Punire l’Italia per educare la Ue: è iniziato l’assedio a Bruxelles

9 Giugno 2019 0 Di ken sharo

A Berlino non sono pochi quelli che fanno il tifo perché la Commissione europea apra la procedura di infrazione contro l’Italia. Dalla politica alla finanza sta, infatti, montando la richiesta di una prova di forza contro Roma per lanciare un messaggio netto a tutti quei Paesi non allineati che non intendono seguire le regole imposte dall’Unione. Così, mentre a Strasburgo si sta formando il blocco anti sovranisti per impedirgli di toccar palla nelle commissioni, a Bruxelles sta montando il pressing per bloccare i provvedimenti promessi da Lega e Cinque Stelle in campagna elettorale.

Per il Fondo monetario internazionale, “la politica di spesa pubblica espansiva dell’Italia potrebbe costituire una grave violazione delle regole di bilancio” dell’Unione europea. Il senso degli allarmi che riecheggiano negli ambienti che contano è sempre lo stesso: qualora dovesse andare avanti su questa linea, il governo Conte porterebbe automaticamente l’Italia fuori dall’Eurozona. A preoccupare non è solo la sfida lanciata da Matteo Salvini alle regole comunitarie ma anche l’idea di iniziare a emettere mini buoni del Tesoro. “In Europa ci sono regole comuni che tutti i Paesi devono rispettare”, tuona la leader dei Verdi tedeschi, Annalena Baerbock, in una intervista al Corriere della Sera anticipando così quella che sarà la crociata dei tedeschi contro l’Italia in Europa. “I governi nazionali devono presentare piani nei quali spiegano in che modo attraverso un’equa politica fiscale e finanziaria intendono ridurre il deficit e riportare sotto controllo il debito per evitare una procedura d’infrazione – continua – quando non accade, la Commissione in quanto guardiana dei Trattati, deve avviare la procedura di infrazione”.

Già nei giorni scorsi l’Istituto per la ricerca economica tedesco (Ifo) aveva appoggiato la richiesta della Commissione europea di avviare una procedura di infrazione per disavanzo eccessivo nei confronti dell’Italia. Secondo il presidente Klemens Fuest, la misura andava adottata già “mesi fa” quando Bruxelles aveva aveva dato l’ultimatum all’esecutivo italiano invitandolo a modificare “la propria politica di bilancio”. “Il governo Conte – ha spiegato l’economista all’emittente radiofonica tedesca Deutschlandfunk – ha detto che cambierà politica fiscale, ma nella direzione sbagliata, con massicci tagli delle tasse e aumento della spesa”. Questo, a detta del numero uno dell’Ifo, porterebbe automaticamente l’Italia fuori dai parametri imposti da Bruxelles obbligando, dunque, la Commissione europea a usare il pugno duro per far cambiare i piani ai gialloverdi. “Altrimenti – è il suo avvertimento – si possono abolire le regole di bilancio dell’Ue in questo stesso momento”.

Secondo l’agenzia di rating Moody’s, però, a convincere l’esecutivo italiano a cambiare atteggiamento non sarà Bruxelles che fa la voce grossa con la procedura d’infrazione, ma piuttosto “il deterioramento del sentiment di mercato” che metterà “pressione sul governo affinché aggiusti il tiro della politica” di bilancio. L’arma sul tavolo della finanza è ovviamente lo spread tra i nostri Btp decennali e i Bund tedeschi. Le incursioni si sono già fatte sentire nei giorni scorsi mentre la Lega metteva sul tavolo del ministro dell’Economia Giovanni Tria l’idea dei minibot. Una proposta che ha subito trovato il muro della Bce e della stessa Unione europea. “Se consideriamo l’emissione di tali titoli molto improbabile, il fatto che la proposta sia riemersa è negativo sul credito”, fanno sapere gli analisti di Moody’s che sono pronti a considerare l’emissione dei minibot come “primo passo verso lo stabilire una moneta parallela e una mossa preparatoria affinché l’Italia esca dall’area dell’euro”.

Sorgente: Punire l’Italia per educare la Ue: è iniziato l’assedio a Bruxelles

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •