governo degli Stati Uniti ad agire.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, che applica sanzioni commerciali, ha rifiutato di commentare.

Alla domanda sui risultati di questo rapporto della Reuters , Elliot Abrams, rappresentante speciale del Dipartimento di Stato americano in Venezuela, ha dichiarato in un’intervista che erano “sul tavolo” possibili sanzioni contro le società cinesi che acquistavano petrolio trasbordato .
“Intraprenderemo azioni individuali per quanto riguarda i trasferimenti STS”, ha affermato Abrams.

Il ministero degli Esteri cinese ha detto a Reuters che non vi era nulla di inappropriato nelle relazioni di quel paese con il Venezuela. Il ministero ha affermato che le sanzioni statunitensi hanno “gravemente compromesso” le relazioni tra il Venezuela e il resto del mondo, ma che Pechino intende continuare a commerciare con il paese .
Né PDVSA, né il Ministero del petrolio venezuelano, né il Ministero dell’Informazione, che gestisce le domande dei media per conto del regime, hanno risposto alle richieste di commento. I funzionari venezuelani hanno ripetutamente descritto le sanzioni statunitensi sul paese come illegali e unilaterali.

Dallo scorso anno, gli analisti del petrolio hanno affermato che il petrolio venezuelano sarebbe andato in Cina attraverso trasferimenti STS. Questo rapporto è il primo a rivelare l’ambito di tali spedizioni e dimostrare quanto sistematica sia stata la pratica . Reuters ha anche esaminato i documenti PDVSA interni che rivelavano che l’unità Rosneft era coinvolta nei movimenti petroliferi.

Tanto greggio PDVSA è stato spedito in Cina in modo tale che le importazioni totali di petrolio venezuelano dal gigante asiatico hanno raggiunto una media di 283.000 barili al giorno (bdp) nel 2019 . Tale cifra è del 24% in più rispetto ai 228.700 bpd riportati dalle dogane cinesi, secondo i calcoli di Reuters basati sui confronti tra i dati di Refinitiv Eikon e le statistiche doganali cinesi ufficiali.

Ciò non è bastato a compensare completamente l’impatto che le sanzioni statunitensi hanno avuto sul PDVSA. Le raffinerie negli Stati Uniti stavano importando una media di 500.000 bpd quando le misure furono imposte nel gennaio 2019.

Ma gli acquisti cinesi hanno aiutato il Venezuela a mantenere viva la sua industria energetica in un momento in cui la caduta della domanda da parte di altri acquirenti stranieri ha creato un eccesso di petrolio sul mercato, costringendo quasi PDVSA a fermare la produzione nei campi essenziali .

Le mosse STS sono un’immagine speculare delle tattiche che l’Iran, la cui industria petrolifera è anche sanzionata dagli Stati Uniti, ha usato per anni per inviare il suo greggio in Cina .
Come documentato da Reuters nel 2019 e 2015, il greggio iraniano è spesso etichettato come proveniente dal vicino Iraq .

Alireza Miryousefi, portavoce della missione dell’Iran presso le Nazioni Unite a New York, ha dichiarato in una dichiarazione che “il modo in cui vendiamo o esportiamo il nostro petrolio non è affare di nessuno”. Ha aggiunto che le sanzioni statunitensi sulle esportazioni di petrolio dell’Iran sono “illegali”.
L’uso di questa tecnica per trasportare petrolio dal Venezuela alla Cina non è stato visto fino alla metà dello scorso anno, affermano gli analisti.
Le petroliere che lasciavano il Venezuela trasportando greggio PDVSA non viaggiavano direttamente in Cina, come in passato.

Invece, 15 navi le cui rotte furono riviste da Reuters lasciarono il Venezuela e si diressero prima verso la costa malese, secondo i dati di monitoraggio. A pochi chilometri dalla costa, nello stretto di Malacca, ognuno trovò una seconda petroliera vuota che si era avvicinata .

La nave piena trasferì quindi il suo carico a quello che stava aspettando e, in alcuni casi, a diverse navi più piccole. Diciotto delle navi riceventi si diressero verso la Cina, dove il greggio venezuelano veniva scaricato e registrato come prodotto della Malesia, secondo i registri doganali cinesi.
Reuters non è stato in grado di determinare chi ha modificato l’etichettatura originale del greggio prima che raggiungesse la dogana cinese o se ciò violasse espressamente le normative locali o marittime di una giurisdizione applicabile.

Il commercio triangolare di petrolio del Venezuela è ora sotto gli occhi dell’amministrazione Trump.

La compagnia che portò il petrolio venezuelano per le spedizioni in Cina identificato da Reuters era la Rosneft Trading, secondo i documenti PDVSA interni esaminati da Reuters . Fino alla fine di marzo, Rosneft Trading era uno dei principali attori dell’industria petrolifera venezuelana.

Il Ministero del Tesoro degli Stati Uniti ha colpito Rosneft Trading il 18 febbraio con sanzioni per aver presumibilmente aiutato il Venezuela a schivare la campagna di pressione di Washington e vendere il suo petrolio all’estero .

Tra le tattiche impiegate dal Rosneft Trading c’erano i trasferimenti STS, sostengono i funzionari statunitensi.
Il ministero degli Esteri cinese ha dichiarato in una nota di non essere a conoscenza di tali trasferimenti STS.
La cooperazione tra Cina e Venezuela sarà condotta normalmente indipendentemente da come cambia la situazione”, afferma la nota. ” È legittimo e avvantaggia la popolazione di entrambi i paesi e non sarà interessato da alcuna misura sanzionatoria unilaterale “.

Usando una nave per trasportare il greggio dal Venezuela e poi un secondo per consegnarlo in Cina, Rosneft Trading ha tentato di oscurare la catena di proprietà e mascherare la provenienza del petrolio , ha detto alla Reuters Abrams , rappresentante speciale del Dipartimento di Stato per il Venezuela, senza fornire ulteriore prova delle intenzioni di Rosneft.
Alla domanda se le società cinesi fossero coinvolte nel nascondere l’origine del greggio venezuelano, Elliott Abrams, incaricato di Washington per il Venezuela, ha detto che ai clienti asiatici spesso non importava “come si arriva a loro, quale etichetta hanno, purché ottengano ciò che hanno comprato” .
“Lo scopo è quello di sfuggire alle sanzioni, lo scopo è imbrogliare ” , ha detto Abrams.
La risposta del Venezuela è stata altrettanto sarcastica: “Il vostro scopo invece è quello di esportare la democrazia o strangolare un paese sovrano”? Ha commentato Manule Gutierres, funzionario della Cancelleria Venezolana. “Quello che state facendo è del tutto illegale; voi non siete il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, voi siete una nazione che vuole imporre a tutti il suo dominio. Noi siamo il Venezuela, la Patria di Simon Bolivar e non ci piegheremo mai alle vostre pretese di dominio”, ha proseguito Gutierres in risposta ad Abrams.

Fonti: Hispan – Tv Telesur

Traduzione: Luciano Lago

Sorgente: controinformazione.info | Il Venezuela ha continuato ad esportare petrolio in Cina nonostante le sanzioni USA

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.