Raggi da famiglia rom a Casal Bruciato, insultata: ‘Hanno diritto alla casa, è la legge’ – Cronaca – ANSA

Raggi da famiglia rom a Casal Bruciato, insultata: ‘Hanno diritto alla casa, è la legge’ – Cronaca – ANSA

8 Maggio 2019 0 Di ken sharo

“Buffona”, “non sei la nostra sindaca” e “vergognati”. Con queste urla e insulti la sindaca di Roma, arrivata a Casal Bruciato per visitare la famiglia di nomadi assegnataria di un appartamento popolare, è stata contestata da un gruppo di persone presenti sotto la casa popolare che ha suscitato la nuova protesta anti-nomadi. “Schifosa”, ha urlato una donna all’indirizzo della prima cittadina.

irritazione Di Maio per iniziativa Raggi – E’ stata accolta con una certa irritazione dal vicepremier Luigi Di Maio, a quanto apprende l’ANSA, l’iniziativa della sindaca di Roma Virginia Raggi di recarsi a Casal Bruciato per visitare la famiglia di nomadi assegnataria di un appartamento popolare. Prima si aiutano i romani, gli italiani, poi tutti gli altri, è il senso del ragionamento del leader M5S irritato – si apprende ancora – anche per la tempistica con cui la sindaca, in un giorno particolarmente importante per il M5S al governo, ha scelto di mettere in campo la sua iniziativa.

Insulti sessisti a Raggi a Casal Bruciato

Anche in mattinata sotto allo stabile alcuni abitanti che hanno contestato la decisione del comune. Ieri le proteste hanno avuto una deriva razzista con frasi agghiaccianti, insulti e minacce rivolte ad una nomade e a sua figlia piccola che stavano rientrando a casa scortate dalla polizia.

“Rimaniamo qui, è casa nostra”: così il capofamiglia del nucleo di nomadi a cui è stata assegnata la casa popolare. “Stiamo dentro casa con mia moglie e mia figlia, ora valutiamo cosa fare. Oggi i bimbi non sono andati a scuola perché hanno paura di uscire. Alcuni di loro li abbiamo portati da una mia cugina perché avevano paura”, racconta.

La sindaca Virginia Raggi è poi uscita scortata dalla abitazione della famiglia nomade di Casal Bruciato bersagliata dalle proteste dei manifestanti.

“Vergogna”, “lercia” e altri pesanti insulti sessisti sono stati rivolti alla prima cittadina che a fatica ha raggiunto l’auto per andare via protetta dalle forze dell’ordine.

“Questa famiglia – ha detto la sindaca – risulta legittima assegnataria di un alloggio. Ha diritto di entrare e la legge si rispetta. Siamo andati a conoscerli e sono terrorizzati. Abbiamo avuto modo di far conoscere questa famiglia ad alcuni condomini. Chi insulta i bambini e minaccia di stuprare le donne forse dovrebbe farsi un esame di coscienza. Non è questa una società in cui si può continuare a vivere”.

Siamo spaventati, speriamo di resistere“, ha detto al direttore della Caritas di Roma don Ambarus che li ha incontrati assieme alla sindaca. “Ci hanno detto che speravano iniziasse finalmente una nuova vita per loro dopo 20 anni nei campi. Stanno cercando di capire cosa succederà. Sperano di poter resistere“, ha detto Don Ambarus.

“Domani il Papa incontrerà il mondo dei rom, noi li abbiamo invitati la sera quando la chiesa di Roma incontrerà il Papa a San Giovanni. Non sappiamo se verranno ma sono stati molto onorati dell’invito. Ora sono molto spaventati“, ha detto uscendo dalla casa il vescovo ausiliare di Roma mons. Giampiero Palmieri.

DUE MANIFESTAZIONI A CASAL BRUCIATO – Esponendo uno striscione con il tricolore con su scritta la frase “Alcuni italiani non si arrendono” e’ iniziata la manifestazione di Casapound a Casal Bruciato. I manifestanti intonano cori come “il quartiere non vi vuole” e “basta casa ai rom”. Si trovano su un lato di piazza Balsamo Crivelli ‘chiusi’ tra sei blindati della polizia. A pochi metri di distanza si sta svolgendo la manifestazione antifascista. “Con oggi non finisce la nostra battaglia qui a Casal Bruciato – ha detto Mauro Antonini, responsabile di Casapound del Lazio – continua il nostro presidio per liberare l’appartamento e darlo a chi ne ha veramente diritto”.

Sorgente: Raggi da famiglia rom a Casal Bruciato, insultata: ‘Hanno diritto alla casa, è la legge’ – Cronaca – ANSA

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •