Elezioni regionali in Sardegna, urne aperte dalle 6 e 30 fino alle 22

24 Febbraio 2019 0 By luna_rossa

Elezioni regionali in Sardegna, urne aperte dalle 6 e 30 fino alle 22

Turno unico, senza ballottaggio. Scrutinio lunedì. Sul voto pesa l’incognita della rabbia dei pastori che protestano per il prezzo del latte

di Virginia Piccolillo

Voto ad alta tensione oggi in Sardegna. Sull’elezione regionale pesa l’incognita della rabbia dei pastori, strangolati dal prezzo troppo basso del latte. E si paventa un effetto diretto sul voto, dall’astensione alla protesta in chiave indipendentista. Mentre ci si prepara a fronteggiare nuove proteste, dopo che ieri oltre dieci pastori sono stati indagati dalla Procura di Nuoro per i blocchi stradali.

Ci sarà un solo giorno per votare: dalle 6.30 alle 22. Turno unico, senza ballottaggio, ma con premio di maggioranza e con la possibilità di voto disgiunto. Verranno eletti, in totale, 60 consiglieri. La soglia di sbarramento è al 10% per le coalizioni e al 5% per le liste. Sette i candidati, tutti uomini. Nessuno del Pd. Il centrosinistra, che poteva contare sul governatore uscente, Francesco Pigliaru, sostiene Massimo Zedda, 43 anni, sindaco di Cagliari, prima esponente di Sel, poi nel Campo progressista di Pisapia. Con lui Dem, Liberi e uguali, +Europa e molte liste civiche.

Sulle ali della vittoria in Abruzzo, la coalizione di centrodestra punta su Christian Solinas, 42 anni, segretario del Partito sardo d’azione. Espressione del patto stilato dalla Lega con la formazione identitaria dell’isola, già dalle politiche (che gli è valso il posto in Senato con il Carroccio), Solinas ha il sostegno di Fratelli d’Italia e di Forza Italia. Con lui Matteo Salvini tenta di vincere la doppia sfida: rafforzare la leadership nel centrodestra, risalendo la popolarità di Silvio Berlusconi e il bis della vittoria sui 5 Stelle, dopo l’Abruzzo. A Francesco Desogus (M5S), 58 anni, dipendente pubblico, 450 preferenze nelle «regionarie», su 1.350 votanti, il compito gravoso di dimostrare che il Movimento a guida Di Maio non è in caduta libera.

In lizza anche Paolo Maninchedda, 57 anni, fondatore del Partito dei sardi, prima nella giunta Pigliaru; Mauro Pili, fondatore del movimento Unidos, che si presenta con la lista Sardi liberi; Andrea Murgia, 47 anni, funzionario della Commissione europea, sostenuto dalla coalizione indipendentista Autodeterminatzione e infine Vindice Lecis, giornalista sassarese, 61 anni, candidato di Sinistra sarda sostenuto da Rifondazione. Lo scrutinio inizierà domattina. E per Salvini sarà una «batosta» per il centrosinistra. Ma Paolo Gentiloni avverte: «La scelta è tra Massimo Zedda e Salvini. Un giovane e brillante amministratore sardo contro l’uomo mascherato».

Sorgente: corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •