0 3 minuti 1 settimana

I manifestanti in piazza contro  gli sforzi del governo di approvare una legge contro gli “agenti stranieri” che rispecchia la legislazione repressiva russa.

(Foto)
I manifestanti sono tornati nelle strade di Tbilisi in opposizione alla cosiddetta “legge russa” [Giorgi Arjevanidze/AFP]

Migliaia di georgiani si sono uniti alle  nuove proteste a Tbilisi contro un disegno di legge sugli “agenti stranieri” in stile russo, poiché il governo ha insistito che avrebbe portato avanti la legislazione anche dopo alcune delle più grandi proteste dall’indipendenza dall’Unione Sovietica nel 1991.

I manifestanti hanno iniziato a radunarsi intorno alle 22:00 (18:00 GMT) di domenica, molti dei quali hanno promesso di passare la notte fuori per impedire ai legislatori di entrare nell’edificio per la terza lettura del disegno di legge lunedì.

Il primo ministro georgiano Irakli Kobakhidze aveva detto in precedenza che intendeva approvare il disegno di legge questa settimana e aveva minacciato di perseguire i manifestanti .

Il disegno di legge impone alle organizzazioni che ricevono più del 20% dei loro finanziamenti dall’estero di registrarsi come agenti di influenza straniera o di dover affrontare sanzioni punitive.

Sventolando le bandiere dell’Unione Europea e della Georgia, i manifestanti si sono riversati sulla principale Rustaveli Avenue di Tbilisi, mentre il presidente filo-UE della Georgia Salome Zurabishvili ha avvertito i manifestanti di fare attenzione alle “provocazioni”, giorni dopo che alcuni attivisti hanno denunciato molestie e i manifestanti sono stati accolti con idranti e gas lacrimogeni .

Le autorità hanno avvertito che avrebbero arrestato coloro che avessero tentato di bloccare il parlamento.

Ma i manifestanti sono apparsi determinati a impedire che il disegno di legge – che temono possa far fallire l’ obiettivo di lunga data della Georgia di aderire all’Unione Europea e paragonarlo alla legge russa sugli “agenti stranieri” del 2012, che è stata usata per perseguitare i critici del governo – diventi legge. .

“Noi, come studenti, non vediamo un futuro con questa legge russa”, ha detto Nadezhda Polyakova, 20 anni, nata e cresciuta in Georgia ma di etnia russa.

Sorgente: Migliaia di georgiani sfidano gli avvertimenti e si uniscono alla protesta contro la legge “Russia” | Notizie di politica | Al Jazeera