Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

La svolta di Corbyn: nuovo referendum su Brexit e appoggio al Remain | Ancora Fischia il Vento

Jeremy Corbyn ha cercato di tracciare una linea riguardo al travaglio della Brexit, annunciando che il Labour assumerà una politica di sostegno al “Remain” in caso di un nuovo referendum chiamato a pronunciarsi su un accordo conservatore. Il leader laburista è stato sottoposto a forti pressioni per passare a una posizione apertamente anti-Brexit, ma ha insistito nel consultare le parti interessate del partito nelle ultime settimane, compresi i sindacati. In una dichiarazione inviata per e-mail ai membri del partito martedì non ha fatto alcun riferimento a quale posizione prenderà il Labour in caso di elezioni generali nel prossimo futuro, ma ha chiarito che se verrà indetto un referendum sull’accordo sulla Brexit negoziato dal primo ministro Tory – o sull’opportunità di portare avanti una Brexit senza accordo – il Labour sosterrà il Remain. Corbyn ha scritto: “Chiunque diventi il ​​nuovo primo ministro dovrebbe avere il coraggio di porre il proprio accordo, o l’ipotesi di nessun accordo, al vaglio della volontà popolare con un nuovo voto pubblico. “In tali circostanze, voglio chiarire che Labour farebbe una campagna per il Remain, in contrasto con l’ipotesi di “nessun accordo” o di un accordo Tory che non protegga l’economia e l’occupazione”. I sindacati hanno pubblicato una dichiarazione lunedì che ha suggerito che i laburisti dovrebbero cercare di negoziare il proprio piano per un migliore accordo sulla Brexit e poi sottoporlo al popolo, ma hanno rifiutato di specificare in che modo il partito farebbe una campagna in caso di tale accadimento. Corbyn ha riconosciuto che la questione della Brexit “ha prodotto delle divisioni nelle nostre comunità e talvolta anche nel nostro partito”. Ha difeso la posizione del Labour negli ultimi tre anni, affermando che era stato giusto rispettare il risultato del referendum del 2016. “Il Labour ha definito un piano di compromesso per cercare di riunire il paese attorno a un’unione doganale, una forte relazione sul mercato unico e la protezione delle normative e dei diritti ambientali sul lavoro. Continuiamo a credere che questa sia un’alternativa ragionevole che potrebbe portare il paese a riunirsi”, ha detto Corbyn. Con i laburisti sottoposti a forti pressioni da parte di partiti più apertamente pro-remain, tra cui i liberaldemocratici, il partito si era già mosso subito dopo le elezioni europee per convincere i conservatori a sottoporre il loro accordo al voto pubblico. Ma Corbyn in precedenza aveva evitato di dire che il Labour avrebbe fatto campagna per il Remain nel caso in cui un referendum venisse indetto. Le divergenze nel governo ombra laburista sulla politica della Brexit hanno avuto ripetutamente forte rilievo pubblico negli ultimi mesi, con il cancelliere ombra John McDonnell, che ha aderito alle richieste per il suo partito di adottare una posizione per la permanenza nell’UE . La Ministra degli Esteri ombra, Emily Thornberry, è stata fatta dimettere dal ruolo di sostituto di Corbyn per i question time al primo ministro dopo aver criticato la posizione del partito durante la copertura televisiva dei risultati elettorali europei. “Non eravamo chiari sull’unica cosa che la gente voleva sentire”, ha detto. Il vice di Corbyn, Tom Watson, ha esortato pubblicamente tutti membri del partito alla posizione del Labour firmando una “dichiarazione” permanente. Ma i loro colleghi membri del gabinetto ombra Jon Trickett e Ian Lavery hanno più volte espresso preoccupazione per l’idea di sostenere il Remain di un referendum, temendo che minerebbe il consenso al Labour nei loro collegi elettorali alle prossime elezioni generali.

Jeremy Corbyn ha cercato di tracciare una linea riguardo al travaglio della Brexit, annunciando che il Labour assumerà una politica di sostegno al “Remain” in caso di un nuovo referendum chiamato a pronunciarsi su un accordo conservatore. Il leader laburista è stato sottoposto a forti pressioni per passare a una posizione apertamente anti-Brexit, ma ha insistito nel consultare le parti interessate del partito nelle ultime settimane, compresi i sindacati. In una dichiarazione inviata per e-mail ai membri del partito martedì non ha fatto alcun riferimento a quale posizione prenderà il Labour in caso di elezioni generali nel prossimo futuro, ma ha chiarito che se verrà indetto un referendum sull’accordo sulla Brexit negoziato dal primo ministro Tory – o sull’opportunità di portare avanti una Brexit senza accordo – il Labour sosterrà il Remain. Corbyn ha scritto: “Chiunque diventi il ​​nuovo primo ministro dovrebbe avere il coraggio di porre il proprio accordo, o l’ipotesi di nessun accordo, al vaglio della volontà popolare con un nuovo voto pubblico. “In tali circostanze, voglio chiarire che Labour farebbe una campagna per il Remain, in contrasto con l’ipotesi di “nessun accordo” o di un accordo Tory che non protegga l’economia e l’occupazione”. I sindacati hanno pubblicato una dichiarazione lunedì che ha suggerito che i laburisti dovrebbero cercare di negoziare il proprio piano per un migliore accordo sulla Brexit e poi sottoporlo al popolo, ma hanno rifiutato di specificare in che modo il partito farebbe una campagna in caso di tale accadimento. Corbyn ha riconosciuto che la questione della Brexit “ha prodotto delle divisioni nelle nostre comunità e talvolta anche nel nostro partito”. Ha difeso la posizione del Labour negli ultimi tre anni, affermando che era stato giusto rispettare il risultato del referendum del 2016. “Il Labour ha definito un piano di compromesso per cercare di riunire il paese attorno a un’unione doganale, una forte relazione sul mercato unico e la protezione delle normative e dei diritti ambientali sul lavoro. Continuiamo a credere che questa sia un’alternativa ragionevole che potrebbe portare il paese a riunirsi”, ha detto Corbyn. Con i laburisti sottoposti a forti pressioni da parte di partiti più apertamente pro-remain, tra cui i liberaldemocratici, il partito si era già mosso subito dopo le elezioni europee per convincere i conservatori a sottoporre il loro accordo al voto pubblico. Ma Corbyn in precedenza aveva evitato di dire che il Labour avrebbe fatto campagna per il Remain nel caso in cui un referendum venisse indetto. Le divergenze nel governo ombra laburista sulla politica della Brexit hanno avuto ripetutamente forte rilievo pubblico negli ultimi mesi, con il cancelliere ombra John McDonnell, che ha aderito alle richieste per il suo partito di adottare una posizione per la permanenza nell’UE . La Ministra degli Esteri ombra, Emily Thornberry, è stata fatta dimettere dal ruolo di sostituto di Corbyn per i question time al primo ministro dopo aver criticato la posizione del partito durante la copertura televisiva dei risultati elettorali europei. “Non eravamo chiari sull’unica cosa che la gente voleva sentire”, ha detto. Il vice di Corbyn, Tom Watson, ha esortato pubblicamente tutti membri del partito alla posizione del Labour firmando una “dichiarazione” permanente. Ma i loro colleghi membri del gabinetto ombra Jon Trickett e Ian Lavery hanno più volte espresso preoccupazione per l’idea di sostenere il Remain di un referendum, temendo che minerebbe il consenso al Labour nei loro collegi elettorali alle prossime elezioni generali.

Sorgente: La svolta di Corbyn: nuovo referendum su Brexit e appoggio al Remain | Ancora Fischia il Vento

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing