Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Siria. Nuovi documenti di WikiLeaks rivelano come l’OPCW ha soppresso e modificato le indagini sull’attacco chimico a Douma

WikiLeaks ha pubblicato nuovi documenti secondo i quali, tra l’altro, gli autori del rapporto dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) sul presunto attacco chimico nella città siriana di Duma non erano in realtà in Siria

In un memoriale indirizzato al direttore generale dell’OPCW Fernando Arias, uno scienziato che ha partecipato alla missione di accertamento dei fatti dell’OPCW (FFM) ha scritto che ci sono “circa 20 ispettori che hanno espresso preoccupazione” su come l’OPCW ha presentato i suoi risultati sul presunto attacco chimico siriano. Secondo il memorandum, il rapporto finale dell’organizzazione non riflette i risultati dell’FFM, presentati nel loro rapporto intermedio, che fa anche parte del nuovo dump del documento.

I nuovi documenti, pubblicati da WikiLeaks, sono le ultime prove che minano il rapporto finale dell’OPCW sull’attacco attribbuito al governo siriano.

WikiLeaks✔@wikileaks

RELEASE: Third batch of documents showing doctoring of facts in released version of OPCW chemical weapons report on Syria. Including a memo stating 20 inspectors feel released version “did not reflect the views of the team members that deployed to [Syria]”https://wikileaks.org/opcw-douma/ 4.09901:10 – 15 dic 2019

Secondo quanto riferito nell’aprile del 2018 un attacco provocò la morte di decine di civili siriani ed fu usato dagli Stati Uniti e da diversi alleati della NATO per giustificare attacchi aerei contro obiettivi militari siriani. L’OPCW è stata successivamente inviata sul sito per indagare e il rapporto finale dell’organizzazione ha dato credibilità all’accusa che Damasco avesse usato armi chimiche.

Il memorandum prosegue affermando che il rapporto finale “non riflette le opinioni di tutti i membri del team schierati a Douma”. In effetti, il team sul campo di Douma apparentemente è stato escluso dalla stesura del rapporto finale – solo un membro di la missione di accertamento dei fatti, un paramedico, ha contribuito direttamente. Il documento finale è stato invece scritto da un gruppo separato che aveva operato da un  “Paese X”, che si ritiene fosse la Turchia.

“Il consenso all’interno del team FFM era del parere che c’erano indicazioni di gravi incoerenze nei risultati … le conclusioni sembrano essere state dirette completamente nella direzione opposta”

I risultati del team, delineati nella relazione preliminare, illustrano alcune di queste incongruenze. Ad esempio, il team ha espresso incertezza sull’origine dei cilindri che sarebbero stati utilizzati per rilasciare cloro. Washington e i suoi alleati affermano che i cilindri furono fatti cadere dal cielo, indicando Damasco come colpevole.

Tuttavia, il rapporto intermedio originale affermava che non c’erano prove concrete a sostegno di questa teoria. In effetti, un’indagine di follow-up sulla questione ha concluso che era più probabile che i cilindri “fossero posizionati manualmente … anziché essere lanciati dagli aerei”.

Dopo che le conclusioni non sono state inserite nel rapporto finale, un membro del team FFM ha tentato di archiviare l’analisi dei cilindri in un registro sicuro, noto come Documents Registry Archive (DRA). Secondo il giornalista Peter Hitchens, un alto funzionario dell’OPCW ha ordinato ai suoi subordinati di “rimuovere tutte le tracce” dei risultati dall’archivio.

I documenti supportano le accuse fatte dagli informatori – e confermate da precedenti rivelazioni – che l’OPCW ha escluso e manipolato i risultati chiave nel suo rapporto finale sull’attacco.

Sorgente: Siria. Nuovi documenti di WikiLeaks rivelano come l’OPCW ha soppresso e modificato le indagini sull’attacco chimico a Douma | Ancora Fischia il Vento

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing