Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Pagamenti elettronici, tra obbligo del Pos ma senza sanzioni e giravolte sul tetto al contante l’Italia resta fanalino di coda – Il Fatto Quotidiano

Dal 2014 i commercianti sono tenuti ad accettare bancomat e carte, ma il decreto che fissava multe per chi trasgredisce è arrivato solo quattro anni dopo e il Consiglio di Stato l’ha bocciato. Il governo Conte aveva detto di voler intervenire: nulla di fatto. Nel 2016, poi, Renzi ha triplicato la soglia massima sotto la quale si può pagare cash. Così le banconote in circolazione lo scorso anno sono salite a quote 208 miliardi e l’85,9% di tutte le spese avviene ancora in contante

Le leggi per obbligare i commercianti ad accettare il bancomatanche per cappuccino e brioche, il pasticcio sulle sanzioni da comminare a chi si rifiuta (bocciate dal Consiglio di Stato), il saliscendi del tetto al contante cambiato sei volte nell’ultimo decennio. Sono tanti i paradossi della battaglia tra banconote e carte di credito: da un lato c’è l’obiettivo dichiarato combattere l’evasione fiscale e l’economia sommersa, dall’altro la tentazione di strizzare l’occhio a chi non ne vuol sapere di rendere tracciabile ogni transazione in entrata e in uscita. Così la politica si è divisa per anni, tra promesse mancate, tentativi di adeguarsi agli standard europei e veri e propri pasticci legislativi. E i contanti sono rimasti la forma di pagamento più utilizzata dagli italiani. Lo confermano i dati di Bankitalia (basati su un’indagine della Bcecondotta nel 2016): l’85,9 per cento di tutte le spese avviene con denaro cartaceo, nel 12,9 per cento dei casi si ricorre alle carte di credito o al bancomat (soprattutto per transazioni superiori a 100 euro), mentre il restante 1,2 per cento degli acquisti viene effettuato con altri strumenti, come app mobile, internet bankinge assegni. Usiamo i contanti per pagare la spesa al supermercato, per saldare il conto al ristorante, a volte persino per versare l’affitto di casa. Numeri che vedono l’Italia tra i fanalini di coda in Europa.

Sorgente: Pagamenti elettronici, tra obbligo del Pos ma senza sanzioni e giravolte sul tetto al contante l’Italia resta fanalino di coda – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing